GIRDA ROTTAMI
Mercoledì, 03 Luglio 2013 10:36

Provincia commissariata. Gli intrecci tra mafia e politica nei Comuni del Vibonese

Scritto da
Letto 3588 volte

mini prefettura_viboIl record, non certo positivo, l'hanno raggiunto sia Nicotera che Briatico, Comuni sciolti per mafia per ben due volte nell'arco di circa 10 anni. Come loro, in Calabria, solo Rosarno e Roccaforte del Greco, Comune sciolto addirittura 3 volte tra il 1996 e il 2011. In Italia, nessuno. Ma quello delle amministrazioni pubbliche in cui sono state riscontrate ingerenze della criminalità organizzata non è solo l'ennesimo triste primato della nostra regione, e al dato statistico, impressionante, va aggiunto anche quello politico, che racconta di uno stato di temporanea sospensione della democrazia che, in alcune zone in particolare, sta diventando la normalità.

Una sconfortante prassi a cui pochi riescono a sottrarsi, che però è solo una conseguenza del condizionamento forzoso della volontà popolare, praticato sistematicamente e scientificamente dalle cosche della 'ndrangheta.

In provincia di Vibo si cominciò trent'anni fa, quando ancora non esisteva alcuna normativa sullo scioglimento dei consigli comunali per infiltrazioni mafiose. Pionieri dell'illegalità, dunque. All'epoca capo dello Stato era Sandro Pertini, il presidente partigiano che, nonostante ne avesse viste tante, probabilmente non credette alle sue orecchie quando gli prospettarono il caso di Limbadi.

Nel piccolo Comune del Vibonese si era candidato alle elezioni un certo Ciccio Mancuso, patriarca di quello che sarebbe divenuto il più potente casato di 'ndrangheta della provincia. Mancuso era capolista e risultò il primo degli eletti, solo che nel momento in cui fu votato era anche latitante. D'altronde era un successo annunciato: la lista di cui faceva parte il fratello del boss Pantaleone (classe 1947) non tradì le aspettative. A non più di 10 giorni dal voto, però, il neoeletto consiglio comunale fu sciolto con decreto del presidente della Repubblica. Primo caso in Italia. Francesco Mancuso morì nel 1997, ma i contatti della sua famiglia con la politica, nel frattempo, sono stati coltivati con dedizione e determinazione dai suoi fratelli, i boss della “generazione degli 11”, che negli anni hanno allungato i tentacoli ben oltre i confini del Vibonese. «Loro parlano di ‘ndrangheta - diceva, intercettato dagli uomini del Ros, proprio Pantaleone “Vetrinetta” - quando la ‘ndrangheta non esiste più!… una volta, a Limbadi, a Nicotera, a Rosarno, a… c’era la ‘ndrangheta!… la ‘ndrangheta fa parte della massoneria!».

Se le parole del boss siano veritiere non è dato saperlo, ma certo la mafia calabrese il salto di qualità lo ha fatto da tempo. I pastori che, muniti di coppola e lupara, dominavano le campagne hanno da tempo messo il vestito buono, e se prima erano loro a bussare alle porte dei politici per ottenere favori e raccomandazioni, ora i rapporti di forza sono certamente mutati e i ruoli, come emerge da molte recenti inchieste giudiziarie, potrebbero in alcuni casi essersi addirittura invertiti. Nel Vibonese l'ultimo provvedimento, in ordine di tempo, che il governo ha emanato in proposito è datato 24 maggio, con la proroga del commissariamento del Comune di Briatico, sulla costa tirrenica.

Questo ente era stato già sciolto per infiltrazioni mafiose nel marzo 2003, poi nell'aprile 2011 era stata nuovamente inviata una commissione d'accesso agli atti, il cui lavoro investigativo ha portato a un nuovo scioglimento, decretato il 21 gennaio 2012. Tra le altre cose, sotto la lente della Commissione in questo caso è finita una lottizzazione sospetta di un terreno (“Brace-Anticaglia”), l'affidamento con procedura di somma urgenza della manutenzione di due edifici scolastici a un'impresa risultata in odore di mafia e il servizio di refezione scolastica che, per ben tre anni consecutivi, sarebbe stato affidato a una ditta «riconducibile alla locale consorteria» che per gli inquirenti sarebbe capeggiata da Antonio Accorinti.

Le temutissime triadi inviate dalla Prefettura hanno fatto visita nei mesi scorsi anche ad altri tre Comuni non molto distanti: Joppolo, Ricadi e Limbadi. In questo caso ad indurre l'Ufficio territoriale del governo a disporre, nel giro di appena 20 giorni, i tre mandati ispettivi, è stata l'operazione “Black Money” condotta dalla Dda di Catanzaro contro la cosca Mancuso. Nell'ambito del blitz del Ros era finito in manette anche Giovanni Paparatto, tecnico del Comune di Ricadi, poi scarcerato dal Tribunale del Riesame di Catanzaro. Secondo i magistrati, il dipendente comunale avrebbe fornito supporto al clan Mancuso e ad Agostino Papaianni, altro arrestato, avvalendosi del suo ruolo istituzionale e tutelando gli interessi delle imprese riferibili al gruppo, mantenendo «contatti con professionisti e funzionari al fine di ottenere vantaggi per le aziende mafiose».  

Un caso destinato a fare giurisprudenza è invece quello di Nardodipace, comune dell'entroterra montano al confine con la provincia di Reggio. Qui l'amministrazione di centrodestra guidata da Romano Loielo, eletto nel 2007, si è vista arrivare la commissione d'accesso, una prima volta, nel settembre 2008. L'allora Prefetto di Vibo, Luisa Latella, chiese al Viminale lo scioglimento, ma il governo Berlusconi – ministro dell'Interno era il leghista Maroni – decise di archiviare la pratica. La notizia fu accolta ovviamente con gioia dagli amministratori dell'epoca, e l'ex senatore del Pdl Franco Bevilacqua, in proposito, affermò pubblicamente che «la 'ndrangheta a Nardodipace non esiste, perché qui non ci sono soldi».

Nell'aprile 2011 però scattò la maxioperazione “Crimine” che svelò l'esistenza di un presunto locale di 'ndrangheta proprio in quello che per anni era stato bollato come “il paese più povero d'Italia”, e capo indiscusso della cosca secondo i magistrati reggini sarebbe stato Rocco Tassone, il cui figlio, Romolo, era vicesindaco nella giunta Loielo. L'epilogo arrivò a dicembre 2011 con lo scioglimento dell'ente, decretato dal governo Monti. Un finale analogo vissuto, nel luglio 2012, dagli ex amministratori di centrodestra della vicina Mongiana, che nel 2009 avevano vinto le elezioni per soli 18 voti. Segno politico opposto, ma stessa sorte, per Vincenzo Varone a Mileto, che si è visto respingere anche il ricorso al Tar del Lazio con motivazioni che ribadiscono come non sia necessaria la commissione di reati per accertare forme di condizionamento o contiguità. In più per Varone e diversi esponenti della maggioranza è stata decretata anche l'incandidabilità.

Nonostante la normativa sia divenuta abbastanza stringente, anche l'ex sindaco di San Calogero, Nicola Brosio, sta provando a percorrere la strada del suo omologo miletese: è di pochi giorni fa il suo ricorso contro il decreto di scioglimento che, tra le altre cose, aveva rivelato la presunta vicinanza di due consiglieri (uno di maggioranza e uno di opposizione) a Vincenzo Barbieri, broker internazionale della cocaina legato ai Mancuso e ucciso il 12 marzo 2011 proprio a San Calogero, la cui moglie sarebbe legata da rapporti amicali proprio con l'ex sindaco.  

Si tratta di sospetti messi nero su bianco dagli investigatori e che verranno affrontati nelle sedi giudiziarie, ma a volte basta il giusto tempismo ad evitare sorprese: a Gerocarne, paese delle Preserre al centro dell'operazione “Luce nei boschi”, l'ex sindaco Sebastiano Rocco Catania si dimise a marzo 2012 «per motivi di salute», ma meno di sei mesi dopo ci fu comunque l'accesso antimafia che, questa volta, si è concluso con l'archiviazione per insussistenza. Ancora più svelti sono stati a Parghelia: appena è stato reso noto che qualche esponente dell'amministrazione comunale poteva essere sfiorato dall'inchiesta “Peter Pan” contro il clan La Rosa di Tropea, il sindaco Maria Brosio ha rassegnato le dimissioni insieme alla maggioranza di centrodestra, evitando così il possibile arrivo della commissione d'accesso e agguantando anche la riconferma nelle recenti amministrative.

Una strategia, questa, per nulla presa in considerazione dal sindaco di Serra San Bruno, il pidiellino Bruno Rosi, che ha minacciato in conferenza stampa di tagliarsi un dito in caso il governo decidesse di commissariare per mafia il “suo” Comune. La grottesca minaccia, però, non deve aver avuto grande risonanza né nelle stanze del Viminale né in quelle della Prefettura: per l'amministrazione del comune montano, il cui dominus politico è l'assessore regionale Nazzareno Salerno, il coinvolgimento dell'ex assessore Bruno Zaffino – arrestato e poi scarcerato – nell'operazione “Saggezza” non rappresenta certamente l'unica circostanza che ha spinto l'Utg vibonese a chiedere lo scioglimento.

E infine c'è il comune capoluogo, su cui, pare, gli inquirenti abbiano messo insieme un fascicolo piuttosto corposo. La grana più scottante – e più recente – riguarda, come riportato dalla stampa locale, un consigliere comunale di maggioranza, Giancarlo Giannini (Pdl), individuato, ma non ancora formalmente indagato, nell'inchiesta “Libra” come «soggetto in rapporti di cointeressenza con appartenenti al clan Tripodi-Mantino».

Inoltre, non sono passati inosservati alcuni affidamenti di lavori, consulenze e gare d'appalto che avrebbero favorito imprese vicine ad assessori in carica, in alcuni casi di proprietà di parenti.

***********************************************************************

L'attuale presidente del Senato Piero Grasso, quando era Procuratore nazionale antimafia, ha più volte affrontato la questione con una battuta molto amara: «Ci sono zone del Paese dov'è lo Stato  che deve infiltrarsi e fa fatica a farlo». Il dato geografico, in effetti, è abbastanza impietoso per il meridione: negli ultimi 5 anni (dall'aprile 2008 al dicembre 2012) sono stati sciolti 49 consigli comunali, di cui 24 in Calabria, 12 in Campania, 9 in Sicilia, 2 in Liguria e 2 in Piemonte. Se si considera invece il periodo compreso tra il 1991 e il dicembre 2012, dei 227 Comuni commissariati per mafia – a cui vanno aggiunte anche 4 aziende sanitarie – 91 si trovano in Campania, 64 in Calabria, 58 in Sicilia, 7 in Puglia, 3 in Piemonte, 2 in Liguria, 1 in Basilicata  e 1 nel Lazio. 36 di questi sono stati sciolti due volte.

Il 2012, con 25 provvedimenti di scioglimento, è stato un anno record. Ma, oltre all'impennata in termini numerici, la significativa inversione di tendenza impressa dal governo Monti riguarda  proprio la mappa geografica delle infiltrazioni criminali nelle amministrazioni pubbliche. Negli ultimi due anni sono stati sciolti per mafia ben 4 Comuni del Nord: non sono pochi, specie se si pensa che nei vent'anni precedenti c'era stato un unico caso, quello di Bardonecchia (Torino) commissariato nel 1995. Piemonte e Liguria sono le regioni a più alto rischio: a marzo 2011 è toccato a Bordighera (Imperia), mentre tra febbraio e maggio 2012 è stata la volta di Leinì e Rivarolo Canavese (Torino) e di Ventimiglia (Imperia). Senza precedenti, infine, è stato lo scioglimento del Comune di Reggio Calabria, il primo capoluogo di provincia commissariato per mafia.

Il colore delle amministrazioni sciolte è prevalentemente di centrodestra, anche se c'è da considerare che nel marasma delle liste civiche molto spesso è difficile distinguere la connotazione politica di maggioranze che non di rado sono frutto di accordi trasversali legati più al territorio e alle singole persone che alle dinamiche dei partiti nazionali.

Per la 'ndrangheta, però, il “gancio” per infiltrarsi nella gestione della cosa pubblica non è sempre e solo politico. Da diverse inchieste giudiziarie, infatti, è emerso che spesso sono le attività dell'apparato burocratico degli enti ad essere pesantemente condizionate. Proprio per questo tali situazioni sono state regolamentate sia dalla legge 221 del 22 luglio 1991, sia, in maniera ancora più stringente, dal testo unico degli enti locali (decreto legislativo 267/2000, articoli 143 e seguenti).

Infine è utile ricordare che, nonostante si sia molto diffusa, tra gli amministratori colpiti dai provvedimenti di scioglimento, la tendenza ad impugnare i decreti di fronte al Tar, il Consiglio di Stato ha più volte sentenziato che il commissariamento per infiltrazioni mafiose è da ritenersi un istituto di natura preventiva e cautelare: in sostanza, per arrivare allo scioglimento basta che gli elementi raccolti siano anche solo “indicativi” di un condizionamento dell’attività degli organi amministrativi da parte della criminalità organizzata.

(servizio pubblicato sul numero 105 del Corriere della Calabria)

 

 

 

 

Articoli correlati (da tag)

  • Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri

    Un’arma a doppio taglio quella della sempre più diffusa tendenza ad affidarsi all’e-Commerce per l’acquisto di prodotti di ogni genere. Una pratica che da una parte permette al cliente di avere il prodotto desiderato recapitato direttamente a casa propria in un breve lasso di tempo, ma che da un altro punto di vista sta concorrendo a affossare ulteriormente il mercato locale e le attività commerciali presenti sul territorio.

    Una questione aperta anche per i paesi della provincia di Vibo Valentia che sta via via scalando posizioni nella classifica dei territorio dove si ricorre con maggiore frequenza allo shopping online. A diffondere i dati del fenomeno è stato il gruppo Poste Italiane che ha proprio sottolineato come nella nostra provincia stia letteralmente volando l’e-Commerce nella fascia centrale della Calabria che comprende proprio le province di Vibo e Catanzaro, dove «nei primi nove mesi del 2018 Poste Italiane ha consegnato oltre 365mila pacchi. In pratica, quasi due pacchi a testa per ogni abitante, a dimostrazione dell’abitudine sempre più diffusa allo shopping online in ogni parte d’Italia, anche grazie alla capillarità e alla flessibilità del servizio di Poste Italiane che prevede consegne anche di sera e nel week end».

    Le principali categorie di acquisto riguardano l’abbigliamento (52%), libri e riviste (45%), ma anche cellulari, smartphone e tablet (37%), piccoli elettrodomestici (30%), prodotti per la cura del corpo (30%) o audio /video (30%). Il settore sarebbe dunque in crescita esponenziale, tanto che secondo le stime elaborate dal Politecnico di Milano in collaborazione con il consorzio Netcomm, il giro d’affari complessivo dell’e-commerce italiano raggiungerà a fine 2018 i 27 miliardi di euro, con un aumento del 15% rispetto all’anno precedente. Un trend di crescita che proseguirà nei prossimi anni, visto che il ritardo del nostro Paese nei confronti dei mercati più avanzati non è ancora colmato.

  • Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità» Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità»

    «Spero che questo percorso appena avviato possa dare quei contributi utili alla risoluzione delle tante problematiche che, purtroppo, attanagliano la nostra provincia».

    Lo ha detto il neo presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, a margine del primo Consiglio svoltosi stamattina, al termine del quale si è proceduto anche alla nomina del vicepresidente. Scelta, questa, ricaduta sul consigliere Giuseppe Policaro della lista “Rinascita vibonese”.

    «È necessario – ha aggiunto Solano – partire dai sindaci e dagli amministratori, i primi che si impegnano quotidianamente per cercare di risolvere questi disagi. Sono sicuro che, assieme, riusciremo ad arrivare a quella sinergia utile per raggiungere questo obiettivo. Intendo lavorare con tutti nell’interesse del territorio e, di conseguenza, sia con i consiglieri di maggioranza che con quelli di opposizione. Abbiamo già avviato una sinergia con gli uffici preposti affinché si possa ridare decoro a questo territorio. Quindi, inizieremo a lavorare su manutenzione e viabilità. Il dissesto? Nel giro di un anno e mezzo, anche prima, speriamo di venirne fuori».

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti

    Si terrà domani, 15 novembre, alle ore 11, nella sala consiliare dell’ente, il primo Consiglio provinciale della nuova fase politica e amministrativa della Provincia di Vibo Valentia, guidata dal neo presidente, Salvatore Solano.

    Tra gli adempimenti preposti dagli organi istituzionali dell’ente intermedio vibonese, coordinati dal segretario generale, Mario Ientile, ci sono l’esame inerente le condizioni di candidabilità, eleggibilità e compatibilità alla carica di presidente e di consigliere provinciale, degli eletti alle recenti elezioni; la convalida; il giuramento e le comunicazioni del presidente. Assieme a Solano, eserciteranno la loro funzione istituzionale in seno al Consiglio provinciale i neo eletti: Giuseppe Policaro, Giuseppe Roberto Muratore, Domenico Anello e Maria Rosaria La Grotta (esponenti della lista “Rinascita Vibonese”); Antonio Zinnà (componente della lista “Forza Civica”), Antonio Carchedi, Maria Francesca Pascale, e Gregorio Profiti (espressione politica del Partito democratico); Maria Fiorillo e Carmine Mangiardi, membri della compagine “Civilmente Impegnati”.

    Stamattina, il neo presidente della Provincia di Vibo, ha voluto incontrare nella sala consiliare i lavoratori dell’ente. Ad affiancarlo il segretario generale Mario Ientile e il neo consigliere provinciale, Domenico Anello. Nel corso dell’iniziativa, Solano ha delineato quelli che saranno i suoi obiettivi cardine in termine di azione amministrativa. «Questa Provincia – ha evidenziato - ha in sé la forza per rialzarsi, sta a noi darle un impulso nuovo. Ho avuto modo di constatare che siete persone capaci e disponibili. Io sarò al vostro fianco, uno di voi. Dobbiamo, quindi, nonostante le note difficoltà economiche e finanziarie, agire insieme in maniera propositiva e guardare al futuro con ottimismo».

    Nei giorni scorsi, Solano - coadiuvato dal segretario Ientile - aveva incontrato anche i responsabili dei settori nevralgici dell’Ente. «Ci dovrà essere, da parte nostra, un impegno assoluto, al fine di dare risposte al territorio, soprattutto in settori importanti quali la Viabilità stradale, l’Ambiente e l’Edilizia scolastica, - ha asserito Solano, nel corso delle riunioni con i funzionari -. Molto dipenderà dai finanziamenti che il Governo nazionale ci metterà a disposizione, questo è risaputo da noi e dalla gente. Ma comunque, per quel che di nostra competenza - ha sottolineato il neo presidente - dovremo, con spirito di abnegazione e assicurando la massima trasparenza amministrativa, dare il meglio di noi stessi. Quest’ente possiede molte professionalità ed è, pertanto, mia intenzione farle emergere e valorizzarle nell’esclusivo interesse collettivo per potenziare, in termini di efficacia ed efficienza, i servizi da erogare ai cittadini del Vibonese».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)