Sabato, 18 Ottobre 2014 09:59

Omicidio a Torre di Ruggiero. Ucciso un bracciante agricolo

Scritto da REDAZIONE
Letto 2848 volte

 

mini carabinieriIl corpo di un bracciante agricolo, Francesco Corrado, di anni 52, è stato ritrovato esanime la notte scorsa a Torre di Ruggiero, in contrada Missà. Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri della compagnia di Soverato giunti sul posto, Corrado, la notte scorsa, è stato ucciso con un fucile a pallettoni, e i violenti colpi di arma da fuoco gli hanno quasi tranciato gli arti inferiori.

La vittima, l’estate scorsa, sarebbe stato protagonista di una lite con altri braccianti del luogo. Le indagini proseguiranno per capire se questo evento possa essere collegato con la morte di Francesco Corrado.

 

Articoli correlati (da tag)

  • 'Facciamo il sapone insieme', a Torre il seminario dell'associazione 'I Sognatori' 'Facciamo il sapone insieme', a Torre il seminario dell'associazione 'I Sognatori'

    L’associazione "I Sognatori" di Torre di Ruggiero continua a portare avanti la sua attività culturale sul territorio dando vita ad un laboratorio di saponificazione.

  • Torre, Pitaro non è più sindaco: definitive le dimissioni Torre, Pitaro non è più sindaco: definitive le dimissioni

    Si è esaurito nella giornata di ieri il periodo di 20 giorni utile al ritiro delle dimissioni da parte del sindaco di Torre di Ruggiero Pino Pitaro, il quale, attraverso un comunicato diffuso alla stampa aveva fatto sapere di voler anticipare l’epilogo della sua esperienza amministrativa.

  • Torre, si è dimesso il sindaco Pitaro: 'Aree interne sull'orlo di un isolamento totale' Torre, si è dimesso il sindaco Pitaro: 'Aree interne sull'orlo di un isolamento totale'

    Il sindaco di Torre di Ruggiero, Giuseppe Pitaro, in quota Pd, ha rassegnato le dimissioni dalla carica di primo cittadino. 

  • Ombre sulla Trasversale. Il tratto Gagliato-Argusto ancora chiuso per problemi strutturali? Ombre sulla Trasversale. Il tratto Gagliato-Argusto ancora chiuso per problemi strutturali?

    Si fa ancora più intricata la trama, già abbastanza aggrovigliata, del tratto della Trasversale delle Serre afferente al tronco Argusto-Gagliato. Una “fetta” della strada a scorrimento veloce, che avrebbe dovuto collegare la costa tirrenica vibonese a quella ionica catanzarese, passando per le montagne delle Serre. 

  • Mafia Capitale, collegamenti con il clan Mancuso di Limbadi: due arresti Mafia Capitale, collegamenti con il clan Mancuso di Limbadi: due arresti

    mini mafia-capitaleSi allarga ulteriormente l'inchiesta sul giro di corruzione a Roma denominato “Mafia Capitale”. Nella mattinata di oggi, infatti, i carabinieri dei Ros hanno arrestato due soggetti che avrebbero assicurato il legame tra alcune società gestite da Salvatore Buzzi, sotto il controllo di Massimo Carminati, e la cosca Mancuso di Limbadi: si tratta di Rocco Rotolo e Salvatore Ruggiero, entrambi finiti in manette con l'accusa di associazione di tipo mafioso. Una terza persona, invece, indagata a piede libero, è stata perquisita.

    Dalle indagini è emerso che lo stesso Buzzi, dal luglio di quest'anno, avrebbe affidato la gestione dell'appalto per la pulizia del mercato Esquilino a Roma a Giovanni Campennì, imprenditore e punto di riferimento della consorteria mafiosa, attraverso la creazione di una Onlus denominata Cooperativa Santo Spirito. Nel 2009, inoltre, gli stessi Ruggiero e Rotolo si sarebbero recati in Calabria, su richiesta del ras delle coop, per accreditarsi con cosca Mancuso, tramite esponenti della cosca Piromalli di Gioia Tauro, allo scopo di ricollocare gli immigrati in esubero presso il C. P. T. di Crotone.

    Gli inquirenti hanno quindi documentato come Ruggiero e Rotolo abbiano contribuito stabilmente alle attività di Mafia Capitale. I due, sulla base dei rapporti privilegiati instaurati con esponenti della 'ndrangheta calabrese, avrebbero dunque reso possibile una salda collaborazione tra le due organizzazioni criminali. Infatti, a fronte della protezione offerta in Calabria alle cooperative controllate dalla mafia capitolina, la cosca Mancuso di Limbadi, consorteria di matrice 'ndranghetista egemone nel Vibonese, si è dunque inserita nella gestione dell'appalto pubblico in Roma proprio attraverso la presenza di Giovanni Campennì.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)