Lunedì, 27 Maggio 2013 13:10

Vibo: lo strano caso dell’acqua potabile che nessuno beve

Scritto da Redazione
Letto 1876 volte

mini alaco schiumaRiceviamo e pubblichiamo: La nostra terra calabrese è da sempre terra di prodigi, di meraviglie e di veri e propri miracoli, ma nel caso dell’acqua di rubinetto della provincia di Vibo si verifica quotidianamente, da molti anni un evento che l’intera cittadinanza contempla sempre più attonita. La totalità della popolazione che vive nei paesi serviti dall’Alaco, evita infatti accuratamente e da lungo tempo, di bere l’acqua del rubinetto, includendo nel termine “popolazione” anche i certificatori della potabilità, che dovrebbero farlo almeno allo scopo di essere considerati minimamente credibili. Nessuno, quindi, beve l’acqua “potabile”

anche gli ignari turisti, specie se hanno bambini, vengono immediatamente informati dai vicini della non potabilità dell’acqua, e questo nonostante i numerosi certificati di potabilità basati da tempo immemore sulla quasi totale mancanza di rispetto della legge e delle doverose norme di prudenza per la tutela della salute pubblica.
L’unico ad averne una volta trangugiato un bicchiere, per giunta di malavoglia, è l’ingegner Ricciuto di Sorical SPA, qualche tempo fa, dietro cordialissimo invito della cittadinanza serrese che lui stava cercando di convincere della bontà dell’acqua da lui medesimo “potabilizzata”. Lo stesso Ingegner Ricciuto che finora si è ben guardato dal rispondere alle domande dei cittadini preferendo invece sproloquiare a ruota libera via stampa e televisione, senza accettare un faccia a faccia con le associazioni dei cittadini. L’incredibile situazione nasce, nella provincia di Vibo Valentia, anche dal fatto che l’aggregazione di Enti Pubblici che certifica la potabilità dell’acqua che vorrebbero darci a bere, riesce nell’assurdo compito, di far risultare ufficialmente salubre, sulla carta, con tanto di bolli e firme dei responsabili, tutti indagati, un acqua che nessuno beve e mai ha bevuto.
Nella nostra provincia, in barba a qualsiasi protocollo sia legale che medico, un liquido che possiamo, senza nessun timore, definire scientificamente: “una miscela di sostanze sciolte in acqua, di composizione chimica e proprietà fisiche attualmente sconosciute”, diviene, ripetiamo, solo sulla carta acqua potabile, acqua di ottima qualità, come esplicitamente prescritto dalla legge che afferma: “Le acque destinate al consumo umano devono essere salubri e pulite” (vedi d.lgs 31/2001). In questa situazione assurda chi rappresenta gli enti certificatori, pur non rispondendo alle loro legittime domande, senza dare seguito seguito alle loro legittime richieste, disattendendo le promesse fatte, vorrebbe comunque far passare l’idea che questi siano dalla parte dei cittadini.
Il problema sta nel fatto che per poter affermare di stare dalla parte dei cittadini bisogna rendere immediatamente partecipe la popolazione di quanto sta realmente accadendo, cosi che ognuno possa prendere le dovute precauzioni nell’utilizzo dell’acqua, interrompere le illecite richieste di pagamento dei comuni che forniscono ai cittadini una soluzione acquosa di composizione ignota invece che acqua a norma di legge, e ristabilire finalmente una situazione di normalità.
Nell’interesse di tutti, ancora e a gran voce chiediamo che il bacino dell’Alaco venga definitivamente dichiarato inadeguato e che da subito si incominci a progettare un piano sostitutivo per l’adduzione dell’acqua.

Coordinamento Calabrese Acqua Pubblica “Bruno Arcuri”

Articoli correlati (da tag)

  • Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità» Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità»

    «Spero che questo percorso appena avviato possa dare quei contributi utili alla risoluzione delle tante problematiche che, purtroppo, attanagliano la nostra provincia».

    Lo ha detto il neo presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, a margine del primo Consiglio svoltosi stamattina, al termine del quale si è proceduto anche alla nomina del vicepresidente. Scelta, questa, ricaduta sul consigliere Giuseppe Policaro della lista “Rinascita vibonese”.

    «È necessario – ha aggiunto Solano – partire dai sindaci e dagli amministratori, i primi che si impegnano quotidianamente per cercare di risolvere questi disagi. Sono sicuro che, assieme, riusciremo ad arrivare a quella sinergia utile per raggiungere questo obiettivo. Intendo lavorare con tutti nell’interesse del territorio e, di conseguenza, sia con i consiglieri di maggioranza che con quelli di opposizione. Abbiamo già avviato una sinergia con gli uffici preposti affinché si possa ridare decoro a questo territorio. Quindi, inizieremo a lavorare su manutenzione e viabilità. Il dissesto? Nel giro di un anno e mezzo, anche prima, speriamo di venirne fuori».

  • Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti

    Si terrà domani, 15 novembre, alle ore 11, nella sala consiliare dell’ente, il primo Consiglio provinciale della nuova fase politica e amministrativa della Provincia di Vibo Valentia, guidata dal neo presidente, Salvatore Solano.

    Tra gli adempimenti preposti dagli organi istituzionali dell’ente intermedio vibonese, coordinati dal segretario generale, Mario Ientile, ci sono l’esame inerente le condizioni di candidabilità, eleggibilità e compatibilità alla carica di presidente e di consigliere provinciale, degli eletti alle recenti elezioni; la convalida; il giuramento e le comunicazioni del presidente. Assieme a Solano, eserciteranno la loro funzione istituzionale in seno al Consiglio provinciale i neo eletti: Giuseppe Policaro, Giuseppe Roberto Muratore, Domenico Anello e Maria Rosaria La Grotta (esponenti della lista “Rinascita Vibonese”); Antonio Zinnà (componente della lista “Forza Civica”), Antonio Carchedi, Maria Francesca Pascale, e Gregorio Profiti (espressione politica del Partito democratico); Maria Fiorillo e Carmine Mangiardi, membri della compagine “Civilmente Impegnati”.

    Stamattina, il neo presidente della Provincia di Vibo, ha voluto incontrare nella sala consiliare i lavoratori dell’ente. Ad affiancarlo il segretario generale Mario Ientile e il neo consigliere provinciale, Domenico Anello. Nel corso dell’iniziativa, Solano ha delineato quelli che saranno i suoi obiettivi cardine in termine di azione amministrativa. «Questa Provincia – ha evidenziato - ha in sé la forza per rialzarsi, sta a noi darle un impulso nuovo. Ho avuto modo di constatare che siete persone capaci e disponibili. Io sarò al vostro fianco, uno di voi. Dobbiamo, quindi, nonostante le note difficoltà economiche e finanziarie, agire insieme in maniera propositiva e guardare al futuro con ottimismo».

    Nei giorni scorsi, Solano - coadiuvato dal segretario Ientile - aveva incontrato anche i responsabili dei settori nevralgici dell’Ente. «Ci dovrà essere, da parte nostra, un impegno assoluto, al fine di dare risposte al territorio, soprattutto in settori importanti quali la Viabilità stradale, l’Ambiente e l’Edilizia scolastica, - ha asserito Solano, nel corso delle riunioni con i funzionari -. Molto dipenderà dai finanziamenti che il Governo nazionale ci metterà a disposizione, questo è risaputo da noi e dalla gente. Ma comunque, per quel che di nostra competenza - ha sottolineato il neo presidente - dovremo, con spirito di abnegazione e assicurando la massima trasparenza amministrativa, dare il meglio di noi stessi. Quest’ente possiede molte professionalità ed è, pertanto, mia intenzione farle emergere e valorizzarle nell’esclusivo interesse collettivo per potenziare, in termini di efficacia ed efficienza, i servizi da erogare ai cittadini del Vibonese».

  • Acqua potabile, disagi anche a Brognaturo Acqua potabile, disagi anche a Brognaturo

    BROGNATURO - Come di consueto, durante la stagione estiva, il problema della mancanza di acqua nelle abitazioni non si è fatto attendere nemmeno nel comune di Brognaturo.

  • Simbario, ordinanza del sindaco: l'acqua torna potabile Simbario, ordinanza del sindaco: l'acqua torna potabile

    Il primo cittadino di Simbario, Ovidio Romano, con una ordinanza emessa nella giornata odierna, ha disposto la revoca di un'altra ordinanza, del 21 luglio scorso, tramite la quale il sindaco del piccolo centro del Vibonese aveva deciso il divieto dell'uso dell'acqua ai fini del consumo umano. 

  • Provincia di Vibo, Mangialavori scrive al governo: 'Necessari interventi per il rilancio dell'ente' Provincia di Vibo, Mangialavori scrive al governo: 'Necessari interventi per il rilancio dell'ente'

    Riceviamo e pubblichiamo

    Per focalizzare l’attenzione sulle gravi criticità dell’ente Provincia è stata inoltrata missiva al presidente del Consiglio Mattero Renzi, al ministro dell’Interno Angelino Alfano e al ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Bruno Greco
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)