Lunedì, 22 Aprile 2013 13:40

Due digiuni e una capanna. La protesta ridicola di Rosi e De Raffele

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 3489 volte

mini municipio_protesta_pdlSERRA SAN BRUNO - C’è un filo di rabbia negli occhi e nel cuore di ogni serrese che passa avvilito ai piedi di quel Municipio sempre più cupo e sempre più nero, di fronte al quale - come un’accozzaglia di turisti per caso - il Sindaco e company, fingono di stare accampati, in attesa di cosa, non è dato sapersi. Il Pdl locale protesta. Forse contro il Prefetto di Vibo Valentia, evidentemente colpevole di aver girato al Viminale la relazione della Commissione d’Accesso insediatasi al Comune di Serra San Bruno dopo l’arresto dell’ex Assessore Zaffino (attualmente in libertà). Allora il Sindaco s’indigna. Raduna la maggioranza, i giornalisti e qualche fedele sostenitore e in una conferenza stampa shock, al crepuscolo di una calda giornata d’aprile, si dice pronto all’automutilazione

: “Se ci sciolgono per mafia mi taglio un dito!”. Non contento, al limite del ridicolo, occupa il piazzale antistante al Municipio, fa issare una tenda, dove giura pernotterà giorno e notte in perfetto e totale digiuno forzato. Qualche ora dopo, noncurante dei fermi richiami del Prefetto, al primo cittadino si aggiungerà il Presidente del Consiglio comunale Giuseppe De Raffele: “Entro anch’io in tenda in sciopero della fame!”. Termini, condizioni ed obiettivi, ancora, rimangono del tutto sconosciuti. Che cosa si vuole ottenere?

Ma la cosa più grave è che, con un atto di sgradito vittimismo, gli stessi amministratori prossimi allo scioglimento, tentano invano di tirare per la giacchetta l’intera comunità. Si armano di lenzuolo e spago e legano alla facciata della Casa Municipale uno striscione: “Serra San Bruno NON è MAFIOSA”. E dove sta la novità? Che Serra non sia una comunità di mafiosi lo sanno tutti. Lo sa anche chi ha relazionato sulle infiltrazioni al Comune. Perché in quella relazione, probabilmente, si dice e si attesta non che i cittadini serresi siano un manipolo di ‘ndranghetisti, ma che piuttosto chi li ha governati dal 2011, lo ha fatto forte dell’appoggio di voti forse inquinati. Raccolti anche e soprattutto da soggetti attenzionati dalla magistratura, che per un motivo o per l’altro non potevano essere candidati. E si dice forse anche di più. A questo punto il commissariamento appare un atto dovuto, altrimenti si creerebbe un precedente secondo il quale chiunque stilerebbe e presenterebbe liste con candidati in posizione “ambigua” da epurare poi comodamente in seguito alla vittoria.

Così Bruno Rosi si fa sentire. Lo fa adoperando uno strumento che pure in passato fu poco avvezzo ad usare. Lo fa con la protesta. Una protesta di partito, tra l’altro, portata avanti facendo invece leva sulla carica istituzionale ricoperta, usando il Comune come strumento per tentare di salvare la poltrona. Ma perché il Sindaco serrese non protestò di recente affianco agli altri primi cittadini calabresi per tutelare la posizione dei lavoratori Lsu ed Lpu del suo comune? Perché non protestò il 2 dicembre 2011 di fronte alla sede della Regione Calabria o il 24 marzo 2012 affianco ai cittadini che occupavano il Municipio contro il ridimensionamento dell’ospedale “San Bruno”? Oggi Bruno Rosi protesta e lo fa esclamando di non essere mafioso, anche se si ritrovò nel recente passato ad utilizzare un comportamento chiaramente omertoso di fronte all’ondata di criminalità che travolge ogni giorno Serra San Bruno: perché non espresse solidarietà ai familiari di Massimo Lampasi al momento della sparizione del ragazzo? Perché continua a non voler intestare una via a Pasquale Andreacchi (altro giovane serrese scomparso e trucidato 3 anni fa) come richiesto in una petizione da circa 600 cittadini? Perché non convocò un Consiglio Comunale aperto per discutere delle centinaia di furti registratisi nel centro storico del paese negli ultimi 3 anni? Perché non fece lo stesso per arginare l’ondata di incendi ad automobili private che si verificano con cadenza quasi settimanale a Serra? Perché non espresse solidarietà al Consigliere di minoranza Mirko Tassone a cui fu, anche in questo caso, incendiata l’autovettura di fronte al portone di casa? Perché non espresse solidarietà all’Associazione Culturale Il Brigante che si ritrovò, alle 10 e mezza della sera del 9 aprile scorso, un’angosciante testa mozzata di pecora sull’uscio della sede?

 Non c’è quindi sorpresa che si sia arrivati a questo punto per colpa di chi negli ultimi due anni se n’è infischiato delle regole, del buon senso e delle proporzioni.

Articoli correlati (da tag)

  • Terza categoria | Serrese sconfitta in casa dal Pernocari Terza categoria | Serrese sconfitta in casa dal Pernocari

    Seconda sconfitta su altrettante partite per la Serrese nel girone “F” di Terza categoria.

    Dopo il ko rimediato alla prima giornata sul campo dell’Allarese, l’undici di mister Schinello ha dovuto cedere il passo al Pernocari che, ieri pomeriggio, ha espugnato lo stadio “La Quercia” con il risultato di 2 a 1. Eppure, era stata la Serrese a portarsi per prima in vantaggio con Raffaele Randò al 23’ della prima frazione con un tiro da lontano. Ad inizio ripresa, però, gli ospiti pareggiano i conti grazie a Tavella e, dieci minuti più tardi, il Pernocari sigla la rete decisiva con Mandaradoni.

    Dopo due giornate, la Serrese resta ferma a 0 punti, in compagnia di Real Capo Vaticano e Gerocarne.

    Domenica prossima è in programma la sfida esterna con l’Orsigliadi, squadra attualmente prima in classifica assieme a Filandari e Fulgor Zungri.  

  • Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti» Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti»

    «Per Anas, evidentemente, i cittadini non devono sapere». Queste le parole riportare in una nota dalla vicepresidente del “Comitato Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato”, Silvia Vono.

  • Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out

    SERRA SAN BRUNO - Un bilancio più che positivo per il primo giorno della “Festa del fungo” organizzata dalla Pro Loco di Serra San Bruno.

  • Nicotera, l'appello: “I turisti non puniscano le popolazioni che alzano la testa” Nicotera, l'appello: “I turisti non puniscano le popolazioni che alzano la testa”

    Riceviamo e pubblichiamo

    Meno di un mese che ci siamo sollevati. Quasi un mese di agitazione, coraggio, speranza… lotta.

    Giorni di proteste, occupazioni, chiusura di esercizi commerciali, lidi, bar nel pieno della stagione e persino di domenica…

    Giorni senza più paura. Giorni di passione e dignità.

  • Prima categoria | Zaffino e Giuggioloni ad un passo dal Chiaravalle Prima categoria | Zaffino e Giuggioloni ad un passo dal Chiaravalle

    Con il comunicato ufficiale numero 11 pubblicato nella giornata odierna, il Cr Calabria della Lega nazionale dilettanti ha diramato la lista dei giocatori svincolati ai sensi degli articoli 32, 107, 108 e 109 delle Norme organizzative interne della Figc.

Altro in questa categoria:

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Bruno Greco
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)