Martedì, 29 Maggio 2012 10:55

Il Gip convalida il sequestro dell'Alaco e dei serbatoi comunali. Il lago è asfittico

Scritto da
Letto 2919 volte

 

mini diga-alacoConvalidato il sequestro dell'invaso dell'Alaco. Il giudice per le indagini preliminari, Gabriella Lupoli, ha confermato il provvedimento della Procura vibonese che ha riguardato l'impianto che si trova sul monte Lacina e altri 57 siti ad esso collegati. Il sequestro preventivo, scattato il 17 maggio scorso, era arrivato con l'inchiesta condotta dal pm Michele Sirgiovanni e sulla scorta delle indagini dei carabinieri del Nas di Catanzaro e del Comando provinciale del Corpo forestale dello Stato. 26 le persone indagate, alcune per avvelenamento colposo di acque, tra dirigenti, funzionari e tecnici Sorical, Asp e Arpacal, e alcuni sindaci. L'impianto investigativo ha dunque retto

al vaglio del gip, che ha sostanzialmente confermato come i disagi che negli anni scorsi hanno riguardato i comuni allacciati all'Alaco - su tutti Vibo Valentia e Serra San Bruno - fossero dovuti all'inadeguatezza dell'intero sistema idrico legato al bacino artificiale, più che a singoli episodi circoscritti. I serbatoi e le sorgenti di cui è stato convalidato il sequestro sono ubicati ad Acquaro, Arena, Brognaturo, Dasà, Dinami, Fabrizia, Gerocarne, Mongiana, Nardodipace, Pizzoni-Vazzano, San Nicola da Crissa, Sant'Onofrio, Serra San Bruno, Spadola, Simbario, Sorianello, Soriano, Stefanaconi, Vallelonga e Vibo Valentia. In provincia di Catanzaro, invece, sono stati sequestrati serbatoi a Davoli, Sant'Andrea Apostolo, Santa Caterina, Badolato, Guardavalle.

La convalida del sequestro conferma quindi che i disagi legati alla non potabilità dell'acqua non possono considerarsi casuali, ma sono dovuti alle disfunzioni dell'intero sistema: nei serbatoi comunali è stata riscontrata una situazione da terzo mondo, ma i problemi maggiori potrebbero arrivare proprio dall'invaso, la cui acqua, secondo molti, non è adatta ad essere potabilizzata. I vegetali in putrefazione nel fondo del lago già bastano a rendere quell'acqua "difficile da trattare", come spiegano alcuni tecnici Arpacal, ma il sospetto, più che fondato, è che il bacino non sia stato adeguatamente bonificato prima del riempimento. Il Vizzarro è in grado di rivelare alcuni particolari che sono stati riscontrati dagli inquirenti ma che non sono stati finora resi noti. Innanzitutto, con le prime analisi, si è palesata una grave anomalia: il lago è asfittico, cioè nell'acqua vi è una notevole carenza di ossigeno, e ciò porta a pensare che qualche altro elemento - che potrebbe essere il ferro o il  manganese, ma anche altro - attira a sè le molecole di ossigeno presenti nell'acqua. Altra inquietante stranezza: nel bacino non ci sono pesci, e tutto intorno non c'è quella avifauna ricca e composita che dovrebbe esserci in un luogo come quello - utile, in questo senso, è il paragone con il lago Angitola, che ospita nell'area circostante molte specie animali. Il sequestro preventivo, dunque, servirà a sottoporre il lago ad ulteriori e più approfonditi controlli. Intanto l'acqua dell'Alaco continua ad arrivare nelle case di circa 400mila cittadini, e c'è ancora qualcuno, nei comuni coinvolti, che cerca incredibilmente di minimizzare l'accaduto.  

 

Articoli correlati (da tag)

  • Acqua potabile, disagi anche a Brognaturo Acqua potabile, disagi anche a Brognaturo

    BROGNATURO - Come di consueto, durante la stagione estiva, il problema della mancanza di acqua nelle abitazioni non si è fatto attendere nemmeno nel comune di Brognaturo.

  • Simbario, ordinanza del sindaco: l'acqua torna potabile Simbario, ordinanza del sindaco: l'acqua torna potabile

    Il primo cittadino di Simbario, Ovidio Romano, con una ordinanza emessa nella giornata odierna, ha disposto la revoca di un'altra ordinanza, del 21 luglio scorso, tramite la quale il sindaco del piccolo centro del Vibonese aveva deciso il divieto dell'uso dell'acqua ai fini del consumo umano. 

  • Caso Alaco, udienza preliminare rinviata al 2 novembre Caso Alaco, udienza preliminare rinviata al 2 novembre

    Ennesimo rinvio - il quarto di fila dopo quelli di ottobre, marzo e giugno - per l'udienza preliminare relativa all'inchiesta “Acqua sporca”, coordinata dall'allora procuratore capo della Repubblica di Vibo, Mario Spagnuolo, e dal sostituto Michele Sirgiovanni e condotta dai militari del Nas di Catanzaro, del Reparto Operativo di Vibo e del Corpo forestale dello Stato.

  • Inchiesta 'Acqua sporca', terzo rinvio dell'udienza preliminare Inchiesta 'Acqua sporca', terzo rinvio dell'udienza preliminare

    Terzo rinvio – dopo quelli già avvenuti ad ottobre e a marzo – dell'udienza preliminare nei confronti delle sedici persone rimaste coinvolte nell'inchiesta “Acqua sporca”, per le quali il sostituto procuratore della Repubblica di Vibo, Michele Sirgiovanni, ha chiesto il processo.

  • Ferrara e Pedicini (M5S): 'Anche la Commissione europea si interesserà del caso Alaco' Ferrara e Pedicini (M5S): 'Anche la Commissione europea si interesserà del caso Alaco'

    «Adesso anche l'Europa si interesserà del caso Alaco. È quanto risulta dalla risposta data dalla Commissione europea all'interrogazione presentata dagli europarlamentari del Movimento 5 stelle Laura Ferrara e Piernicola Pedicini».

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)