Mercoledì, 06 Febbraio 2013 16:30

Sotto indagine il 'sistema Alaco': le responsabilità e le omissioni dei sindaci

Scritto da
Letto 2733 volte

mini acqua_serraAlla fine sono arrivati anche a loro. Non è una sorpresa, a dirla tutta. Non per chi ha seguito l’evolversi del caso Alaco fino al turbinio di eventi di questi ultimi giorni. Roba da sceneggiatori allucinati: black out istituzionali dannosi per la salute pubblica ed equilibrismi da trapezisti funzionali al mantenimento dell’ordine pubblico. Un balletto macabro imbastito attorno al lago dei veleni, che, forse, comincia a non essere più così “gommoso”. Da oggi, in questo vortice di responsabilità istituzionali legate all’acqua pagata “cara e amara” da 400mila calabresi, dopo diversi dirigenti di Sorical, Asp e Arpacal, sono entrati anche 20 sindaci del Vibonese. Altri erano già stati iscritti nel registro degli indagati al momento del sequestro preventivo dell’invaso, avvenuto il 17 maggio scorso. L’accusa, relativa al periodo 2009/2012, per gli amministratori locali, è omissione di atti d’ufficio

: non hanno disposto sull’acqua i controlli previsti dalla legge, nello specifico dal D.Lgs. 31/2001. Gli inquirenti contestano a sindaci ed ex sindaci di non aver effettuato tutte le analisi previste per le acque dell’Alaco, fidandosi ciecamente di ciò che riportavano Asp e Arpacal, enti di cui sono già indagati diversi tecnici e dirigenti.

Alla Procura, ovviamente, il compito di accertare le responsabilità penali, ove ci fossero, degli indagati. Non si può tacere, però, della responsabilità politica e morale che questi amministratori dovrebbero assumersi di fronte ai cittadini che amministrano e che hanno amministrato. L’Alaco pompa acqua inquinata nelle vene del sistema idrico regionale fin dal 2006. I problemi non sono mai mancati, prima sulla jonica, a San Sostene, poi nelle Serre e infine a Vibo Valentia. Nessun amministratore – neanche chi scopre l’Alaco solo oggi e cerca invano di cavalcare l’onda – ha mai avanzato un dubbio sull’adeguatezza di quel bacino. Nelle Serre tutti sapevano che era un’ex discarica abusiva e che non era mai stata fatta un’opportuna bonifica, eppure per i sindaci di ieri e di oggi è stato più comodo non accorgersene. Hanno preferito il rischio di mandare acqua avvelenata ai loro cittadini piuttosto che la certezza dell’autonomia da Sorical. Si sono comodamente allacciati ad un invaso al veleno, hanno “girato” a Sorical tanti soldi dei cittadini, e hanno abbandonato l’acqua pura che sgorga da secoli da queste montagne. Stessa storia: di centrodestra e di centrosinistra, con Loiero e con Scopelliti. Tutti indagati.

Ricapitoliamo. Il certificato di idoneità dell’acqua dell’invaso, ancora oggi, non è stato trovato. Pare che non esista. L’acqua del principale affluente del lago, il fiume Alaco, è classificata nel piano regionale di tutela delle acque sotto la categoria A3, ovvero tra le acque che necessitano di un trattamento chimico-fisico spinto. Il potabilizzatore dell’Alaco è sottodimensionato e destinato al trattamento di acque A2, molto meno “dure” di quelle del bacino. L’invaso e l’impianto sono sotto sequestro giudiziario. Ci sono testimonianze che raccontano di camion abbandonati e di traffici inquietanti. Le tracce della mancata bonifica sono visibili ad occhio nudo. Scoppia l’allarme benzene: due mesi per comunicarlo, due ore per smentirlo. Qualcuno ci prova, a dire che è tutto a posto, ma l’Arpacal spiega che, oltre alla storia grottesca del benzene “simpatico”, erano stati rilevati dei cloriti, e che quindi l’acqua non era potabile fin dal 7 dicembre. C’è qualcuno, evidentemente, che cerca di insabbiare tutto, ma gli ingranaggi del “struttura”, forse non oleati a dovere come un tempo, sono saltati, e il grumo di sospetti sul “sistema Alaco” adesso non si scioglie così facilmente. Specie in quell’acqua che, forse, proprio acqua non è. Ma non ditelo ai sindaci del Vibonese: lo scopriranno prima o poi, con i loro tempi.

 

Articoli correlati (da tag)

  • Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri Boom dello shopping online nel Vibonese: tra i prodotti più acquistati abbigliamento e libri

    Un’arma a doppio taglio quella della sempre più diffusa tendenza ad affidarsi all’e-Commerce per l’acquisto di prodotti di ogni genere. Una pratica che da una parte permette al cliente di avere il prodotto desiderato recapitato direttamente a casa propria in un breve lasso di tempo, ma che da un altro punto di vista sta concorrendo a affossare ulteriormente il mercato locale e le attività commerciali presenti sul territorio.

    Una questione aperta anche per i paesi della provincia di Vibo Valentia che sta via via scalando posizioni nella classifica dei territorio dove si ricorre con maggiore frequenza allo shopping online. A diffondere i dati del fenomeno è stato il gruppo Poste Italiane che ha proprio sottolineato come nella nostra provincia stia letteralmente volando l’e-Commerce nella fascia centrale della Calabria che comprende proprio le province di Vibo e Catanzaro, dove «nei primi nove mesi del 2018 Poste Italiane ha consegnato oltre 365mila pacchi. In pratica, quasi due pacchi a testa per ogni abitante, a dimostrazione dell’abitudine sempre più diffusa allo shopping online in ogni parte d’Italia, anche grazie alla capillarità e alla flessibilità del servizio di Poste Italiane che prevede consegne anche di sera e nel week end».

    Le principali categorie di acquisto riguardano l’abbigliamento (52%), libri e riviste (45%), ma anche cellulari, smartphone e tablet (37%), piccoli elettrodomestici (30%), prodotti per la cura del corpo (30%) o audio /video (30%). Il settore sarebbe dunque in crescita esponenziale, tanto che secondo le stime elaborate dal Politecnico di Milano in collaborazione con il consorzio Netcomm, il giro d’affari complessivo dell’e-commerce italiano raggiungerà a fine 2018 i 27 miliardi di euro, con un aumento del 15% rispetto all’anno precedente. Un trend di crescita che proseguirà nei prossimi anni, visto che il ritardo del nostro Paese nei confronti dei mercati più avanzati non è ancora colmato.

  • Acqua potabile, disagi anche a Brognaturo Acqua potabile, disagi anche a Brognaturo

    BROGNATURO - Come di consueto, durante la stagione estiva, il problema della mancanza di acqua nelle abitazioni non si è fatto attendere nemmeno nel comune di Brognaturo.

  • Simbario, ordinanza del sindaco: l'acqua torna potabile Simbario, ordinanza del sindaco: l'acqua torna potabile

    Il primo cittadino di Simbario, Ovidio Romano, con una ordinanza emessa nella giornata odierna, ha disposto la revoca di un'altra ordinanza, del 21 luglio scorso, tramite la quale il sindaco del piccolo centro del Vibonese aveva deciso il divieto dell'uso dell'acqua ai fini del consumo umano. 

  • Caso Alaco, udienza preliminare rinviata al 2 novembre Caso Alaco, udienza preliminare rinviata al 2 novembre

    Ennesimo rinvio - il quarto di fila dopo quelli di ottobre, marzo e giugno - per l'udienza preliminare relativa all'inchiesta “Acqua sporca”, coordinata dall'allora procuratore capo della Repubblica di Vibo, Mario Spagnuolo, e dal sostituto Michele Sirgiovanni e condotta dai militari del Nas di Catanzaro, del Reparto Operativo di Vibo e del Corpo forestale dello Stato.

  • Inchiesta 'Acqua sporca', terzo rinvio dell'udienza preliminare Inchiesta 'Acqua sporca', terzo rinvio dell'udienza preliminare

    Terzo rinvio – dopo quelli già avvenuti ad ottobre e a marzo – dell'udienza preliminare nei confronti delle sedici persone rimaste coinvolte nell'inchiesta “Acqua sporca”, per le quali il sostituto procuratore della Repubblica di Vibo, Michele Sirgiovanni, ha chiesto il processo.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)