GIRDA ROTTAMI
Giovedì, 11 Luglio 2013 08:02

Memoria calpestata/2 - A Serra non c'è posto per Sharo Gambino

Scritto da Redazione
Letto 2873 volte

mini sharo_per_vizzarro_1SERRA SAN BRUNO - «Nonostante i miei ripetuti appelli e la mia formale richiesta presentata al Comune di Serra San Bruno, perché venga concesso alla mia famiglia uno stabile (tra i tanti scheletri diroccati che ci sono) da ristrutturare con fondi privati, quindi senza alcuna spesa da parte del Comune stesso, per poter "alloggiare" la Biblioteca Gambino, mi è stata negata questa possibilità. Mi trovo costretto a trasferire questo immenso patrimonio culturale in altro loco e Serra, grazie alla lungimiranza della attuale amministrazione comunale, verrà privata anche di questo bene. Se ne prenderanno la responsabilità morale con il paese, anche se, certamente, non si rendono conto di quanto si sta rifiutando e perdendo». Sono le parole con cui Sergio Gambino, figlio dell'intellettuale Sharo scomparso 5 anni fa, annuncia l'invio di una lettera aperta ai Comuni calabresi per chiedere «se qualcuno con una sensibilità diversa voglia dare spazio all'archivio di mio padre.

Solo una frase di Sharo mi torna in mente in questo momento: "Amo e ho amato Serra di un amore viscerale, quasi morboso"... evidentemente l'amore non era corrisposto... Vorrei  saper se in Calabria c’è qualche comune disposto, con un progetto serio, ad ospitare la sede della Casa della cultura e il patrimonio della mia famiglia composto da oltre tremila volumi, un'emeroteca con le raccolte degli articoli originali di Gambino, raccolta in originale della poesia popolare calabrese (centinaia di inediti) e corrispondenza originale con i maggiori rappresentanti della cultura calabrese del secolo scorso (Zitara, Repaci, don Massimo Alvaro, Zappone) quadri di Enotrio, Spatari, sculture di Carnevali, Spatari e Correale, oltre allo studio di Gambino per la creazione di una Casa museo».

Nella lettera in cui richiedeva uno stabile in comodato d’uso al Comune di Serra, Sergio Gambino ricordava che «nei giorni scorsi, per volontà della famiglia Gambino, è stata fondata e presentata ufficialmente la Casa della cultura “Sharo Gambino”, un’associazione per lo sviluppo della cultura e del territorio attraverso cui la famiglia Gambino intende recuperare, valorizzare e rendere fruibile l’archivio che il compianto scrittore ha messo in piedi nell’arco della sua vita; tra gli scopi principali della Casa della cultura, che non ha finalità di lucro – né tantomeno politiche – c’è la costituzione di un osservatorio permanente che si occupi di cultura, legalità, servizi sociali, ambiente, turismo, lavoro; per perseguire queste finalità verrà realizzata una biblioteca multimediale, un’emeroteca, un archivio storico e diversi laboratori d’arte e artigianato per il recupero e la valorizzazione degli antichi mestieri; l’associazione si occuperà inoltre della promozione di iniziative di contrasto alla criminalità organizzata, tramite campagne educative e di diffusione della cultura e della cultura alla legalità e collaborazioni con le autorità nell'individuazione dei fattori sociali di radicamento e sviluppo dei fenomeni criminali e delle strategie sul piano economico e produttivo per contrastarne i rischi; tutto ciò verrà realizzato attraverso numerose attività di studio, di formazione e di ricerca sui fenomeni criminali, anche in collaborazione con enti, università e istituti di ricerca».

Gambino metteva in evidenza «il carattere puramente culturale e sociale dell'associazione e le ricadute estremamente positive (sia in termini di immagine e sia in termini economici) per il territorio» che la Casa della cultura “Sharo Gambino” avrebbe. Di qui la richiesta, alle amministrazioni comunali cui potrebbe essere spedita la stessa lettera, «di voler concedere in comodato d’uso pluriennale, con modalità e tempi da concordare» uno stabile «di proprietà comunale, da utilizzare come sede permanente dell’associazione».

Nella lettera al Comune del Vibonese, Gambino specificava che il «recupero strutturale» richiesto dall'ex carcere (la struttura individuata come sede della Casa della cultura) per diventare agibile poteva essere sostenuto «anche attraverso spese a carico dell’associazione, in modo da poter destinare i locali a biblioteca ed altri servizi che saranno messi a disposizione completa della collettività senza alcun aggravio di spesa per codesto ente».

 

https://www.ilvizzarro.it/via-sharo-gambino-la-memoria-calpestata.html

Articoli correlati (da tag)

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti» Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti»

    «Per Anas, evidentemente, i cittadini non devono sapere». Queste le parole riportare in una nota dalla vicepresidente del “Comitato Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato”, Silvia Vono.

  • Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out

    SERRA SAN BRUNO - Un bilancio più che positivo per il primo giorno della “Festa del fungo” organizzata dalla Pro Loco di Serra San Bruno.

  • Serra, parcheggi ed area pic-nic di Santa Maria in gestione ad una coop Serra, parcheggi ed area pic-nic di Santa Maria in gestione ad una coop

    Anche per l’estate 2016, così come era accaduto durante il mandato dell’ex sindaco di Serra San Bruno, Bruno Rosi, è stata espletata una procedura atta all’individuazione di un operatore economico a cui affidare l’appalto relativo al servizio di gestione dei parcheggi e dell’area pic-nic ubicati in località Santa Maria del Bosco.

  • Serra, parte la nuova raccolta differenziata: sorveglianza affidata a guardie ecozoofile Serra, parte la nuova raccolta differenziata: sorveglianza affidata a guardie ecozoofile

    Nel corso di una conferenza stampa tenuta nel locale Municipio, alcuni dei rappresentanti dell’amministrazione comunale di Serra San Bruno, tra i quali il sindaco Luigi Tassone, avevano presentato ufficialmente nei giorni scorsi il nuovo sistema di raccolta differenziata, pronto, già dalla mattinata di domani a fare il suo esordio sul territorio cittadino.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)