Lunedì, 30 Luglio 2012 20:11

'Ma come fanno De Marco e Rosi a sostenere che l’acqua dell’Alaco è potabile?'

Scritto da Redazione
Letto 2399 volte

mini lago_Alaco_sponda_sud-ovestIn relazione a quanto dichiarato dall’ Ing. De Marco, direttore generale dell’area tecnica di SoRiCal, in relazione a quanto denunciato dal Comitato civico Pro-Serre nei giorni scorsi, si precisa quanto segue. 

De Marco, indagato per avvelenamento di acque nell’ambito dell’inchiesta “Acqua Sporca” condotta dalla Procura di Vibo, che ha portato al sequestro dell’impianto dell’Alaco, sostiene che i pozzi situati sulle sponde dell’Ancinale, nel comune di Spadola, sono stati dismessi da molti anni, ma ciò non corrisponde al vero poiché fonti molto attendibili riferiscono che sicuramente fino a tre anni fa, cioè fin quando la SoRiCal non fu estromessa dalla gestione delle acque spadolesi, erano in funzione. Oltre a ciò si dovrebbe spiegare ai cittadini perché questi impianti siano stati costruiti proprio sulle sponde del fiume. Non crediamo certo alle parole di De Marco, perché evidentemente non è proprio lui il soggetto che può sancire la bontà della condotta di SoRiCal e quindi dell’acqua dell’Alaco.

A De Marco, e di riflesso anche al sindaco di Serra San Bruno che sostiene le stesse cose e come lui è convinto che l’acqua dell’Alaco sia potabile e che siamo noi ad essere allarmisti, rispondiamo che basta aprire gli occhi per capire che quell’acqua non sarà mai adatta per essere potabile.

Come si evince dalle foto allegate, scattate il 29 luglio 2012, all’interno della recinzione, proprio sulle sponde dell’invaso, pascolano diversi animali allo stato brado, in particolar modo mucche e cavalli, in numero cospicuo, che quotidianamente entrano in acqua lasciando nell’invaso feci ed urine in grande quantità. Come viene eliminata l’ammoniaca dall’acqua? E come viene potabilizzato il ferro e il manganese rilevato in quantità spesso sopra la norma? Il suolo dell’invaso presenta ancora oggi le prove tangibili della mancata bonifica. Come si evince dalle foto, vi è una grande presenza di ceppaie e arbusti in putrefazione, spesso sommersi dall’acqua. Un’acqua di cui non è mai stata certificata l’idoneità. Il dott. Francesco Russo dell’Arpacal (decreto di sequestro della Procura, pag. 72) dichiara che “le acque sono marroni e con presenza di ammoniaca, ferro e manganese e sono rese tali, probabilmente, dalla vegetazione sommersa nel bacino in testa al fiume che, lentamente è in putrefazione”. Uno stato di cose fotografato inequivocabilmente anche dalle perizie inserite negli atti dell’inchiesta.

L’acqua in questione, piena di vegetali in decomposizione e non trattata adeguatamente  (come si evince sia dagli atti della Procura, sia quotidianamente dai nostri sensi), a cui si aggiunge cloro in quantità, genera delle sostanze micidiali. Come se ciò non bastasse, molti riferiscono che i tubi delle condotte dell’ex Casmez, che attraversavano a cielo aperto la vallata in cui oggi è ubicato il bacino, sono stati sommersi dall’acqua e mai realmente dismessi.

Tutto ciò basta a De Marco? Può smentire ciò che dicono le nostre foto e gli atti giudiziari? E come fa il sindaco di Serra a non capire che, invece di provare a intimidirci con lettere surreali e tentativi di censura, dovrebbe, alla luce di quanto esposto per l’ennesima volta, tutelare la salute dei cittadini e dichiarare l’acqua dell’Alaco non potabile, quantomeno per il principio di precauzione (regolamento CE 178/02)?

Attendiamo che le nostre denunce, confermate dalle prove raccolte dagli investigatori della Procura, dei Nas e del Cfs, vengano smentite da chi ha creato e portato avanti il sistema Alaco, che potrebbe aver causato un avvelenamento di massa di cui forse si capirà la portata solo nei prossimi decenni.

Comitato civico Pro-Serre

30 luglio 2012

foto di Salvatore Federico

mini lago_Alaco_sponda_sud-ovest_2 mini lago_Alaco_sponda_sud-ovest_3

Articoli correlati (da tag)

  • Acqua, il Tar conferma: tariffe Sorical illegittime. Il "Bruno Arcuri": lo denunciamo dal 2010 Acqua, il Tar conferma: tariffe Sorical illegittime. Il "Bruno Arcuri": lo denunciamo dal 2010

    Il Tar Calabria si è finalmente espresso sulla questione sollevata dal Coordinamento Calabrese Acqua Pubblica “Bruno Arcuri” già dal 2010, in piena raccolta firme per i quesiti referendari sull’acqua, rispetto alle tariffe idriche modificate direttamente in Calabria da Sorical Spa (leggi la sentenza).

  • Maierato, carenze igienico-sanitarie: sequestrato capannone. Ospitava 31 migranti Maierato, carenze igienico-sanitarie: sequestrato capannone. Ospitava 31 migranti

    Gli agenti della Polizia giudiziaria della Procura della Repubblica di Vibo, assieme ai militari del Nas, hanno sequestrato, nella mattinata di ieri, un capannone di 900 mq, ubicato nell'area industriale di Maierato e utilizzato da un'associazione che si è occupata dell'accoglienza dei minori stranieri non accompagnati arrivati a Vibo nel corso degli ultimi sbarchi.

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

  • Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera

    mini polizia_cantonaleLa Polizia cantonale ha arrestato nei giorni scorsi in Svizzera Antonio Montagnese, 35 anni di Fabrizia, ritenuto al vertice dell'omonimo clan Montagnese-Nesci, e già condannato in Cassazione ad una pena di 9 anni di reclusione con l'accusa di associazione mafiosa. Il 35enne era rimasto coinvolto nell'operazione “Domino”, scattata nel 2007. Montagnese è il genero di Bruno Nesci, anche lui al vertice della consorteria mafiosa. Subito dopo la sentenza della Cassazione, arrivata nel maggio di quest'anno che ha certificato l'esistenza di un locale di 'ndrangheta a Fabrizia, Montagnese si era dato latitante in Svizzera, ma la Polizia Cantonale dopo mesi di ricerche è riuscita a rintracciarlo. 

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)