Giovedì, 10 Marzo 2016 12:26

I dipendenti della Provincia di Vibo si recano da Renzi ma la polizia li ferma in autostrada

Scritto da Redazione
Letto 3476 volte

È proprio il caso di dirlo: oltre al danno, adesso è arrivata anche la beffa.

Sì, perchè i lavoratori in servizio presso la Provincia di Vibo Valentia - che, da mesi, stanno portando avanti una serie di iniziative per manifestare il proprio disappunto a causa del mancato pagamento delle mensilità arretrate - nella mattinata odierna avevano deciso di recarsi dal premier, Matteo Renzi, in visita a Mormanno, in provincia di Cosenza, per la cerimonia di abbattimento dell'ultimo diaframma della galleria Mormanno Nord dell'A3 Salerno-Reggio Calabria. Il loro viaggio, però, si è fermato a Tarsia, dove i pullman con a bordo i lavoratori è stato bloccato da una pattuglia della polizia che, stando a quanto riferito dai passeggeri, avrebbe intimato lo stop, spiegando che il viaggio non poteva proseguire per motivi di ordine pubblico. Successivamente, i dipendenti hanno ugualmente ripreso il viaggio, scortati dalla Digos e con un agente salito sul pullman, per dare indicazioni all'autista su dove dovesse dirigersi. Pur essendo arrivati a Mormanno, però, non sono riusciti ad incontrare il premier e, alla fine, al pullman con a bordo i dipendenti è stato imposto il dietrofront, concedendo loro però uno spazio per protestare in piazza a Cosenza, dove Renzi parteciperà all'inaugurazione del distretto di cyber-security di Poste Italiane. 

Dalla segreteria del presidente della Provincia di Vibo, Andrea Niglia, intanto, è stata inviata una lettera indirizzata alla deputazione calabrese di Camera e Senato, al presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, a quello del Consiglio regionale, Nicola Irto, ai consiglieri regionali, al presidente nazionale e a quello calabrese dell'Upi e al prefetto di Vibo, Carmelo Casabona, nella quale viene denunciata «la situazione gravissima» in cui si sono venute a trovare le casse dell'ente di contrada Bitonto ma, oltre al dissesto, ciò che emerge di più attualmente è «la sensazione di una improbabile via d’uscita».

«I dipendenti della Provincia di Vibo Valentia - si legge nella nota - in data 8 marzo si sono riuniti in assemblea sindacale, alla presenza del vice presidente Fera, del segretario generale della Provincia, dei segretari provinciali e regionali delle organizzazioni sindacali, al termine della quale hanno votato all’unanimità per un confronto, impellente ed urgente, con i rappresentanti politici ed istituzionali di questo territorio. Alla luce di quanto dichiarato dalle istituzioni provinciali, emerge una situazione finanziaria dell’ente gravissima e oltre al dissesto, lo sconforto maggiore proviene dalla sensazione di una improbabile via d’uscita. I dipendenti, da cinque mesi senza retribuzione, da quattro anni in sofferenza per i continui ritardi nei pagamenti, impossibilitati ad espletare proficuamente il proprio lavoro per mancanza di risorse finanziarie e strumentali, in un territorio già martoriato da una profonda crisi economica e sociale, si trovano quotidianamente ad affrontare situazioni al limite della disperazione. Ricordiamo a tutti - continua la lettera - che le funzioni fondamentali rimaste alla Provincia sono di vitale importanza per il territorio. La viabilità provinciale ormai è al collasso, gli istituti scolastici saranno prossimamente non più adeguati strutturalmente alla loro funzione e a ciò si aggiunge l’impossibilità oggettiva di erogare ulteriori servizi che la legge prevede e che potrebbero proiettare la Provincia nel suo nuovo corso. In questo quadro desolante, i dipendenti, dignitosamente, continuano a svolgere, pur con le enormi difficoltà rappresentate, il loro lavoro, mettendo a rischio anche la loro tenuta psico-fisica. Non possiamo più aspettare. Tutti i protagonisti politici ed istituzionali del territorio vibonese devono intervenire, ognuno secondo le proprie responsabilità, per mettere l’ente nelle condizioni di ripartire per come dettato dalla legge di riordino».

Ciò che si chiede in chiusura è un «intervento forte, politico, affinché la Provincia di Vibo Valentia possa, attraverso l’azione governativa ordinaria mediante l’applicazione della legge, o straordinaria, iniziare il nuovo percorso quale ente di area vasta».

Per «dare speranza a questo territorio», i dipendenti provinciali, unitamente alle organizzazioni sindacali, «invitano i rappresentanti politici ed istituzionali del territorio per la giornata di domani, venerdì 18 marzo, alle ore 16, presso la sala consiliare della Provincia».

Articoli correlati (da tag)

  • Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità» Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità»

    «Spero che questo percorso appena avviato possa dare quei contributi utili alla risoluzione delle tante problematiche che, purtroppo, attanagliano la nostra provincia».

    Lo ha detto il neo presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, a margine del primo Consiglio svoltosi stamattina, al termine del quale si è proceduto anche alla nomina del vicepresidente. Scelta, questa, ricaduta sul consigliere Giuseppe Policaro della lista “Rinascita vibonese”.

    «È necessario – ha aggiunto Solano – partire dai sindaci e dagli amministratori, i primi che si impegnano quotidianamente per cercare di risolvere questi disagi. Sono sicuro che, assieme, riusciremo ad arrivare a quella sinergia utile per raggiungere questo obiettivo. Intendo lavorare con tutti nell’interesse del territorio e, di conseguenza, sia con i consiglieri di maggioranza che con quelli di opposizione. Abbiamo già avviato una sinergia con gli uffici preposti affinché si possa ridare decoro a questo territorio. Quindi, inizieremo a lavorare su manutenzione e viabilità. Il dissesto? Nel giro di un anno e mezzo, anche prima, speriamo di venirne fuori».

  • Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti

    Si terrà domani, 15 novembre, alle ore 11, nella sala consiliare dell’ente, il primo Consiglio provinciale della nuova fase politica e amministrativa della Provincia di Vibo Valentia, guidata dal neo presidente, Salvatore Solano.

    Tra gli adempimenti preposti dagli organi istituzionali dell’ente intermedio vibonese, coordinati dal segretario generale, Mario Ientile, ci sono l’esame inerente le condizioni di candidabilità, eleggibilità e compatibilità alla carica di presidente e di consigliere provinciale, degli eletti alle recenti elezioni; la convalida; il giuramento e le comunicazioni del presidente. Assieme a Solano, eserciteranno la loro funzione istituzionale in seno al Consiglio provinciale i neo eletti: Giuseppe Policaro, Giuseppe Roberto Muratore, Domenico Anello e Maria Rosaria La Grotta (esponenti della lista “Rinascita Vibonese”); Antonio Zinnà (componente della lista “Forza Civica”), Antonio Carchedi, Maria Francesca Pascale, e Gregorio Profiti (espressione politica del Partito democratico); Maria Fiorillo e Carmine Mangiardi, membri della compagine “Civilmente Impegnati”.

    Stamattina, il neo presidente della Provincia di Vibo, ha voluto incontrare nella sala consiliare i lavoratori dell’ente. Ad affiancarlo il segretario generale Mario Ientile e il neo consigliere provinciale, Domenico Anello. Nel corso dell’iniziativa, Solano ha delineato quelli che saranno i suoi obiettivi cardine in termine di azione amministrativa. «Questa Provincia – ha evidenziato - ha in sé la forza per rialzarsi, sta a noi darle un impulso nuovo. Ho avuto modo di constatare che siete persone capaci e disponibili. Io sarò al vostro fianco, uno di voi. Dobbiamo, quindi, nonostante le note difficoltà economiche e finanziarie, agire insieme in maniera propositiva e guardare al futuro con ottimismo».

    Nei giorni scorsi, Solano - coadiuvato dal segretario Ientile - aveva incontrato anche i responsabili dei settori nevralgici dell’Ente. «Ci dovrà essere, da parte nostra, un impegno assoluto, al fine di dare risposte al territorio, soprattutto in settori importanti quali la Viabilità stradale, l’Ambiente e l’Edilizia scolastica, - ha asserito Solano, nel corso delle riunioni con i funzionari -. Molto dipenderà dai finanziamenti che il Governo nazionale ci metterà a disposizione, questo è risaputo da noi e dalla gente. Ma comunque, per quel che di nostra competenza - ha sottolineato il neo presidente - dovremo, con spirito di abnegazione e assicurando la massima trasparenza amministrativa, dare il meglio di noi stessi. Quest’ente possiede molte professionalità ed è, pertanto, mia intenzione farle emergere e valorizzarle nell’esclusivo interesse collettivo per potenziare, in termini di efficacia ed efficienza, i servizi da erogare ai cittadini del Vibonese».

  • Nicotera, l'appello: “I turisti non puniscano le popolazioni che alzano la testa” Nicotera, l'appello: “I turisti non puniscano le popolazioni che alzano la testa”

    Riceviamo e pubblichiamo

    Meno di un mese che ci siamo sollevati. Quasi un mese di agitazione, coraggio, speranza… lotta.

    Giorni di proteste, occupazioni, chiusura di esercizi commerciali, lidi, bar nel pieno della stagione e persino di domenica…

    Giorni senza più paura. Giorni di passione e dignità.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno