Mercoledì, 06 Aprile 2016 13:28

Serra verso le Comunali | Si inclina l’asse civico: Laboratorio di Idee avvia i contatti col terzo polo

Scritto da Redazione
Letto 1386 volte

SERRA SAN BRUNO – Un quadro politico, quello locale, in continua evoluzione. Tanto mutevole da rasentare, in molti passaggi, una condizione di caos che potrebbe nel giro delle prossime ore portare ad un rimescolamento ulteriore delle carte in tavola. Solo l’11 marzo scorso il “Laboratorio di Idee”, gruppo costituito dai fuoriusciti del centrosinistra e guidato dal consigliere comunale del Pd Rosanna Federico, attraverso un comunicato stampa aveva ufficializzato l’adesione ad un progetto di “larghe intese” in alleanza con l’area afferente al consigliere regionale Nazzareno Salerno e a quella del vicecoordinatore provinciale di Forza Italia Michele Ciconte.

Un sodalizio a tre alla cui base ci sarebbe stata l’idea di «mettere da parte gli steccati politici e privilegiare l’impegno civico di quanti intendano collaborare con senso di responsabilità nell’interesse della comunità, per la costruzione di un concreto progetto amministrativo capace di valorizzare le eccellenze serresi e di superare le criticità esistenti, tenendo conto anche della carenza di risorse finanziarie e dalla particolarità del momento storico». L’annuncio, inequivocabile, proiettava i tre gruppi verso un’intesa utile a presentarsi compatti ai blocchi di partenza delle amministrative ormai imminenti.

Ma negli ultimi giorni pare abbia preso corpo un imprevisto colpo di scena, che dà l’idea di evidenti sintomi di discordia rispetto a quanto deciso in precedenza. Un mezzo passo indietro arrivato dai referenti dello stesso “Laboratorio di Idee” che potrebbe condurre al definitivo stop al dialogo con gli altri esponenti dell’asse civico.

L’alleanza rischia allora di morire sul nascere o, quantomeno, sembra iniziare a scricchiolare, tanto che – secondo le indiscrezioni circolate in queste ultime ore – i nodi maggiori potrebbero interessare, oltre che l’unità di intenti sul programma elettorale, anche e soprattutto la scelta di un candidato a sindaco condiviso. Rispetto all’impegno iniziale, il baricentro dell’intesa fra Salerno, Ciconte e Federico, in questi ultimi giorni, si sarebbe infatti spostato nettamente verso i due gruppi di esplicita estrazione berlusconiana. Da qui per i “dissidenti” che hanno sempre confermato di mantenere, ideologicamente, una posizione di centrosinistra, il campanello d’allarme che li starebbe spingendo a rivalutare la propria posizione e a guardarsi attorno, ancora una volta, prima della chiusura definitiva delle liste.

La vera novità starebbe allora nel fatto che sarebbero stati avviati i contatti con il nascente ‘terzo polo’, una compagine distante dai due blocchi di centrodestra e centrosinistra promossa principalmente dall’ex presidente del consiglio comunale Lucia Rachiele e dal consigliere di minoranza Mirko Tassone. Proprio Tassone nel corso di questi ultimi cinque anni, nell’esperienza maturata in opposizione alla maggioranza guidata dal sindaco uscente Bruno Rosi, ha più volte collaborato con la stessa Federico. Rapporto che potrebbe dimostrarsi adesso fondamentale per spingere il “Laboratorio di Idee” a prendere le distanze da Salerno e Ciconte e convergere nel progetto del ‘terzo polo’. Proprio quest’ultima compagine, intanto, inizia ad organizzarsi e già nelle prossime ore potrebbe arrivare a chiudere la decisione sul capolista che al momento vede coinvolti gli stessi Lucia Rachiele e Mirko Tassone.

Articoli correlati (da tag)

  • Serra, alle 19 hanno votato 3723 elettori Serra, alle 19 hanno votato 3723 elettori

    SERRA SAN BRUNO - Sono stati 3723 gli elettori che, fino alle 19, hanno esercitato il diritto di voto alle Amministrative per l’elezione del sindaco e il rinnovo del consiglio comunale nella cittadina di Serra San Bruno. Un dato, questo, che, tradotto in termini percentuali, equivale al 50,62 %.

  • Domani in Cdm il decreto legge che consentirà di votare anche lunedì 6 giugno Domani in Cdm il decreto legge che consentirà di votare anche lunedì 6 giugno

    Nella giornata di domani è in programma il Consiglio dei ministri e, al tavolo dell'esecutivo guidato dal premier Matteo Renzi, arriverà il decreto legge che dovrebbe consentire di votare alle amministrative anche lunedì, 6 giugno, oltre che domenica 5, così come - in caso di ballottaggio - si dovrebbe votare sia domenica 19 che lunedì 20 giugno. 

  • LA VIGNETTA | Rinnova-menti LA VIGNETTA | Rinnova-menti

    .

SPAZIO ELETTORALE

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno