Mercoledì, 30 Marzo 2016 22:42

La brigata Zenzero conquista Eataly Firenze con la gastronomia calabrese

Scritto da Bruno Greco
Letto 5360 volte

L'esperienza della "brigata Zenzero" a Firenze, capitale per un mese del cibo di alta qualità calabrese, sta per concludersi. Lo chef serrese Bruno De Francesco, partito all'inizio di marzo con una manciata di amici-colleghi alla volta di Eataly, ha regalato al pubblico dei buongustai un pezzo di Calabria all'interno dello spazio l'Osteria di sopra.

Ad annunciare l’avventura di De Francesco e i suoi come una «ventata di novità» all’interno del nuovo progetto Eataly era già stato il celebre “Gambero Rosso”, che anticipava l’arrivo della Calabria nell’Osteria di sopra di via Martelli, a un passo dal Duomo: «Questo locale prima si chiamava ristorante "Da Vinci" – ha spiegato De Francesco – rimasto chiuso per circa tre mesi perché purtroppo non funzionava più bene. Eataly con noi ha deciso di rilanciare questo locale con la formula delle “osterie”, ristoranti di varie regioni che si alterneranno nei mesi a seguire».

Già reduci dalla presenza ad Expo nel padiglione Italia, i giovani professionisti serresi questa volta hanno messo la loro professionalità a disposizione di Eataly, l'ormai celebre marchio gastronomico fondato dall'imprenditore Natale (Oscar) Farinetti. Gli "alti ingredienti" utilizzati in cucina, oltre a portare con sé odori e sapori della Calabria in terra toscana, hanno rappresentato anche le sfide imprenditoriali di una regione, orgogliosa di mostrarsi attraverso tipicità gastronomiche uniche e irripetibili come il Pecorino del Monte Poro di Gabriele Crudo (Rombiolo); il Cirò rosso e rosato di 'A vita di Francesco Maria De Franco (Cirò); lo Zibibbo delle cantine Benvenuto (Francavilla Angiola); i pomodori secchi, le olive e l'origano di Calabria&Calabria di Agostino Sirianni (Cittanova); gli 'nzullini di Fiorindo Franco (Serra San Bruno); il biscotto al finocchio del “Panificio D'Amico Boulangerie Caffè” (Vibo Valentia); il Tartufo di Domenico Penna (Pizzo); i porcini Serfunghi di Bruno Calabretta (Serra San Bruno); l'olio evo dell'azienda Mazzitelli (Cessaniti); i vini di Ferrocinto e i prodotti di Campoverde tra cui pomodorini idroponici e caciocavallo silano (Castrovillari); il cipollotto e la cipolla di Tropea disidratata dell’azienda Schiariti (Tropea).

 

«All’interno dell’Osteria di sopra – ha dichiarato ancora lo chef serrese – abbiamo preparato per i nostri clienti cucina calabrese attraverso le ricette classiche dello Zenzero (ristorante di Serra San Bruno di proprietà dello stesso De Francesco ndr), soprattutto a base di pesce. Abbiamo portato "il piatto povero della Calabria", che ebbe molto successo ad Expo, intitolandolo "omaggio a Firenze": la panzanella calabrese.

La Calabria buona, quella da magiare, è stata dunque protagonista per un mese a Firenze, e continuerà ad esserlo in altre parti d'Italia, dove sempre ci sarà qualcuno che perderà la testa per le irresistibili eccellenze gastronomiche di questa regione. Oggi per la brigata Zenzero si tratta dell’ultimo giorno fiorentino «un’esperienza – ha detto De Francesco soddisfatto – che ti fa comprendere quanto si può crescere professionalmente grazie alla diversità delle varie regioni. Confrontarsi sempre con palati differenti, scoprire i gusti e le abitudini. Mettersi in gioco e divertirsi a scoprire che sono poche le ricette che davvero mettono tutti d'accordo. Basta spostarsi da Roma a Firenze per capire che bisogna cambiare le quantità nei piatti, la tipologia d'olio e rendersi conto che il rosato è più richiesto del rosso… Sono contento del grande successo e dei tanti complimenti ricevuti che giro volentieri alla mia brigata che mi ha accompagnato e sostenuto, formata da Vincenzo Rachiele agli antipasti, da Bruno De Raffele ai primi e da Vincenzo Albano ai secondi».

Prossima tappa? Eatly Roma si è già accaparrata la “brigata Zenzero” per il prossimo settembre. La Calabria continuerà ad essere protagonista della gastronomia anche nella capitale.

Articoli correlati (da tag)

  • Lo chef serrese Bruno De Francesco protagonista stasera a Torino all'evento 'Orgoglio contadino' Lo chef serrese Bruno De Francesco protagonista stasera a Torino all'evento 'Orgoglio contadino'

    mini eatalySarà lo chef serrese del ristorante ZenZero, Bruno De Francesco, uno dei protagonisti dell'evento "Orgoglio Contadino", organizzato come ogni anno da Eataly, catena specializzata nella vendita e somministrazione di cibi di alta qualità, che si terrà questa sera, a partire dalle ore 20, nella sede Eataly Lingotto di via Nizza a Torino (sala dei duecento). Sarà una serata dedicata ai saperi e ai sapori dell'agricoltura e del mare del nostro Paese, ma soprattutto all'unico, vero protagonista di questa festa: il contadino. Oltre allo chef e professore Silvio Greco, che preparerà per i convenuti un menù ricco di specialità della nostra regione, ci sarà anche il giovane chef di Serra San Bruno, Bruno De Francesco, chiamato a rappresentare la Calabria per la seconda volta consecutiva.

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)