Venerdì, 30 Novembre 2012 16:25

Anticonsiglio comunale/11. C’è del marcio in maggioranza

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 1949 volte

mini consiglio_com_30_nov_2012SERRA SAN BRUNO - Il sole timido che filtra dalle finestre di sala Chimirri non può bastare a riscaldare gli animi fragili di una maggioranza agonizzante, ormai giunta agli ultimi affanni di un cammino tutt’altro che glorioso. Un’amministrazione in balia della tempesta che fra qualche mese potrebbe non esistere più. Sarà probabilmente sostituita da tre commissari prefettizi freddi ed ordinari: una sorta di punizione multipla in un tempo già da carestia. Aspettiamoci il peggio. 

Al I punto si discute assai confusamente della sostituzione dell’ex consigliere Bruno Zaffino. La maggioranza si affretta a sciogliere il nodo. Ma Lo Iacono affonda

: “Perché questa superficialità? C’è al Comune una Commissione d’accesso agli atti per accertare eventuali infiltrazioni mafiose e voi vi limitate a sostituire un consigliere indagato come se questo fosse impossibilitato perché impegnato ad andare al mare! Esprimetevi una volta per tutte o dimettetevi”. Il sindaco incassa come un bambino ingenuo che gioca, inciampa e si sporca la t-shirt. Risponde: “Ho preso le distanze da Zaffino estromettendolo dalla giunta dopo aver visionato alcuni atti del Patto Territoriale di cui fu tra i beneficiari”. Il discorso diventa contraddittorio. Rosi, in un diluvio di parole senza senso, si autoaccusa, in sostanza, di falso in atto pubblico: oggi racconta di aver sospeso Zaffino per delle anomalie riscontrate nell’ufficio dello stesso Patto, mentre il 21 dicembre scriveva nel provvedimento di revoca che l’ex assessore veniva sostituito “per ridare slancio all’attività amministrativa”. Frasi che evidenziano il masochismo di una maggioranza gracile, frastornata e buffa, incapace di proporre il linguaggio della verità ai cittadini che avrebbero quanto meno il diritto di conoscere i fatti in tempo reale e non tramite censurabili e poco attendibili flashback. Ormai il dado è tratto. La dichiarazione di Rosi viene messa a verbale, nonostante ciò il capogruppo Salerno in versione “il sindaco voleva dire”, tenta di limitare i danni affannandosi a spacciare le miserie per virtù: “Non abbiamo affatto problemi a parlare di Zaffino, anzi per trasparenza, dopo il suo arresto se non fossero arrivati i Commissari al Comune, li avremmo richiesti noi stessi”. Insomma la commissione d’inchiesta è come la Fiat Panda: se non ci fosse bisognerebbe inventarla.

Nel marasma della discussione la nomina di Raffaele Callà a neo consigliere diventa marginale. Nella stanza persiste l’incubo Zaffino: i finanziamenti pubblici ricevuti fin dal 2002 a favore della sua azienda, la parentela acquisita con i Vallelunga, l’esposto reso pubblico dal Corriere della Calabria, il fitto corteggiamento per la candidatura nel PdL di cui Zaffino sarebbe ancora tesserato, la stessa lista PdL mai vagliata dalla prefettura prima della campagna elettorale, il sindaco Rosi che avrebbe spinto una dipendente comunale a contraffare il certificato di rito di Zaffino richiesto dai carabinieri. È il caos. Il consigliere di minoranza Federico dichiara che non prenderà parte alle votazioni “nè per questo nè per i punti successivi” e si allontana dal tavolo del Consiglio. Mirko Tassone rincara la dose: “Avete il dovere di fare chiarezza su quanto sta accedendo a Serra”. Si passa alla votazione. A Zaffino, sospeso dal Prefetto, subentra il primo dei non eletti Callà. L’investitura è accolta dall’applauso unanime dei presenti. Auguri al consigliere supplente. Anzi buona fortuna. Ne avrà bisogno.

Il Consiglio comunale, nonostante fossero stati previsti altri 5 punti all’ordine del giorno, finisce qui. Ufficialmente perché il vicesindaco dice di avere impegni improrogabili, per ritrovarsi poi dopo soli 10 minuti al bar a sorseggiare un caffè col resto della maggioranza. In realtà ai punti successivi risulta non allegato il parere obbligatorio del Revisore dei Conti (dimessosi subito prima dell’arrivo della commissione d’accesso al Comune) per il piano di riequilibrio finanziario (art. 239 TUEL). Ne consegue la mancata approvazione del bilancio di previsione 2013 in scadenza proprio oggi. Ciò, a norma di legge, potrebbe portare il Prefetto ad emettere una diffida al Consiglio comunale ed una proroga di ulteriori 20 giorni oltre i quali, se non sarà approvato lo schema di bilancio, lo stesso Prefetto dovrà sciogliere con effetto immediato il Consiglio comunale (art. 141 TUEL). Ad ogni modo, se ne discuterà nella prossima seduta, convocata per lunedì. Mala tempora. 

Articoli correlati (da tag)

  • L'anticonsiglio comunale/35 - Il nuovo record dell'amministrazione Rosi: 5 minuti e tutti a casa L'anticonsiglio comunale/35 - Il nuovo record dell'amministrazione Rosi: 5 minuti e tutti a casa

    SERRA SAN BRUNO - Se quella di stamane non è stata la seduta del consiglio comunale più corta in termini di durata dell'amministrazione Rosi, davvero poco ci manca. La riunione del civico consesso si è tenuta alle 9 presso i locali di palazzo Chimirri ed, in pochissimi minuti, si è proceduto all'approvazione dei punti all'ordine del giorno. 

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco Vibo, rapina ad un distributore: fermato Giuseppe Lo Bianco

    mini Carabinieri-sorianelloVIBO VALENTIA - Sarebbe uno degli autori di una rapina ai danni di un distributore di carburanti che avrebbe fruttato nel complesso 15mila euro. Con questa accusa, i carabinieri hanno fermato nella giornata di ieri Giuseppe Lo Bianco, classe '72, pluripregiudicato appartenente all'ominimo clan operante nella città capoluogo. Il fatto risale intorno alle 18 di ieri, quando due persone con il volto coperto e armate di pistola, hanno fatto irruzione in un distributore situato nella centralissima viale Affaccio, intimando il titolare facendosi consegnare la somma in contanti che ammontava a 15mila euro. Subito dopo i malviventi si sarebbero dati alla fuga a bordo di un'autovettura, guidata da un altro complice. Scattato l'allarme, i carabinieri nel giro di pochi minuti sono riusciti a rintracciare la macchina in località Ottocanalli. Alla guida c'era lo stesso Lo Bianco che è stato immediatamente bloccato. Dalla perquisizione eseguita all'interno dell'autovettura, inoltre, i militari hanno rinvenuto un passamontagna nascosto sotto i sedili che sarebbe lo stesso utilizzato dai malviventi per compiere la rapina. Il 42enne, posto in stato di fermo e tradotto in carcere, è già noto alle forze in quanto rimasto coinvolto nell'operazione “Cash”, scattata nel luglio del 2011. Nei suoi confronti, infine, viene contestata anche un'altra rapina, messa a segno ad ottobre in un supermercato di Vibo.


     

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

  • Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera

    mini polizia_cantonaleLa Polizia cantonale ha arrestato nei giorni scorsi in Svizzera Antonio Montagnese, 35 anni di Fabrizia, ritenuto al vertice dell'omonimo clan Montagnese-Nesci, e già condannato in Cassazione ad una pena di 9 anni di reclusione con l'accusa di associazione mafiosa. Il 35enne era rimasto coinvolto nell'operazione “Domino”, scattata nel 2007. Montagnese è il genero di Bruno Nesci, anche lui al vertice della consorteria mafiosa. Subito dopo la sentenza della Cassazione, arrivata nel maggio di quest'anno che ha certificato l'esistenza di un locale di 'ndrangheta a Fabrizia, Montagnese si era dato latitante in Svizzera, ma la Polizia Cantonale dopo mesi di ricerche è riuscita a rintracciarlo. 

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)