Giovedì, 10 Gennaio 2013 12:45

Lo strano caso di Parghelia: dietro le dimissioni degli amministratori l'ombra della Commissione d'accesso

Scritto da
Letto 2981 volte

mini maria-brosioDimissioni improvvise. Spiegazioni improbabili, contraddittorie. Un copione scritto male, con un sottotesto poco chiaro. Il "caso Parghelia" è scoppiato ieri, quando il sindaco Maria Brosio ha rassegnato le dimissioni insieme ai consiglieri comunali di maggioranza. Alla base della decisione, secondo quanto dichiarato dalla Brosio, ci sarebbe un articolo di stampa in cui si faceva riferimento ad un componente della giunta comunale che avrebbe subito delle pressioni nell'esercizio del suo mandato. L'articolo in questione è stato scritto da Giuseppe Baglivo sulla Gazzetta del Sud, e il copione scritto male lo vorrebbe "colpevole" della caduta dell'amministrazione comunale.

Un film già visto: è difficile non pensare che si tratti solo di un pretesto, di una scusa, di una motivazione raffazzonata per nascondere la verità all'opinione pubblica e tentare di scaricare colpe inesistenti sul solito giornalista che, in questo caso, è solo colpevole di fare bene il suo lavoro.

Nell'articolo di Baglivo era riportato il contenuto dell'ordinanza del gip distrettuale che il 19 dicembre scorso ha portato a diversi arresti tra gli uomini del clan La Rosa di Tropea. Operazione "Peter Pan". Richiamando gli atti dell'inchiesta, veniva data notizia di presunti condizionamenti nell'assegnazione di appalti del Comune di Parghelia, con la presunta contropartita in sostegno elettorale da parte di un soggetto noto alle forze dell'ordine. Ecco, qui il copione diventa più credibile, ma si ripiomba subito nel surreale con le dichiarazioni del sindaco: "Sono notizie che gettano un'ombra sul nostro operato che è sempre stato improntato alla massima trasparenza e legalità. Considerato che non desideriamo che il nostro operato venga sminuito da veleni e sospetti che possono altresì danneggiare la comunità di Parghelia, composta per la maggiorparte da gente onesta e laboriosa, abbiamo deciso di rassegnare le dimissioni".

Il sindaco era stato più volte oggetto di intimidazioni anche gravi. Per come la mette adesso l'amministrazione dimissionaria, quindi, si dovrebbe dedurre che la politica abbia ceduto alle pressioni, che si sia arresa, invece di combattere il malaffare. Il che già sarebbe grave, ma forse meno grave della verità. Gli amministratori si dicono sereni e tranquilli, certi della bontà e legittimità del loro operato, ed è proprio qui che dal copione viene fuori il sottotesto: queste dichiarazioni di serenità arrivano sempre più puntuali, in Calabria e ancor più nel Vibonese, quando gli amministratori vedono avvicinarsi ai palazzi municipali le ombre degli investigatori di Procure e Prefetture. Ed anche in questo caso, si può starne certi, è così. Il sindaco di Parghelia, evidentemente, ha avuto buonissimi motivi per credere che dopo l'inchiesta "Peter Pan" la Prefettura avrebbe inviato a Parghelia la Commissione d'accesso agli atti, noto prologo per un probabile scioglimento per mafia. Così ha provato a fare gol da centrocampo all'ultimo minuto: dimissioni in blocco e tentativo di scaricare la colpa sulla stampa. Un copione scritto male per un film già visto, che ormai viene riproposto ciclicamente ai cittadini vibonesi. E non c'è mai un lieto fine.

Articoli correlati (da tag)

  • 'Strada del mare', truffa aggravata e falso ideologico: i dettagli dell'inchiesta 'Strada del mare', truffa aggravata e falso ideologico: i dettagli dell'inchiesta

    VIBO VALENTIA - Dalla fase progettuale a quella dell’esecuzione dei lavori, per finire con la contabilizzazione e la liquidazione degli stati di avanzamento dei lavori.

  • Scossa di terremoto al largo della costa vibonese Scossa di terremoto al largo della costa vibonese

    Una scossa di terremoto di magnitudo 2.0 della scala Richter è stata registrata nel corso della notte dall'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia al largo del mar Tirreno, nel distretto della costa calabra occidentale.

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

  • Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera

    mini polizia_cantonaleLa Polizia cantonale ha arrestato nei giorni scorsi in Svizzera Antonio Montagnese, 35 anni di Fabrizia, ritenuto al vertice dell'omonimo clan Montagnese-Nesci, e già condannato in Cassazione ad una pena di 9 anni di reclusione con l'accusa di associazione mafiosa. Il 35enne era rimasto coinvolto nell'operazione “Domino”, scattata nel 2007. Montagnese è il genero di Bruno Nesci, anche lui al vertice della consorteria mafiosa. Subito dopo la sentenza della Cassazione, arrivata nel maggio di quest'anno che ha certificato l'esistenza di un locale di 'ndrangheta a Fabrizia, Montagnese si era dato latitante in Svizzera, ma la Polizia Cantonale dopo mesi di ricerche è riuscita a rintracciarlo. 

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)