Domenica, 15 Gennaio 2012 13:25

Chiusa Nefrologia a Vibo. L'Asp: "Stiamo solo applicando il decreto di Scopelliti"

Scritto da Redazione
Letto 2109 volte

mini asp-viboLa recente chiusura del reparto di Nefrologia dell'ospedale "Jazzolino" di Vibo Valentia sta suscitando dure reazioni da parte degli addetti ai lavori, della politica e delle associazioni di categoria. La prima ad intervenire per criticare duramente il provvedimento dell'Asp di Vibo era stata Teresa Papalia, presidente della sezione calabrese della Società italiana di Nefrologia. Analoga reazione è arrivata anche dall'Adet, l'associazione dei dializzati, che ha lanciato un accorato appello affinchè si faccia marcia indietro sulla chiusura del reparto. E intervengono anche i politici vibonesi: il senatore Franco Bevilacqua (Pdl) si limita a criticare l'Asp vibonese - retta da una commissione straordinaria dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose - mentre Bruno Censore, consigliere regionale Pd, chiama in causa anche il presidente della Regione Scopelliti, commissario ad acta per il piano di rientro.

In effetti, lo stesso direttore sanitario dell'Asp, Mario Tarabbo, ha spiegato che la Commissione straordinaria "sta solo applicando il decreto 106 di Scopelliti", che ha assegnato i posti letto nelle strutture ospedaliere calabresi e che non prevede il reparto di Nefrologia a Vibo. Dunque l'Asp, anche perchè sollecitata, sta solo dando seguito alle decisioni del presidente della Regione.

Di seguito la nota del sen. Bevilacqua. “Prima di  arrivare a sopprimere  una branca della medicina così importante - osserva il parlamentare  vibonese - come quella inerente alla prevenzione e cura delle malattie renali forse occorrerebbe valutare alcuni dati, tra cui il disagio a cui verrebbero sottoposti gli utenti che, in quanto affetti da delicate patologie, sarebbero costretti a far capo ad altre strutture”. Da non sottovalutare, per Bevilacqua, sarebbero, però, anche gli introiti che l’azienda sanitaria verrebbe a perdere in seguito alla soppressione dei servizi resi ai dializzati . In effetti, se il Reparto in questione dovesse essere definitivamente chiuso, per l’esponente del Pdl, ai danni in termini di disservizi all’utenza andrebbero sommati  anche  quelli in termini di produttività. La disattivazione dei posti letto in regime di ricovero ordinario e diurno comporterebbe, infatti, lo spostamento degli utenti in altri presidi ospedalieri con il conseguente  smantellamento della struttura di dialisi. Dalle informazioni a mia disposizione –  aggiunge Bevilacqua – so per certo che la vita che conduce un  paziente dializzato, costretto a recarsi 3 volte a settimana in ospedale per sottoporsi a 4 ore di dialisi, è molto difficile. Indirizzare l’utenza verso altre strutture significherebbe, quindi, non solo incentivare altri presidi, ma allo stesso tempo mettere a rischio vite umane. La logica del Piano di rientro dovrebbe, pertanto,  saper conciliare i canoni di produttività a quelli di  umanità e di rispetto per i malati. Ecco perché ritengo che il provvedimento adottato dai commissari Asp – prosegue l’esponente del Pdl –  così com’è concepito non fa che stroncare quel percorso virtuoso raggiunto dalla Nefrologia nel Vibonese, che da decenni segue i pazienti affetti da insufficienza renale dalla dialisi, fino al trapianto, facendo così aumentare i costi dell’emigrazione sanitaria e il disagio di intere famiglie. In più, mi è stato riferito – aggiunge il rappresentante di Palazzo Madama - che con l’accorpamento della Divisione di Nefrologia al reparto di Medicina, il declino per la struttura, è stato irreversibile, soprattutto alla luce del fatto che ha perso la propria autonomia  decisionale”. Prima di adottare decisioni estreme ed affrettate, per Bevilacqua, occorre, dunque, che tutto vada ricondotto in un’attenta valutazione e rivisitazione dei provvedimenti adottati dall’Asp, anche in considerazione del fatto che la Regione, attraverso l’istituzione di tavoli tecnici sta valutando un piano  per il riordino complessivo della rete nefrologico-dialitica calabrese. 

Per Bruno Censore, invece, "la misura è veramente colma. In provincia di Vibo Valentia, nonostante le parole, nonostante le vuote rassicurazioni - spiega l'esponente del Pd - si sta mettendo seriamente a rischio il diritto fondamentale alla salute, che nel Vibonese sta scemando progressivamente, man mano che si procede con la chiusura dei reparti e con il declassamento delle strutture sanitarie esistenti. La chiusura – aggiunge – dalla divisione di Nefrologia dell’Ospedale di Vibo Valentia, disposta dalla Commissione che guida l’Azienda Sanitaria Provinciale, è una decisione inammissibile, dinanzi la quale urge un immediato e risolutivo intervento del Presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, nella sua qualità di Commissario ad acta per l’attuazione del Piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario. Non sono tollerabili decisioni che ledono i diritti elementari dei cittadini e che penalizzano gli utenti del reparto di Nefrologia e le loro famiglie. Mentre il Governo nazionale – prosegue Censore – sta pensando di introdurre un nuovo ticket sui ricoveri, con pesanti ripercussioni su chi sta veramente male, in Calabria e, sopratutto in provincia di Vibo Valentia, pare si voglia precludere addirittura la possibilità del ricovero. Quindi, rivolgendomi in particolar modo agli accoliti di Scopelliti che farebbero bene a non perdere tempo con sterili difese di ufficio, ribadisco la necessità di un’azione congiunta tra le forze politiche, sindacali ed istituzionali, al fine di scongiurare la marginalità della provincia di Vibo Valentia e per difendere il diritto alla salute dei vibonesi". 

Articoli correlati (da tag)

  • Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri

    Un’arma a doppio taglio quella della sempre più diffusa tendenza ad affidarsi all’e-Commerce per l’acquisto di prodotti di ogni genere. Una pratica che da una parte permette al cliente di avere il prodotto desiderato recapitato direttamente a casa propria in un breve lasso di tempo, ma che da un altro punto di vista sta concorrendo a affossare ulteriormente il mercato locale e le attività commerciali presenti sul territorio.

    Una questione aperta anche per i paesi della provincia di Vibo Valentia che sta via via scalando posizioni nella classifica dei territorio dove si ricorre con maggiore frequenza allo shopping online. A diffondere i dati del fenomeno è stato il gruppo Poste Italiane che ha proprio sottolineato come nella nostra provincia stia letteralmente volando l’e-Commerce nella fascia centrale della Calabria che comprende proprio le province di Vibo e Catanzaro, dove «nei primi nove mesi del 2018 Poste Italiane ha consegnato oltre 365mila pacchi. In pratica, quasi due pacchi a testa per ogni abitante, a dimostrazione dell’abitudine sempre più diffusa allo shopping online in ogni parte d’Italia, anche grazie alla capillarità e alla flessibilità del servizio di Poste Italiane che prevede consegne anche di sera e nel week end».

    Le principali categorie di acquisto riguardano l’abbigliamento (52%), libri e riviste (45%), ma anche cellulari, smartphone e tablet (37%), piccoli elettrodomestici (30%), prodotti per la cura del corpo (30%) o audio /video (30%). Il settore sarebbe dunque in crescita esponenziale, tanto che secondo le stime elaborate dal Politecnico di Milano in collaborazione con il consorzio Netcomm, il giro d’affari complessivo dell’e-commerce italiano raggiungerà a fine 2018 i 27 miliardi di euro, con un aumento del 15% rispetto all’anno precedente. Un trend di crescita che proseguirà nei prossimi anni, visto che il ritardo del nostro Paese nei confronti dei mercati più avanzati non è ancora colmato.

  • Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità» Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità»

    «Spero che questo percorso appena avviato possa dare quei contributi utili alla risoluzione delle tante problematiche che, purtroppo, attanagliano la nostra provincia».

    Lo ha detto il neo presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, a margine del primo Consiglio svoltosi stamattina, al termine del quale si è proceduto anche alla nomina del vicepresidente. Scelta, questa, ricaduta sul consigliere Giuseppe Policaro della lista “Rinascita vibonese”.

    «È necessario – ha aggiunto Solano – partire dai sindaci e dagli amministratori, i primi che si impegnano quotidianamente per cercare di risolvere questi disagi. Sono sicuro che, assieme, riusciremo ad arrivare a quella sinergia utile per raggiungere questo obiettivo. Intendo lavorare con tutti nell’interesse del territorio e, di conseguenza, sia con i consiglieri di maggioranza che con quelli di opposizione. Abbiamo già avviato una sinergia con gli uffici preposti affinché si possa ridare decoro a questo territorio. Quindi, inizieremo a lavorare su manutenzione e viabilità. Il dissesto? Nel giro di un anno e mezzo, anche prima, speriamo di venirne fuori».

  • Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti

    Si terrà domani, 15 novembre, alle ore 11, nella sala consiliare dell’ente, il primo Consiglio provinciale della nuova fase politica e amministrativa della Provincia di Vibo Valentia, guidata dal neo presidente, Salvatore Solano.

    Tra gli adempimenti preposti dagli organi istituzionali dell’ente intermedio vibonese, coordinati dal segretario generale, Mario Ientile, ci sono l’esame inerente le condizioni di candidabilità, eleggibilità e compatibilità alla carica di presidente e di consigliere provinciale, degli eletti alle recenti elezioni; la convalida; il giuramento e le comunicazioni del presidente. Assieme a Solano, eserciteranno la loro funzione istituzionale in seno al Consiglio provinciale i neo eletti: Giuseppe Policaro, Giuseppe Roberto Muratore, Domenico Anello e Maria Rosaria La Grotta (esponenti della lista “Rinascita Vibonese”); Antonio Zinnà (componente della lista “Forza Civica”), Antonio Carchedi, Maria Francesca Pascale, e Gregorio Profiti (espressione politica del Partito democratico); Maria Fiorillo e Carmine Mangiardi, membri della compagine “Civilmente Impegnati”.

    Stamattina, il neo presidente della Provincia di Vibo, ha voluto incontrare nella sala consiliare i lavoratori dell’ente. Ad affiancarlo il segretario generale Mario Ientile e il neo consigliere provinciale, Domenico Anello. Nel corso dell’iniziativa, Solano ha delineato quelli che saranno i suoi obiettivi cardine in termine di azione amministrativa. «Questa Provincia – ha evidenziato - ha in sé la forza per rialzarsi, sta a noi darle un impulso nuovo. Ho avuto modo di constatare che siete persone capaci e disponibili. Io sarò al vostro fianco, uno di voi. Dobbiamo, quindi, nonostante le note difficoltà economiche e finanziarie, agire insieme in maniera propositiva e guardare al futuro con ottimismo».

    Nei giorni scorsi, Solano - coadiuvato dal segretario Ientile - aveva incontrato anche i responsabili dei settori nevralgici dell’Ente. «Ci dovrà essere, da parte nostra, un impegno assoluto, al fine di dare risposte al territorio, soprattutto in settori importanti quali la Viabilità stradale, l’Ambiente e l’Edilizia scolastica, - ha asserito Solano, nel corso delle riunioni con i funzionari -. Molto dipenderà dai finanziamenti che il Governo nazionale ci metterà a disposizione, questo è risaputo da noi e dalla gente. Ma comunque, per quel che di nostra competenza - ha sottolineato il neo presidente - dovremo, con spirito di abnegazione e assicurando la massima trasparenza amministrativa, dare il meglio di noi stessi. Quest’ente possiede molte professionalità ed è, pertanto, mia intenzione farle emergere e valorizzarle nell’esclusivo interesse collettivo per potenziare, in termini di efficacia ed efficienza, i servizi da erogare ai cittadini del Vibonese».

  • Playoff serie D | Rammarico Vibonese, rossoblu sconfitti in pieno recupero a Frattamaggiore Playoff serie D | Rammarico Vibonese, rossoblu sconfitti in pieno recupero a Frattamaggiore

    Si è conclusa in semifinale l'avventura della Vibonese negli spareggi promozione di serie D, girone “I”.

  • Serie D | Vibonese raggiunta al 90° dalla Cavese. Risultati e classifica Serie D | Vibonese raggiunta al 90° dalla Cavese. Risultati e classifica

    È un pareggio che sa di beffa quello rimediato dalla Vibonese nella sfida interna contro la Cavese, terza forza del campionato, valevole per la 37^ giornata del campionato nazionale di serie D, girone “I”.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)