Giovedì, 30 Gennaio 2014 11:15

Serra, imprenditore e due dipendenti si incatenano in municipio e annunciano lo sciopero della fame

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 3032 volte

mini de paolaMimmo De Paola, titolare dell’agriturismo “Fondo dei Baroni”, assieme a due dipendenti della stessa struttura, si è incatenato questa mattina all’interno del palazzo comunale di Serra San Bruno, di fronte alla sala Giunta, entrando - per protesta - in sciopero della fame. Alle loro spalle i tre hanno affisso degli eloquenti cartelli con espliciti messaggi: «Sindaco vergogna, basta parole, vogliamo i nostri soldi!».

La disperata protesta è legata alla richiesta del pagamento dei servizi prestati ai ragazzi egiziani arrivati a Serra grazie al progetto - proposto dalla Regione Calabria - “Pitagora Mundus”, che a partire dall’autunno di due anni fa assegnò all’Istituto Alberghiero di Serra San Bruno, ben 50 studenti egiziani per 5 anni.

Secondo le direttive impartite dalla Regione, l’Istituto scolastico avrebbe adempiuto - oltre che all’ausilio formativo e didattico – anche al vitto degli studenti ospiti, mentre il Comune avrebbe dovuto sostenere le spese per l’alloggio. Ma nonostante tutto, negligentemente, in fase di approvazione del Bilancio di Previsione dell’esercizio di riferimento, l’amministrazione guidata da Bruno Rosi, non aveva inspiegabilmente inserito alcun capitolo di spesa inerente alla copertura finanziaria del progetto. Ciò nonostante – ormai due anni fa - proprio il Sindaco in persona era andato a piagnucolare alle porte di una decina di albergatori serresi perché, a sole 24 ore dall’arrivo degli egiziani, non aveva ancora reperito un degno alloggio agli studenti. Due strutture private, fra le quali proprio “Il Fondo dei Baroni” - in extremis - avevano assecondato le sue preghiere e gli studenti erano arrivati a Serra accolti in pompa magna, con finalmente un letto ed un tetto sotto cui trascorre il rigido inverno dell’Appennino calabrese. Ma col passare dei mesi, allarmati dal ritardo dei fondi promessi, gli albergatori – ormai esasperati dalle continue fughe del sindaco, sollecitato più volte a sottoscrivere una convenzione – costrinsero lo stesso primo cittadino a firmare, addirittura in presenza del Comandante della stazione dei Carabinieri di Serra San Bruno, un contratto a garanzia di quanto precedentemente pattuito. Un accordo che il sindaco aveva, ancora inspiegabilmente, firmato a titolo personale.

Quindi, su oltre 4mila servizi di pernottamento erogati dall’agriturismo di De Paola solo mille sono stati concretamente pagati. Situazione che mette oggi a repentaglio l’economia dell’azienda ed il futuro occupazionale del gruppo di giovani serresi dipendenti della stessa struttura. L’amministrazione comunale non ha ancora – a distanza di quasi due anni - onorato i debiti nei confronti dell’agriturismo, proponendosi anzi in un goffo e paradossale rimbalzo delle responsabilità con altri enti. In particolar modo il sindaco Bruno Rosi ha tentato più volte di liberarsi da ogni impegno: «E' l’ISCAPI a dover fronteggiare le spese». In realtà l’Istituto Superiore Calabrese di Politiche Internazionali - che nell’ambito del progetto ha esclusivamente un ruolo di coordinamento fra le parti interessate - una volta messo spalle al muro dalle grosse inadempienze dell’amministrazione serrese, aveva deciso di sostituirsi al Comune assumendo l’onere del pagamento dei servizi per evitare lo scioglimento del progetto ed il rimpatrio anticipato degli studenti. Ma l’ente regionale non potrà liquidare quanto dovuto se prima non avrà ricevuto i contributi promessi dal Comune di Serra. Insomma, è come il cane che si insegue per mordersi la coda.

Ne consegue che le strutture ospitanti si ritrovano con un mare di spese, buchi in bilancio, debiti verso fornitori e poca disponibilità economica, tanto che l’azienda “Fondo dei Baroni” rischia seriamente di dover porre in cassa integrazione i proprii dipendenti. Tutto il resto continua a rimanere astratto: le responsabilità si rimpallano ancora in un meschino e costante scarica barile fra Comune ed enti designati dalla Regione Calabria. Insomma, in un tempo già magro – le grossolane inadempienze di un pugno di pseudo-amministratori locali – rischiano quindi solo di produrre disoccupazione per i dipendenti di un’azienda che, proprio a causa dell’ignavia istituzionale, sta rischiando di scivolare completamente nel baratro.

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti» Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti»

    «Per Anas, evidentemente, i cittadini non devono sapere». Queste le parole riportare in una nota dalla vicepresidente del “Comitato Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato”, Silvia Vono.

  • Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out

    SERRA SAN BRUNO - Un bilancio più che positivo per il primo giorno della “Festa del fungo” organizzata dalla Pro Loco di Serra San Bruno.

  • Serra, parcheggi ed area pic-nic di Santa Maria in gestione ad una coop Serra, parcheggi ed area pic-nic di Santa Maria in gestione ad una coop

    Anche per l’estate 2016, così come era accaduto durante il mandato dell’ex sindaco di Serra San Bruno, Bruno Rosi, è stata espletata una procedura atta all’individuazione di un operatore economico a cui affidare l’appalto relativo al servizio di gestione dei parcheggi e dell’area pic-nic ubicati in località Santa Maria del Bosco.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno