Lunedì, 30 Gennaio 2012 12:54

Ospedale, il Comitato incontra sindacati e commercianti: sì allo sciopero generale

Scritto da Bruno Vellone
Letto 2081 volte

mini comitato-commerciantiSERRA SAN BRUNO – La lotta a difesa dell’ospedale “San Bruno” non si ferma. All’assemblea convocata dal Comitato civico Pro-serre per la dichiarazione dello stato di agitazione e la successiva proclamazione dello sciopero generale, ieri sera a palazzo Chimirri, c’erano cittadini, commercianti, esercenti e imprenditori, ma soprattutto le sigle sindacali che unanimi hanno accolto la proposta del Comitato. Dunque, sì allo sciopero generale per protestare contro la chiusura del nosocomio serrese che a fine marzo non avrà i numeri per essere mantenuto. Ad aprire gli interventi il presidente del comitato Salvatore Albanese, che ha sottolineato come col piano di rientro si è creato “un divario netto tra quello che chiedono i cittadini e le scelte della politica. Se la sanità è malata – ha aggiunto – la colpa è di chi ha amministrato la cosa pubblica negli ultimi decenni.

In questo momento la politica non rappresenta il bene dei cittadini”. Ma una cosa è sicura, rileva ancora Albanese, “negli ultimi quattro mesi sono morte sette persone per infarto nell’ambulanza che li trasportava presso un ospedale attrezzato, siamo soli, non siamo rappresentati da chi abbiamo scelto e votato”. E proprio con riferimento all’ex reparto di Cardiologia che pure «esisteva e funzionava» presso il nosocomio serrese, il rappresentante dello Slai-Cobas Bruno Pisani non ha mancato di dire come la sua chiusura “è stata una vendetta trasversale. Sull’ospedale – ha ribadito l’esponente sindacale – si sono fatte solo parole sin da quando era sindaco Raffaele Lo Iacono e suo vice Raffaele Masciari che avevano dichiarato che si sarebbero dimessi se la ginecologia fosse stata chiusa, cosa che poi avvenne ma le loro dimissioni non ci furono”. Secondo il sindacalista di base si sarebbero registrate “illegalità nelle modalità di trasferimento dei lavoratori mentre per quanto riguarda le ambulanze, il servizio di gestione del Suem dovrebbe essere regionale e non affidato alle singole Asp”. Dal canto suo, il coordinatore delle Serre della Cgil Rinaldo Tedesco ha evidenziato come “l’ospedale di Serra non serve soltanto ai serresi ma a tutte le persone del comprensorio, il suo problema è legato ai tanti che affliggono il territorio come quello della viabilità”. Il rappresentante della Cisl e membro del comitato Biagio Vavalà ha lanciato un messaggio al primo cittadino serrese: “Il sindaco – ha detto – è la massima autorità in ambito sanitario ed è necessaria la sua presenza. Se andiamo avanti cosi – ha ammonito – al 31 marzo l’ospedale non avrà i numeri per il suo mantenimento e di conseguenza verrà chiuso. Oggi nel nostro territorio non vengono garantiti nemmeno i livelli essenziali di assistenza”. Articolato l’intervento di Luciano Prestia della Uil il quale dopo aver detto di essere “qui per gli stessi motivi per i quali sono assenti i rappresentanti politici” ha criticato l’operato dei consiglieri regionali serresi (Salerno e Censore). “I due consiglieri regionali – ha detto – rappresentano, nel bene e nel male, tutto quello che politicamente è stato fatto negli ultimi tempi, ora bisogna fare un bilancio e vedere cosa esisteva 10 anni fa e cosa è rimasto oggi. Quello che c’è – ha continuato riferendosi all’assenza dei politici  – è il fallimento della politica ed infatti i politici si sono vergognati di partecipare a questa assemblea”. Non sono mancati strali nei confronti dell’amministrazione comunale serrese, rea secondo Prestia di non avere “un programma di sviluppo al di là del programma presentato dal sindaco Rosi. Del suo programma – ha detto – non verrà fatta nemmeno una virgola poiché sono solo parole fumose, quando uno fa il sindaco per telecomando, succede sempre cosi”. Nel corso dell’assemblea, a cui erano stati invitati almeno una dozzina di sindaci del comprensorio, è intervenuto il presidente del consiglio comunale di Fabrizia Domenico Suppa, unico rappresentante dei tanti comuni presenti sul territorio. Lo sciopero generale in difesa dell'ospedale, iniziativa appoggiata da tutte le forze sociali presenti all'incontro, si terrà presumibilmente nel mese di febbraio, in data ancora da concertare con i sindacati e i rappresentanti delle categorie che nella zona aderiranno alla mobilitazione.

Articoli correlati (da tag)

  • Terza categoria | Serrese sconfitta in casa dal Pernocari Terza categoria | Serrese sconfitta in casa dal Pernocari

    Seconda sconfitta su altrettante partite per la Serrese nel girone “F” di Terza categoria.

    Dopo il ko rimediato alla prima giornata sul campo dell’Allarese, l’undici di mister Schinello ha dovuto cedere il passo al Pernocari che, ieri pomeriggio, ha espugnato lo stadio “La Quercia” con il risultato di 2 a 1. Eppure, era stata la Serrese a portarsi per prima in vantaggio con Raffaele Randò al 23’ della prima frazione con un tiro da lontano. Ad inizio ripresa, però, gli ospiti pareggiano i conti grazie a Tavella e, dieci minuti più tardi, il Pernocari sigla la rete decisiva con Mandaradoni.

    Dopo due giornate, la Serrese resta ferma a 0 punti, in compagnia di Real Capo Vaticano e Gerocarne.

    Domenica prossima è in programma la sfida esterna con l’Orsigliadi, squadra attualmente prima in classifica assieme a Filandari e Fulgor Zungri.  

  • Pellegrino contro i «sedicenti» consiglieri Pd di Vibo: «Hanno fatto da stampella a Costa» Pellegrino contro i «sedicenti» consiglieri Pd di Vibo: «Hanno fatto da stampella a Costa»

    Riceviamo e pubblichiamo:

    I consiglieri comunali sedicenti Pd della città di Vibo Valentia, dopo aver celebrato ieri mattina il Festival del pretesto e dell'ipocrisia, prima ancora di scendere dalle scale di via Argentaria hanno incassato l'ennesima figura barbina.

    Mentre in effetti Russo e compagni affastellavano argomenti e ricercavano giustificazioni per definire un inciucio politicamente inqualificabile, il consigliere Stefano Luciano li scavalcava a sinistra sul tema che di più mette a nudo le incoerenze e le timidezze del gruppo: la sfiducia a Costa.

    Dalle chiacchiere ai fatti, già oggi in sede di approvazione del DUP abbiamo verificato quanto regge il patto di potere sancito - officiante Vito Pitaro, con Mangialavori e il centrodestra - sulle elezioni provinciali di Vibo. Gli eroici tutori dell'ortodossia democratica in salsa vibonese hanno fatto ancora una volta da stampella a Costa e dimostrato, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quali erano i contorni del baratto politico stipulato in sfregio al Pd di tutto il territorio vibonese.

    Repentinamente chi, per qualche giorno, quando il proprio voto valeva 8, ha fatto il leone, è tornato a farsi pecorella in consiglio comunale quando è tornato valere 1, esattamente come accade da 3 anni. Del resto, la clamorosa incoerenza del gruppo dei "lanciatori di segnali" e cacciatori di incarichi in astinenza, oltre che nella totale infondatezza dell'assunto secondo cui per rafforzare il partito a Vibo bisogna votare Forza Italia, sta nella faccia tosta di presentarsi in federazione sedendo allo stesso tavolo con un consigliere che appena sei mesi fa si è candidato alle politiche in altra coalizione e che è già automaticamente decaduto dell'anagrafe degli iscritti.

    Peraltro il segretario di Federazione, diversamente da quanto ritenuto dalla banda degli onesti, mi risulta abbia già avviato la procedura presso la commissione di garanzia per la violazione dell'art. 4 del codice etico per come conclamata e dagli stessi ieri pubblicamente certificata.

    Pino Pellegrino

    Dirigente del Partito democratico

    Commissario del Parco naturale regionale delle Serre

  • Tropea, incontro pubblico del comitato per il No Tropea, incontro pubblico del comitato per il No

    TROPEA Si moltiplicano gli incontri per dire No alla modifica della Carta costituzionale. Mercoledì 16 novembre, a partire  dalle 17, nella sala convegni di Palazzo Santa Chiara (Ex Ospedale) sita in Largo Ruffa a Tropea, si terrà un incontro pubblico incentrato sui temi riguardanti la riforma costituzionale Renzi-Boschi.

  • Prima categoria | Zaffino e Giuggioloni ad un passo dal Chiaravalle Prima categoria | Zaffino e Giuggioloni ad un passo dal Chiaravalle

    Con il comunicato ufficiale numero 11 pubblicato nella giornata odierna, il Cr Calabria della Lega nazionale dilettanti ha diramato la lista dei giocatori svincolati ai sensi degli articoli 32, 107, 108 e 109 delle Norme organizzative interne della Figc.

  • Mortalità nelle Serre, a On the news si parla dello studio dell'Istituto superiore di sanità Mortalità nelle Serre, a On the news si parla dello studio dell'Istituto superiore di sanità

    On the news cambia veste e dalle amministrative passa al giornalismo di inchiesta affrontando il tema della mortalità nelle Serre, dopo il preoccupante studio dell’Istituto superiore di Sanità diffuso dal Comitato civico Pro Serre. Ospite il giornalista Salvatore Albanese, anche in veste di presidente del Comitato, assieme al sindaco di Fabrizia Antonio Minniti.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Bruno Greco
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)