Martedì, 08 Marzo 2016 21:27

'Romanzo criminale', disposti i domiciliari per il figlio del boss Patania

Scritto da Redazione
Letto 2062 volte

STEFANACONI - Ha lasciato il carcere per passare ai domiciliari Bruno Patania, figlio del boss di Stefanaconi, Fortunato Patania, ucciso nel settembre del 2011 nel piazzale di un distributore di benzina situato nella valle del Mesima, nell'ambito della guerra di 'ndrangheta con i rivali dei piscopisani. 

Il Tribunale del Riesame ha, infatti, accolto la richiesta discussa dall'avvocato del giovane, Pamela Tassone - e presentata col codifensore del detenuto, l’avvocato Costantino Casuscelli - di gradazione della misura. I due legali di Patania - imputato nel processo “Romanzo criminale” contro i vertici e presunti affiliati dell'omonimo clan di Stefanaconi - si erano appellati al Tdl dopo che il Tribunale di Vibo, organo davanti al quale si sta svolgendo il processo, aveva rigettato la richiesta. Il giovane dovrà rispondere dei reati di usura aggravata dalle modalità mafiose e associazione mafiosa. 

La prossima udienza è fissata per il 23 marzo. 

 

Articoli correlati (da tag)

  • Stefanaconi, spari contro un autolavaggio in pieno giorno Stefanaconi, spari contro un autolavaggio in pieno giorno

    Intorno alle 12 e 30 di oggi, diversi colpi di arma da fuoco sono stati esplosi contro un autolavaggio a Stefanaconi, comune situato alle porte di Vibo Valentia.

  • Stefanaconi, stavano creando un passaggio nell'alveo del Mesima: denunciati Stefanaconi, stavano creando un passaggio nell'alveo del Mesima: denunciati

    Gli agenti del Comando Stazione del Corpo forestale dello Stato di Vibo Valentia hanno denunciato, nei giorni scorsi, due persone con l'accusa di violazione alla normativa urbanistico-edilizia ed al vincolo paesaggistico-ambientale. 

  • Mafia di Ariola, pistola pronta all'uso: arrestato Walter Loielo Mafia di Ariola, pistola pronta all'uso: arrestato Walter Loielo

    mini polizia-di-statoGli agenti del Commissariato di Polizia di Serra San Bruno, guidati dal dirigente Antonio De Tommaso, hanno tratto in arresto Walter Loielo, 20enne di Gerocarne, con l'accusa di detenzione abusiva di arma da fuoco, cartucce e coltelli. Nel corso di una normale perquisizione presso l'abitazione del giovane, è stata rinvenuta una pistola Beretta calibro 7,65 pronta all'uso, numerose cartucce, due ricetrasmittenti ed un passamontagna. Il tutto sarebbe servito per il compimento di un agguato. Espletate le formalità di rito, Loielo è stato tradotto nel carcere di Vibo Valentia, dove rimarrà a disposizione della magistratura. In base a quanto accertato dagli inquirenti, l'uomo apparterrebbe all'omonima famiglia coinvolta nella guerra di mafia contro il clan degli Emanuele, che sta insanguinando il territorio delle Serre vibonesi. Il fratello Cristian, inoltre, sta scontando una pena in carcere nell’ambito dell’operazione “Gringia”, scattata nel 2012 per far luce, da un lato, sulla faida fra i Patania di Stefanaconi e le consorterie di Piscopio e, dall’altro, sulla guerra che ha ha opposto gli stessi Patania ad altri clan rivali di Stefanaconi, legati al gruppo dei Bartolotta. Walter Loielo è anche cugino di Valerio, ferito nel luglio scorso di un agguato scattato tra Sorianello e Soriano, e di Rinaldo Loielo, arrestato l’anno scorso a Gioia Tauro perché trovato in possesso, dopo la perquisizione della sua autovettura, di una bomba che doveva essere utilizzate nel corso della faida per colpire i piscopisani.

     

     

     

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno