Giovedì, 05 Aprile 2012 16:57

E' donna la rivoluzione in Calabria

Scritto da Sergio Gambino
Letto 2765 volte

mini enotrio_1_1Garibaldi aveva unificato l’Italia, i latifondisti, che avevano aiutato lo Stato nella repressione del banditismo, si allearono alla borghesia industriale del Settentrione: la degradazione economica spense le ultime speranze delle masse contadine del Sud. Le rivolte per la miseria in Calabria furono represse con la violenza e un'assemblea di proprietari terrieri aveva addirittura avanzato la proposta al Governo di abolire le scuole per le classi subalterne, cosa che adesso si sta riproponendo con una “scuola per censo”. L'emigrazione segnò, quindi, l'unica via di salvezza, i giovani, gli uomini abili, partivano. All'inizio del secolo oltre mezzo milione di italiani varcò l'Oceano e fino al 1914 circa dieci milioni abbandonarono la Patria, metà dei quali costituita da meridionali in cerca di fortuna negli Stati Uniti e nel Sud America. Il tenore di vita migliorò allorquando incominciarono a pervenire alle famiglie proletarie le rimesse di grandi somme di danaro da parte dei congiunti emigrati e ciò contribuì a risanare pure la bilancia commerciale nazionale. In seguito con il Fascismo, precluso lo sbocco dell'emigrazione, si poté soltanto scegliere l'arruolamento tra i "volontari" dell'Etiopia.

A risolvere il problema sarà ancora l'emigrazione, intensificatasi specialmente verso l'Europa e l'Italia del Nord. Quelli rimasti, finita la guerra e la liberazione dal fascismo, pensarono fosse venuto il momento di riappropriarsi della terra. Donne in testa, che la guerra la vivevano in patria.

L'episodio più emblematico riguardante l'occupazione delle terre incolte fu l'eccidio di Melissa nel 1949, dove - oltre ai feriti - tre giovani caddero colpiti dalle forze dell'ordine. Quel sabato 29 ottobre erano giunti con i propri compagni nella zona di Fragalà, muniti soltanto di attrezzi agricoli, per coltivare un pezzo di terra e sfamare i propri familiari. Madri imbracciati i forconi lottavano per la sopravvivenza.  Ma l'ideale di uguaglianza e di libertà che ritenevano d'aver raggiunto veniva infranto dai poliziotti chiamati ad intervenire dallo strapotere degli agrari. Nella stessa provincia, precedentemente, avevano invaso le terre migliaia di altri lavoratori a Crotone, Strongoli e Isola Capo Rizzuto. Dopo la strage di Melissa, nel 1950, l'occupazione si estese fino ad Arasì, Barritteri, Bova, Cannavà, Cannavò, Canolo, Caulonia, Focà, Gioia Tauro, Melicuccà, Messignadi, Molochio, Ortì, Palizzi, Palmi, Polistena, Rosarno, S. Ferdinando, S. Martino, Seminara, Stignano, Straorino, Taurianova e Tresilico. 

In un volantino firmato "Il Contadino", distribuito nella Piana di Gioia Tauro, riportato in “Nascita di una colonia” di Nicola Zitara, si legge testualmente: "Compagni, contadini della provincia di Reggio Calabria!
Lunedì 6 marzo i vostri fratelli di fatica e di speranza di Rosarno, S. Ferdinando, Gioia Tauro, […] per la prima volta nella nostra provincia sono scesi in lotta per rivendicare il diritto al pane e al lavoro occupando le terre incolte e malcoltivate, gli uliveti e gli agrumeti dei grossi proprietari delle loro zone, così come hanno fatto i vostri fratelli di Catanzaro e Cosenza. Essi chiedono la vostra solidarietà e vi invitano ad unirvi nella lotta in modo che sia certa la vittoria contro gli agrari sfruttatori delle loro e delle vostre fatiche e sia dato inizio alla riforma agraria, contemplata nella Costituzione Repubblicana, ma negativi della Democrazia Cristiana e dal governo dei ricchi".
In particolare Caulonia poi, con la vicenda della banda Cavallaro ben descritta ne “La Repubblica rossa di Caulonia” (Sharo Gambino 1978) e S. Martino di Taurianova, organizzati dalla Camera del Lavoro, un paio di decine di contadine si recarono nella località "Figurelle”, dove limitarono un vasto appezzamento di terreno con dei pioli ed iniziarono a potare gli olivi. Furono disperse dai Carabinieri che riuscirono a rilevare i nomi di alcuni lavoratori per denunciarli. E anche in questo caso la maggior parte dei nomi era al femminile.
Dopo il processo e la delusione, cessarono nella Piana le invasioni delle terre, furono scacciati con le armi ed i campi si macchiarono di sangue. Hanno, quindi, intrapreso in massa la via dell'esilio - rappresentata dall'emigrazione - con le valigie legate con lo spago; hanno sbattuto sul suolo i tacchi per liberarsi delle ultime tracce di terra e per non tornare; hanno conservato nel portafogli le immagini dei propri cari e quelle dei loro Santi. Sono partiti arrabbiati e con le lacrime agli occhi, lasciando la ciaramedha nel cassone delle patate, fieri delle loro antiche origini. Sono rimasti i vecchi e i bambini a pregare e ad implorare un prossimo ritorno. E le donne. Le vedove bianche. Donne forti, che ogni volta che il marito tornava dalla Germania diventavano gravide di un altro figlio da crescere. Da sole. Spesso li picchiavano spietatamente i figli, per educarli, o per sfogare la rabbia di una situazione sicuramente non bella. I pochi soldi del vaglia che arrivava a inizio del mese. Adatte ai lavori più umili, più faticosi. Partivano le squadre di donne a Serra alle quattro di mattina verso la montagna, per portare una pietra in testa o un pezzo di legno. ‘Ntesta. E magari sulle spalle il fagotto con il neonato. Ai bambini, per farli dormire in loro assenza, quando ancora alcune cose non si capivano, davano un decotto di papavero detto “la papagna”, spesso con effetti deleteri per i pargoli. C’era qualcuna che camminando faceva una calza ai ferri, e poi arrivavano in paese e ripartivano, perché un viaggio era poco. Quelle fortunate con il marito accanto, spesso e volentieri erano oggetto di botte. A Serra, ma penso in tutta la Calabria, c’era spesso, nelle cantine, il vantarsi di quante botte avevano dato alla propria moglie la sera prima. Anche amate, naturalmente. La poesia d’amore calabrese è tra le più belle del mondo, ve lo dice un calabrese, poco obbiettivamente pensando. Dimenticate. Se dovessi immaginare una Calabria viva, la penserei donna. Madri di figli morti ammazzati o spariti ingoiati dalla lupara bianca. Mia Madre e la Madre di mio figlio. Mogli di latitanti. Con il burka ancora oggi spesso e volentieri. Le donne che ci hanno portato  “vrasciuoli” e caffè quando abbiamo occupato il Municipio per la salvezza del nostro Ospedale. Speriamo che non se ne accorgano gli americani, che sennò per portarci la democrazia bombardano anche noi. Come l’Afghanistan.

(foto: dipinto di Enotrio)

Articoli correlati (da tag)

  • Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità» Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità»

    «Spero che questo percorso appena avviato possa dare quei contributi utili alla risoluzione delle tante problematiche che, purtroppo, attanagliano la nostra provincia».

    Lo ha detto il neo presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, a margine del primo Consiglio svoltosi stamattina, al termine del quale si è proceduto anche alla nomina del vicepresidente. Scelta, questa, ricaduta sul consigliere Giuseppe Policaro della lista “Rinascita vibonese”.

    «È necessario – ha aggiunto Solano – partire dai sindaci e dagli amministratori, i primi che si impegnano quotidianamente per cercare di risolvere questi disagi. Sono sicuro che, assieme, riusciremo ad arrivare a quella sinergia utile per raggiungere questo obiettivo. Intendo lavorare con tutti nell’interesse del territorio e, di conseguenza, sia con i consiglieri di maggioranza che con quelli di opposizione. Abbiamo già avviato una sinergia con gli uffici preposti affinché si possa ridare decoro a questo territorio. Quindi, inizieremo a lavorare su manutenzione e viabilità. Il dissesto? Nel giro di un anno e mezzo, anche prima, speriamo di venirne fuori».

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti

    Si terrà domani, 15 novembre, alle ore 11, nella sala consiliare dell’ente, il primo Consiglio provinciale della nuova fase politica e amministrativa della Provincia di Vibo Valentia, guidata dal neo presidente, Salvatore Solano.

    Tra gli adempimenti preposti dagli organi istituzionali dell’ente intermedio vibonese, coordinati dal segretario generale, Mario Ientile, ci sono l’esame inerente le condizioni di candidabilità, eleggibilità e compatibilità alla carica di presidente e di consigliere provinciale, degli eletti alle recenti elezioni; la convalida; il giuramento e le comunicazioni del presidente. Assieme a Solano, eserciteranno la loro funzione istituzionale in seno al Consiglio provinciale i neo eletti: Giuseppe Policaro, Giuseppe Roberto Muratore, Domenico Anello e Maria Rosaria La Grotta (esponenti della lista “Rinascita Vibonese”); Antonio Zinnà (componente della lista “Forza Civica”), Antonio Carchedi, Maria Francesca Pascale, e Gregorio Profiti (espressione politica del Partito democratico); Maria Fiorillo e Carmine Mangiardi, membri della compagine “Civilmente Impegnati”.

    Stamattina, il neo presidente della Provincia di Vibo, ha voluto incontrare nella sala consiliare i lavoratori dell’ente. Ad affiancarlo il segretario generale Mario Ientile e il neo consigliere provinciale, Domenico Anello. Nel corso dell’iniziativa, Solano ha delineato quelli che saranno i suoi obiettivi cardine in termine di azione amministrativa. «Questa Provincia – ha evidenziato - ha in sé la forza per rialzarsi, sta a noi darle un impulso nuovo. Ho avuto modo di constatare che siete persone capaci e disponibili. Io sarò al vostro fianco, uno di voi. Dobbiamo, quindi, nonostante le note difficoltà economiche e finanziarie, agire insieme in maniera propositiva e guardare al futuro con ottimismo».

    Nei giorni scorsi, Solano - coadiuvato dal segretario Ientile - aveva incontrato anche i responsabili dei settori nevralgici dell’Ente. «Ci dovrà essere, da parte nostra, un impegno assoluto, al fine di dare risposte al territorio, soprattutto in settori importanti quali la Viabilità stradale, l’Ambiente e l’Edilizia scolastica, - ha asserito Solano, nel corso delle riunioni con i funzionari -. Molto dipenderà dai finanziamenti che il Governo nazionale ci metterà a disposizione, questo è risaputo da noi e dalla gente. Ma comunque, per quel che di nostra competenza - ha sottolineato il neo presidente - dovremo, con spirito di abnegazione e assicurando la massima trasparenza amministrativa, dare il meglio di noi stessi. Quest’ente possiede molte professionalità ed è, pertanto, mia intenzione farle emergere e valorizzarle nell’esclusivo interesse collettivo per potenziare, in termini di efficacia ed efficienza, i servizi da erogare ai cittadini del Vibonese».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Provincia di Vibo, Mangialavori scrive al governo: 'Necessari interventi per il rilancio dell'ente' Provincia di Vibo, Mangialavori scrive al governo: 'Necessari interventi per il rilancio dell'ente'

    Riceviamo e pubblichiamo

    Per focalizzare l’attenzione sulle gravi criticità dell’ente Provincia è stata inoltrata missiva al presidente del Consiglio Mattero Renzi, al ministro dell’Interno Angelino Alfano e al ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio.

Altro in questa categoria:

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Bruno Greco
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)