Sabato, 28 Novembre 2015 17:14

Sfiducia a Lo Schiavo, Sel: «Smarrito il concetto di democrazia»

Scritto da Redazione
Letto 1013 volte

Riceviamo e pubblichiamo

«Veniamo a conoscenza di una riunione in data 25 novembre tra i consiglieri comunali dell’opposizione di centrosinistra a Vibo Valentia, in cui è emersa la sfiducia nei confronti del capogruppo, nonché candidato a sindaco nelle elezioni amministrative di sei mesi fa, Antonio Lo Schiavo, al quale va la solidarietà umana e politica di tutta Sinistra Ecologia e Libertà calabrese.

Non comprendiamo le modalità formali né le motivazioni politiche di questa sfiducia, che non può essere figlia di una riunione ristretta agli eletti in consiglio comunale e alla segretaria cittadina del Pd. Antonio Lo Schiavo è stato il candidato a sindaco e in seguito capogruppo di tutta la coalizione, non solo degli undici consiglieri eletti né tantomeno solo del Partito democratico. Crediamo che in questa fase si sia smarrito il concetto di democrazia rappresentativa: i consiglieri eletti rappresentano migliaia di elettori e devono la loro elezione anche agli altri candidati che con spirito di generosità sono scesi in campo in evidente inferiorità numerica contro un’armata di sette liste “civiche” di centrodestra. Non sappiamo se i consiglieri del PD o delle liste “Democratici” e “Lo Schiavo sindaco” si siano riuniti in assemblea e/o si siano consultati con la loro base, prima di assumere questa decisione: di sicuro non hanno consultato SEL… Eppure abbiamo partecipato alle Primarie prima e alla coalizione poi, perdendo per questa scelta consensi a sinistra, facendo uno sforzo immane per creare una lista autonoma con il nostro simbolo politico, che desse un’impronta di sinistra all’alleanza per Lo Schiavo, sostenuto lealmente da noi dopo le Primarie. Lo Schiavo è stato il candidato osannato per mesi e sostenuto alle Primarie dalla dirigenza cittadina del Partito Democratico, con una storia di sinistra apprezzata da noi, da larga parte del PD e dalla società civile; il professionista sceso in campo non certo per interessi personali, del quale anche gli avversari e i cittadini riconoscono l’essere una persona per bene… Cosa è successo in questi sei mesi di opposizione, da non ritenerlo più degno di meritare la fiducia? Il 31 maggio non ha perso solo lui: abbiamo perso tutti. Lo Schiavo, le liste e i partiti che lo sostenevano, quelli che si sono candidati e quelli che non si sono candidati. Ci chiediamo se le motivazioni addotte nella nota ufficiale del PD cittadino siano sufficienti per convincere gli elettori della bontà di una decisione drastica, che sconfessa il percorso politico condiviso nell’ultimo anno, e se tra gli “eletti” ci siano figure dallo spessore politico tale da essere in grado di guidare meglio di lui l’opposizione; né tantomeno si può credere che un’opposizione di centrosinistra divisa in due gruppi sia più efficace e incisiva nei confronti dell’azione pur balbettante e piena di crepe della maggioranza. I Consiglieri di minoranza con questa decisione, non sappiamo quanto autonoma, hanno intrapreso una strada che va in direzione opposta a quella percorsa nell’ultimo anno e che apre una riflessione politica profonda. Sarebbe opportuno, ai fini di un chiarimento, un incontro ufficiale tra l’intera coalizione, prima di mettere fine a un’esperienza politica e generazionale, che in Lo Schiavo ha individuato il suo punto di riferimento e che rappresenta una speranza per il territorio e il centrosinistra vibonese».   

Sinistra Ecologia Libertà
(Segreteria regionale Calabria, Federazione Provinciale VV, Circolo Vibo Valentia)

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno