Venerdì, 20 Gennaio 2012 13:10

La protesta dei forconi si accende anche in Calabria: le tv minimizzano ma il tam tam è sul web

Scritto da Angelo Vavalà
Letto 1779 volte

mini forconiMentre l'Italia e almeno mezzo mondo sono impegnati a mettere alla gogna il capitano Schettino, comandante della nave da crociera Costa Concordia, naufragata al largo dell'isola del Giglio, nel Sud Italia una protesta popolare è partita dalla Sicilia per arrivare nelle ultime ore a contagiare anche la Calabria. A protestare non è un popolo indignato per la manovra azzardata di un capitano che è costata la vita ad almeno 11 persone, comunque una grande tragedia,  ma sono quei cittadini, quegli italiani, che appartengono alle fasce più deboli del tessuto sociale della nostra nazione e che denunciano di essere stati messi ulteriormente in ginocchio

, per non dire alla fame, dal progressivo aumentare della crisi e dalla non corrispondente capacità dei governi che si sono succeduti ad affrontarla evitando di pesare proprio su chi ha di meno, tendenza aggravata dagli ultimi rincari decisi dall’esecutivo Monti. Si parla di una protesta che con il passare delle ore si fa sempre più imponente, ma più cresce e più i TG e i vari programmi di opinione provano a tenerla nascosta o, quando proprio non si può fare a meno di parlarne, a minimizzarla, amplificando la tragedia e crocifiggendo il capro espiatorio – comunque ingiustificabile e da punire – schernito come “capitan codardo”.

'obiettivo di chi, attraverso la protesta, sta provando a far sentire la propria voce è quello di far sapere, senza tanti fronzoli, che “non se ne può più”, che i cittadini “non possono essere trattati come sudditi di uno stato-padrone” e che soprattutto la dignità dell’uomo deve valere più d’ogni altra cosa e soprattutto più del dio denaro, che oggi sembra essere l’unico credo anche per le “caste” ecclesiastiche. In Sicilia si va avanti da ormai 5 giorni e nonostante inizino a  scarseggiare sia le scorte alimentari che quelle di carburanti il resto dell’Italia viene tenuta quasi all’oscuro. Altri presidi di manifestanti stanno nascendo in Calabria, a Pescara e nell’altra isola dello stivale, la Sardegna.

Oggi il governatore della Sicilia, Lombardo, ha finalmente rilasciato le prime dichiarazioni ufficiali: “Mi auguro che i blocchi siano rimossi, perchè ritengo che adesso a pagare i disagi siano le famiglie e i produttori”, come se i disagi delle famiglie di chi si è visto costretto a scendere in piazza per rivendicare i propri diritti non avessero pari valore. Il movimento “dei forconi” ad ogni modo si allarga e, tra tante polemiche su possibili strumentalizzazioni da parte di gruppi di estrema destra e – lo ha detto il presidente di Confindustria Sicilia – forse anche della mafia, sta comunque prendendo piede e non è certo una notizia da sottovalutare, che non sta passando sotto silenzio soprattutto grazie all’enorme risonanza che ha avuto sul web, per lo più attraverso i social network, dove non si parla d’altro.

Intanto, secondo gli ultimi aggiornamenti sono saliti a 160 i camion fermi agli imbarcaderi di Villa San Giovanni che sono impossibilitati a traghettare per lo sciopero in atto in Sicilia. Entro la mezzanotte di oggi e' previsto il termine del fermo deciso dagli autotrasportatori siciliani per la scadenza dei cinque giorni previsti dalle norme di regolamentazione degli scioperi, anche se le difficoltà potrebbero proseguire e la protesta dei forconi e dei pescatori potrebbe andare avanti. Un presidio è in atto anche a Crotone, in località Passovecchio, sulla statale 106, all’ingresso della città, dove sono presenti alcune decine di manifestanti su un lato della carreggiata. 

Articoli correlati (da tag)

  • Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet» Sanità, la proposta di Pasqua: «Prenotazioni e pagamenti tramite internet»

    «Effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia tramite internet, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili, evitando al tempo stesso lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici».

    Sono queste, in sintesi, le proposte avanzate dal consigliere regionale vibonese Vincenzo Pasqua e contenute in una mozione rivolta al presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio.

    «Si tratta di un’iniziativa – afferma Pasqua – per snellire le procedure di prenotazione e pagamento delle visite specialistiche ed ambulatoriali nelle strutture sanitarie della Calabria. È una proposta tanto semplice quanto rivoluzionaria. L’idea – prosegue il consigliere regionale – è di permettere agli utenti della sanità calabrese di potere effettuare le prenotazioni e i relativi pagamenti utilizzando Internet, attraverso i portali istituzionali delle diverse Aziende ospedaliere e sanitarie o comunque nel modo che verrà ritenuto più opportuno. Uno strumento da affiancare a quelli già esistenti – ovvero gli uffici ticket e il Centro unico di prenotazione – che sia al passo con la tecnologia e permetta un notevole risparmio di tempo a chiunque disponga di una semplice connessione internet, da smartphone, tablet o pc, magari realizzando una apposita App. Ad ognuno, con la prescrizione del medico curante che contiene tutte le informazioni necessarie – continua Pasqua – sarà quindi consentito di effettuare le dovute prenotazioni in totale autonomia, scegliendo giorni e orari tra quelli disponibili ed evitando lunghe telefonate o estenuanti file agli uffici, che a volte richiedono addirittura, per chi non può farne a meno, un giorno di permesso dal proprio posto di lavoro. È assolutamente doveroso andare incontro alle legittime istanze della popolazione calabrese, ed è nostro compito, fare in modo che la qualità della vita di ogni singolo cittadino, dal primo all’ultimo, migliori in ogni campo. E come tutti sappiamo quello della sanità è un settore che tocca le vite di ognuno di noi. Nel 2018 la politica deve attivarsi ancora più di prima per sfruttare appieno le immense opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche. In questo caso, con la mia mozione intendo proprio massimizzare i vantaggi per l’utenza calabrese: fare risparmiare tempo ai cittadini, riducendo di conseguenza le file agli sportelli, ed offrire un servizio che costerà un’inezia all’amministrazione regionale ed è pensato per tutti».

    E ancora: «La mozione nasce da una serie di considerazioni preliminari: non di rado, infatti, abbiamo assistito al blocco del sistema delle prenotazioni delle visite mediche, dovuto a cause diverse. Dobbiamo tenere presente che simili ritardi ingenerano sfiducia e disagi nell’intera popolazione, con notevoli ricadute anche sul piano dell’efficienza del sistema sanitario regionale. Purtroppo c’è da considerare anche che alcuni strumenti adottati, come il numero verde o la possibilità di effettuare prenotazioni nelle parafarmacie, non è riuscita a colmare del tutto il gap esistente tra la domanda di servizi e le possibilità offerte. È inconcepibile assistere a file interminabili con persone sofferenti. Ecco perché, nell’era del digitale, bisogna sfruttare queste occasioni e migliorare quanto più possibile i servizi, specie nel campo della sanità e della tutela del bene-vita. Il fine della mozione – conclude Pasqua – è dunque quello di impegnare la Giunta regionale a volere verificare l’opportunità di attivarsi nella direzione e con le modalità che riterrà più opportune al fine di risolvere la delicata problematica».

  • Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria" Il Polo museale di Soriano aderisce alla "Giornata regionale dei Musei di Calabria"

    Anche il Polo museale di Soriano Calabro aderisce alla “Giornata regionale dei Musei di Calabria “, organizzata dalla Giunta regionale e in programma per sabato, 24 novembre.

    L’iniziativa prevede l’apertura delle più importanti strutture museali sparse su tutto il territorio regionale e, tra queste, c’è anche il polo di Soriano il cui ingresso per quella giornata sarà gratuito. Inoltre, per come affermato in una nota dal sindaco Francesco Bartone, sono state «programmate iniziative volte a coinvolgere l’interesse del pubblico. La nostra cittadina spalancherà le porte del MuMar, della Pinacoteca, del Museo archeologico territoriale della ceramica medievale e del Gabinetto regionale dei disegni e delle stampe antiche della Calabria dove, tra l’altro, è conservato un corpus di carte geografiche originali dal ‘500 all’800».

    Le visite saranno guidate da storici dell’arte e archeologi, mentre in un laboratorio di ceramica ci sarà la dimostrazione della lavorazione artistica del maestro napitino Antonio Montesanti.

  • Nicotera, l'appello: “I turisti non puniscano le popolazioni che alzano la testa” Nicotera, l'appello: “I turisti non puniscano le popolazioni che alzano la testa”

    Riceviamo e pubblichiamo

    Meno di un mese che ci siamo sollevati. Quasi un mese di agitazione, coraggio, speranza… lotta.

    Giorni di proteste, occupazioni, chiusura di esercizi commerciali, lidi, bar nel pieno della stagione e persino di domenica…

    Giorni senza più paura. Giorni di passione e dignità.

  • I dipendenti della Provincia di Vibo incontrano Delrio e Lotti I dipendenti della Provincia di Vibo incontrano Delrio e Lotti

    Avrebbero voluto incontrare di persona il premier, Matteo Renzi, i dipendenti in servizio presso la Provincia di Vibo Valentia che, da diversi mesi ormai, hanno avviato una serie di proteste per far sentire la propria voce contro il mancato pagamento delle spettanze arretrate e, soprattutto, per chiedere certezze sul futuro occupazionale.

  • I dipendenti della Provincia di Vibo si recano da Renzi ma la polizia li ferma in autostrada I dipendenti della Provincia di Vibo si recano da Renzi ma la polizia li ferma in autostrada

    È proprio il caso di dirlo: oltre al danno, adesso è arrivata anche la beffa.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)