Giovedì, 02 Febbraio 2012 09:58

Sanità, Scopelliti ad Orlando: 'I miei decreti già esecutivi'. E la Cgil scrive al ministro

Scritto da Redazione
Letto 1813 volte

mini Giuseppe ScopellitiE' piccata la replica che il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, affida ad una nota dell’Ufficio Stampa della giunta per rispondere, in qualità di commissario per l’attuazione del piano di rientro, al presidente della commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori e i disavanzi sanitari regionali, Leoluca Orlando, che gli aveva chiesto chiarimenti sullo stato d’attuazione del piano di rientro dal deficit sanitario e sulla sorte degli ospedali di montagna. Per ribadire una volta di più che non tornerà indietro sulle scelte fatte - che stanno provocando non pochi disagi e proteste in molti territori, soprattutto in quelli periferici - Scopelliti fa presente ad Orlando che i suoi decreti, a cominciare dal n. 18, sono pienamente esecutivi ed è un obbligo rispettarli. "L'organizzazione sanitaria sul territorio - spiega Scopelliti - è già stata attivata con il DPGR 18/2010 validato dai Ministeri affiancanti e definito con il supporto tecnico-specialistico di Agenas. Sono stato nominato commissario ad acta per l’attuazione del Piano di Rientro

dal deficit sanitario - afferma Scopelliti - perchè i ministeri vigilanti avevano accertato le inadempienze della precedente gestione politica della Regione. Al Decreto 18/2010 sono seguiti altri decreti attuativi per l’implementazione delle reti, finalizzati ad assicurare i servizi sanitari sul territorio. Quale commissario ad acta - annuncia - riscontrerò le richieste del Presidente Orlando, che nella sua qualità è sicuramente a conoscenza della esecutività dei decreti commissariali cui si fa riferimento, e che costituiscono un obbligo secondo quanto previsto dagli adempimenti indicati nel piano di rientro. Nel ringraziare il Presidente Orlando per la particolare attenzione che rivolge alla nostra regione - conclude il governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti - ritengo che non mancheranno le occasioni per un ulteriore confronto sullo stato di attuazione del Piano".

Intanto la Cgil Calabria continua a denunciare quelle che ritiene le devianze della politica sanitaria di Scopelliti. In una lettera aperta indirizzata al Ministro della Salute, Renato Balduzzi, il sindacato calabrese segnala le criticita’ del sistema sanitario regionale. “L’emorragia di casi di malasanita’ unita alla precarieta’ in cui vengono erogati i Livelli Essenziali di Assistenza e all’incertezza che vive l’intero comparto lavorativo, rappresentano per la Cgil – si legge - una soglia di allarme da affrontare con misure tempestive e cogenti. L’azione intrapresa dal commissario ad acta anziche’ rimuovere ritardi e arretratezze del sistema, risulta accentuarle. Molte strutture sanitarie rischiano di implodere per l’assenza di personale e per il sovraccarico di lavoro dovuto alla disattivazione di importanti presidi pubblici svuotati di funzione senza aver predisposto nella contestualita’ adeguati servizi alternativi. La rete ospedaliera – continua la nota – e’ caratterizzata da nuovi e gravi squilibri territoriali e nel rapporto pubblico-privato; nelle aree di confine la mobilita’ attiva si trasforma in un singolare esodo extraregionale a carico del SSR e con gravi disagi per i cittadini. Dell’avvio dei lavori dei nuovi Ospedali si e’ persa ogni traccia. Manca contezza analitica del stato debitorio ed e’ raro il ricorso alla stazione unica appaltante per gare centralizzate per la fornitura di beni e servizi“. “La ‘ndrangheta – si legge ancora – usa le strutture sanitarie per alimentare affari e per sfuggire alla latitanza. Delle case della salute e degli ospedali di territorio ancora si studia quale modello adottare. Della Fondazione Campanella da mesi si annaspa in provvedimenti salvifici prontamente bocciati al tavolo Massicci. Manca ogni forma di integrazione socio- sanitaria e di certezza dei percorsi di cura. La malattia, in assenza delle adeguate amicizie, visti i tempi di attesa, per molti cittadini – scrive la Cgil – e’ un vero calvario a cui riesce a sfuggire chi economicamente puo’ disporre di servizi a pagamento. Questo stato di emergenza scaricata sulle spalle dei cittadini va presto superato. La presenza sollecitata del Ministro Balduzzi puo’ essere di grande aiuto per aprire una fase di responsabile confronto democratico e per superare i limiti e le criticita’ dentro cui rischia di restare irreversibilmente impaludata la sanita’ regionale. Inoltre, – continua la Cgil – la presenza del Ministro potrebbe essere utile per rappresentare al meglio la condizione di divario socio-economico della Calabria dove i tagli compiuti alla spesa sociale e sanitaria dalle manovre-Tremonti, unite al blocco del turnover e dei trasferimenti ed alla iniquita’ dei criteri di riparto del fondo sanitario nazionale e dei ticket, rischiano di appesantire la sostenibilita’ dell’azione di risanamento e di riqualificazione del Sistema“.

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Revisione della rete ospedaliera, l'Asp di Vibo boccia il provvedimento di Scura Revisione della rete ospedaliera, l'Asp di Vibo boccia il provvedimento di Scura

    Con decreto n. 30 del 3 marzo 2016 a firma del commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dal deficit sanitario della Regione Calabria, Massimo Scura, è stata approvata la revisione della rete ospedaliera.

  • Operazione antidroga tra la Sicilia e la Calabria: perquisizioni anche a Vibo Operazione antidroga tra la Sicilia e la Calabria: perquisizioni anche a Vibo

    Operazione antidroga dei carabinieri di Siracusa che, a seguito di una vasta operazione, sono riusciti a smantellare un'organizzazione dedita al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti.

  • Sanità, livelli essenziali di assistenza: maglia nera per la Calabria. La classifica Sanità, livelli essenziali di assistenza: maglia nera per la Calabria. La classifica

    Sedici sono state, in tutto, le regioni monitorate e soltanto 8 risultato in regola con la verifica adempimenti 2013. A guidare la classifica è la Toscana; stabile, invece, l'Emilia Romagna al secondo posto; perdono posizioni Piemonte, Umbria e Lazio, mentre a chiudere la griglia è la Calabria. 

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)