Venerdì, 10 Maggio 2013 10:02

In Giro - Fotoreportage

Scritto da Filippo Rachiele
Letto 2310 volte

Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6319_ridPer la prima volta in assoluto il Giro d’ Italia ha fatto tappa nella nostra cittadina. Partita da Policastro Bussentino, in provincia di Salerno, la carovana è giunta sulla linea del traguardo intorno alle 17 e 30. Un giorno che sarà ricordato a lungo dai tanti appassionati e semplici curiosi che, martedì scorso, hanno assistito ad un evento unico nel suo genere. Di seguito proponiamo le foto scattate da Filippo Rachiele, che ci consentono di ripercorrere ancora una volta quei momenti di grande entusiasmo.


 

Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6260_ridGiro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6271_ridGiro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6298_ridGiro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6305_rid
Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6307_ridGiro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6311_ridGiro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6313Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6319_rid
Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6324_ridGiro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6326_ridGiro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6332Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6354_rid
Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6368_ridGiro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6370Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6383Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6388
Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6400Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6411Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6414Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6433
Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6445Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6448Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6457Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6463
Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6466Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6485Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6486Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6502
Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6551_ridGiro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6553_ridGiro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6573Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6621

Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6653Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6683Giro ditalia_Serra_San_Bruno_-_Ph._Filippo_Rachiele_-_IMG_6694

 

Articoli correlati (da tag)

  • Donna caduta in ambulanza, il medico legale di parte: ‘Morte riconducibile al trasporto’ Donna caduta in ambulanza, il medico legale di parte: ‘Morte riconducibile al trasporto’

    ambulanza1234A causare la morte di Caterina Umbrello, l’89enne residente a Simbario, entrata in coma mentre veniva trasportata presso l'ospedale "San Bruno", sarebbe stata la caduta in autoambulanza. A riferirlo è stato il medico legale di parte, dottor Cardamone, il quale, consultatosi con i familiari della vittima, avrebbe sostenuto che il sopravvenuto «evento della morte è riconducibile al trasporto in ambulanza». Secondo quanto riferito dal medico legale di seguito all’esame fatto sul corpo, la donna, oltre ad avere avuto escoriazioni alla testa, presentava punti di sutura anche agli arti. Di seguito ai suddetti esami, i familiari di Caterina Umbrello hanno chiesto alla magistratura di fare chiarezza sulle eventuali responsabilità che, in merito alla sopraggiunta morte, sarebbero attribuibili al personale medico che il 12 novembre scorso ha prestato servizio all’anziana donna.

    Caterina Umbrello, deceduta lo scorso 28 novembre intorno alle ore 10 all'ospedale “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro, sedici giorni prima, il 12 novembre, di seguito ad un malore era stata trasportata in autoambulanza dalla propria abitazione verso il nosocomio di Serra San Bruno. Giunti in ospedale i figli avrebbero notato che l'anziana presentava, appunto, delle medicazioni alla testa e agli arti. Alla richiesta di chiarimenti, i sanitari intervenuti avrebbero sostenuto che le lesioni riportate erano conseguenti ad una manovra brusca del conducente dell’ambulanza durante il trasporto in ospedale. Per conoscere la dinamica dell'accaduto erano intervenuti anche i carabinieri della locale compagnia.

  • Serra, Comitato Pro Serre: ‘Che il Comune pubblichi le analisi complete dell’acqua non potabile’ Serra, Comitato Pro Serre: ‘Che il Comune pubblichi le analisi complete dell’acqua non potabile’

    Riceviamo e pubblichiamo

    Il sindaco faccia chiarezza una volta per tutte sulla questione dell’acqua a Serra San Bruno e renda note le analisi dettagliate per capire effettivamente di quanto i valori anomali riscontrati si discostano da quelli previsti dalla normativa vigente.

  • Caso Ceravolo, l'appello del papà di Filippo: 'Intervenga il ministro Alfano' Caso Ceravolo, l'appello del papà di Filippo: 'Intervenga il ministro Alfano'

    mini martinocerSORIANO CALABRO - “Spero tanto che questa storia possa avere al più presto possibile un epilogo, che sia fatta piena luce sull'omicidio di mio figlio ma, soprattutto, che siano individuati i responsabili”. A dirlo ai microfoni di "A Sangue freddo" - programma condotto da Nadia Donato e Loredana Colloca sull'emittente tv LaC - è Martino Ceravolo, papà di Filippo, il giovane ucciso per errore nell'ottobre di due anni fa sulla strada che collega Pizzoni a Soriano Calabro. “Mi rivolgo ancora una volta al ministro dell'Interno, Angelino Alfano, affinchè si faccia carico di questo caso, altrimenti è chiaro che se non ci dovessero essere risposte nel più breve tempo possibile, allora farò una protesta personalmente a Roma. Non vorrei vedere – ha aggiunto Martino – altri ragazzi di 19 anni in una bara bianca così come successo a mio figlio”.

    Il fatto, come si ricorderà, risale al 25 ottobre 2012. Era di giovedì. Quella sera Filippo aveva deciso di recarsi a Pizzoni per trovare la ragazza. Non ci sarebbe rimasto, poi, molto, perchè il giorno seguente il giovane di Soriano avrebbe dovuto alzarsi presto al mattino per andare al lavoro con il padre in giro per i mercati della zona. Fatta una certa ora, Filippo ha deciso di rincasare e, nel farlo, ha chiesto un passaggio a Domenico Tassone. Tanti sono state fino ad ora i giovani morti ammazzati. Filippo, però, a differenza di molti altri, era un innocente. Un ragazzo che non ha mai avuto problemi con la giustizia ma che, alla fine, ha pagato con il prezzo più caro la scelta di salire in macchina con la persona sbagliata. Obiettivo dei sicari, infatti, era proprio Tassone ma, per una pura fatalità, uno sbaglio, gli assassini hanno colpito, uccidendo Filippo, molto qualche ora dopo all'ospedale “Jazzolino” di Vibo Valentia.

    A distanza di oltre due anni, dunque, la famiglia Ceravolo attende di avere giustizia. Attende di conoscere chi, quella sera, ha avuto il coraggio di sparare senza accorgersi che in quella macchina c'era anche Filippo. Pretende che sul caso sia fatta piena luce. E lo Stato ha il dovere di dare giustizia, perchè un omicidio come quello di Filippo, a distanza di due anni, non può rimanere impunito.

     

  • L'albero di Natale di Papa Francesco in volo da Fabrizia verso il Vaticano L'albero di Natale di Papa Francesco in volo da Fabrizia verso il Vaticano

    Si stanno svolgendo in queste ore le “operazioni aeree” per trasportare verso l’autostrada A3, e successivamente verso il Vaticano, il maestoso abete che sarà adibito ad albero di Natale in piazza San Pietro durante le imminenti festività di fine anno.

  • Stabili le condizioni del docente ferito a Vibo. Ai domiciliari la donna che ha sparato Stabili le condizioni del docente ferito a Vibo. Ai domiciliari la donna che ha sparato

    tribunale viboSta facendo discutere la decisione del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Vibo Valentia, Gabriella Lupoli, che ha disposto gli arresti domiciliari nei confronti di Caterina Cananzi, la 50enne originaria di Rizziconi, finita in manette sabato scorso dopo aver ferito gravemente con sette colpi di pistola il 47enne Salvatore Domenico Lombardo, docente di violino al Liceo musicale “Vito Capialbi” di Vibo.

    In precedenza il gip aveva convalidato l'arresto della donna, ma ieri ha accolto la richiesta presentata dalla difesa di disporre nei suoi confronti la misura degli arresti domiciliari. Davanti ai giudici la Cananzi si è giustificata dicendo di «aver sparato perché amo troppo mia figlia. Ho agito così per un eccesso di amore materno», ha raccontato la donna ai magistrati, aggiungendo però anche altri dettagli sull'accaduto. La Cananzi ha infatti spiegato di aver preso la pistola, legalmente posseduta dal marito, a insaputa di quest’ultimo, per poi recarsi da Ricadi a Vibo Valentia con il solo intento di intimorire il docente che, ormai da circa un anno, aveva intrecciato una relazione con la figlia 23enne. Cosa, questa, che la donna non riusciva a tollerare, sia per la differenza di età che sussiste tra i due, sia per il fatto che il professore di violino è separato e padre di due figli. Una volta recatasi, dunque, presso il Conservatorio "Torrefranca" di Vibo - dove studia la figlia - la donna ha aperto il fuoco al termine di una discussione con il docente che, attualmente, si trova sedato ed in coma farmacologico in una clinica di Palermo. I primi soccorsi all'uomo erano stati invece prestati all'ospedale civile Jazzolino di Vibo Valentia.

    A Palerno, Lombardo è stato sottoposto ad un ulteriore intervento chirurgico, al termine del quale gli è stato rimosso un proiettile dal palato, mentre un altro gli ha perforato il polmone e si è conficcato nell'esofago. Le sue condizioni sarebbero in lieve miglioramento ma comunque gravi.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)