Giovedì, 12 Settembre 2013 13:46

Da Serra a Disneyland Parigi. Weld: l’imprenditoria giovanile che non si arrende alla crisi

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 2680 volte
mini weldVertiginoso calo demografico, crisi incombente, accesso al credito impossibile ed il gioco è fatto. Sono questi gli ingredienti di un tracollo economico che sta colpendo in particolar modo l’imprenditoria giovanile, un settore ormai al collasso. Secondo ‘Il Sole 24 Ore’ nel solo ultimo anno avrebbero chiuso i battenti oltre 20 mila giovani impresari, logorati dai colpi lenti ma costanti di una crisi che proprio non vuole saperne di spegnersi. In particolar modo la Calabria rileva un 4,5% di giovani contribuenti in meno rispetto al solo 2011.
 
Verrebbe quindi da credere ai consigli crudi e freddi di chi, almeno per il momento, suggerisce di accantonare ogni progetto aziendale in attesa di tempi meno infausti. Ma non a Serra San Bruno, nella montagna dell’ultima provincia dell’ultima regione d’Italia, dove una “scommessa di periferia” sta lentamente prendendo piede fino a conquistare la ribalta nazionale e non solo. 
 
In un comparto difficile - reso vulnerabile da improvvisi mutamenti e dall’aleatorietà di continue e costanti innovazioni tecnologiche - la Weld Srl si è lentamente fatta largo nei mari agitati dell’illumino-tecnica d’avanguardia, salpando proprio dalla piccola cittadina della Certosa. Cinque giovani imprenditori del luogo – tutti con età compresa fra i 25 e i 30 anni - partendo dal nulla, dopo mesi di ricerche, pianificazioni, progettazioni, consulenze e viaggi oltre frontiera - fra gli stand di fiere e mercati sparsi in tutta Europa - sono riusciti a dare seguito ad una scommessa, rivelatasi col tempo, vincente. L’azienda serrese infatti, partendo nel 2011 da un piccolo laboratorio per l’assemblaggio dei prodotti progettati – nel volgere di poche settimane – ha registrato un’imponente crescita del volume d’affari, conquistando nel breve una posizione di rilievo nella produzione e distribuzione di dispositivi a Led su tutto il territorio europeo, tanto che molti dei prodotti a marchio Weld sono venduti, appunto, ben al di là dei confini italiani. Giusto per fare un esempio, il parco divertimenti più famoso d’Europa, Disneyland Parigi - tramite un intermediario campano - ha scelto proprio i sistemi a Led prodotti dalla Weld Srl per l’illuminazione interna dei propri impianti di refrigerazione. 
 
I cinque giovani imprenditori hanno quindi ben pensato di dare allo loro azienda la giusta vetrina con l’imminente apertura del nuovo showroom in via Matteotti, proprio a Serra San Bruno, dove sabato 14 settembre, dalle ore 17.00, avranno il piacere di ricevere installatori, grossisti o semplici visitatori incuriositi dalla vasta gamma di prodotti offerti dall’azienda, progettati ed assemblati direttamente in loco, ideali per l’illuminazione domestica o commerciale, di capannoni e strutture industriali, dell’arredo urbano e per ogni altra occorrenza. 
 
“Il Led - ci spiega il responsabile del settore vendite - è la soluzione giusta per le più disparate necessità. Rappresenta, infatti, una soluzione illumino-tecnica capace di soddisfare sia le esigenze estetiche che quelle economiche. Un ottimo alleato per il risparmio sui costi della bolletta energetica e della manutenzione degli impianti”. Tanto che, calcoli alla mano, un dispositivo Led è capace di generare la stessa luce, ma con un consumo inferiore del 60% circa, rispetto agli ormai obsoleti dispositivi tradizionali. 
 
Insomma, nonostante il buio profondo imposto dal peso di una crisi nera, a Serra San Bruno, brilla il progetto “luminoso” di cinque giovani imprenditori che non hanno nessuna intenzione di arrendersi alle difficoltà dei nostri giorni. 

Articoli correlati (da tag)

  • Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri

    Un’arma a doppio taglio quella della sempre più diffusa tendenza ad affidarsi all’e-Commerce per l’acquisto di prodotti di ogni genere. Una pratica che da una parte permette al cliente di avere il prodotto desiderato recapitato direttamente a casa propria in un breve lasso di tempo, ma che da un altro punto di vista sta concorrendo a affossare ulteriormente il mercato locale e le attività commerciali presenti sul territorio.

    Una questione aperta anche per i paesi della provincia di Vibo Valentia che sta via via scalando posizioni nella classifica dei territorio dove si ricorre con maggiore frequenza allo shopping online. A diffondere i dati del fenomeno è stato il gruppo Poste Italiane che ha proprio sottolineato come nella nostra provincia stia letteralmente volando l’e-Commerce nella fascia centrale della Calabria che comprende proprio le province di Vibo e Catanzaro, dove «nei primi nove mesi del 2018 Poste Italiane ha consegnato oltre 365mila pacchi. In pratica, quasi due pacchi a testa per ogni abitante, a dimostrazione dell’abitudine sempre più diffusa allo shopping online in ogni parte d’Italia, anche grazie alla capillarità e alla flessibilità del servizio di Poste Italiane che prevede consegne anche di sera e nel week end».

    Le principali categorie di acquisto riguardano l’abbigliamento (52%), libri e riviste (45%), ma anche cellulari, smartphone e tablet (37%), piccoli elettrodomestici (30%), prodotti per la cura del corpo (30%) o audio /video (30%). Il settore sarebbe dunque in crescita esponenziale, tanto che secondo le stime elaborate dal Politecnico di Milano in collaborazione con il consorzio Netcomm, il giro d’affari complessivo dell’e-commerce italiano raggiungerà a fine 2018 i 27 miliardi di euro, con un aumento del 15% rispetto all’anno precedente. Un trend di crescita che proseguirà nei prossimi anni, visto che il ritardo del nostro Paese nei confronti dei mercati più avanzati non è ancora colmato.

  • Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti» Trasversale, Comitato ancora all'attacco dell'Anas: «Ci nega l'accesso agli atti»

    «Per Anas, evidentemente, i cittadini non devono sapere». Queste le parole riportare in una nota dalla vicepresidente del “Comitato Trasversale delle Serre - 50 anni di sviluppo negato”, Silvia Vono.

  • Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out Serra, successo per il primo giorno della “Festa del Fungo”. Ristoranti sold out

    SERRA SAN BRUNO - Un bilancio più che positivo per il primo giorno della “Festa del fungo” organizzata dalla Pro Loco di Serra San Bruno.

  • Serra, parcheggi ed area pic-nic di Santa Maria in gestione ad una coop Serra, parcheggi ed area pic-nic di Santa Maria in gestione ad una coop

    Anche per l’estate 2016, così come era accaduto durante il mandato dell’ex sindaco di Serra San Bruno, Bruno Rosi, è stata espletata una procedura atta all’individuazione di un operatore economico a cui affidare l’appalto relativo al servizio di gestione dei parcheggi e dell’area pic-nic ubicati in località Santa Maria del Bosco.

  • Serra, parte la nuova raccolta differenziata: sorveglianza affidata a guardie ecozoofile Serra, parte la nuova raccolta differenziata: sorveglianza affidata a guardie ecozoofile

    Nel corso di una conferenza stampa tenuta nel locale Municipio, alcuni dei rappresentanti dell’amministrazione comunale di Serra San Bruno, tra i quali il sindaco Luigi Tassone, avevano presentato ufficialmente nei giorni scorsi il nuovo sistema di raccolta differenziata, pronto, già dalla mattinata di domani a fare il suo esordio sul territorio cittadino.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)