Sabato, 06 Ottobre 2012 16:46

Acqua, nota di Mirko Tassone: 'Situazione insostenibile, amministrazione comunale assente'

Scritto da Redazione
Letto 1754 volte

mini acqua_serraRiceviamo e pubblichiamo: 

Ormai è un tormento. Una situazione insostenibile che non accenna a rientrare. Il problema connesso con la potabilità dell’acqua è una vera e propria emergenza che l’amministrazione comunale non sembra avere la forza o la volontà per affrontare e risolvere. Al di là dei proclami e della politica parolaia ed inconcludente cui i serresi sembrano essersi rassegnati,  il problema rimane insoluto. Nonostante le innumerevoli e mirabolanti promesse la situazione diventa giorno dopo giorno più preoccupante.

Mentre i cittadini vivono con disappunto il disagio che li obbliga ad armarsi quotidianamente di taniche e fare lunghe code alle fontanelle pubbliche dei comuni vicini, continua il balletto delle ordinanze di non potabilità.

L’ultima in ordine di tempo è quella pubblicata il 3 ottobre u.s. con la quale è stato vietato l’uso dell’acqua proveniente dal serbatoio “Guido” e quella delle fontanelle pubbliche di Santa Maria, Piazza San Giovanni, Scorciatina e Guido. L’ennesima ordinanza è stata pubblicata contestualmente al ritiro di analogo provvedimento emanato lo scorso due agosto con il quale era stato vietato l’uso dell’acqua proveniente dal serbatoio “Castagnari”. In altre parole, per oltre due mesi ai cittadini residenti in un’intera zona del paese (quella servita dal serbatoi “Castagnari”), è stata erogata acqua non potabile. In attesa di veder tramutati in fatti gli impegni assunti dal Sindaco e dalla sua maggioranza, i cittadini aspettano invano un atto di chiarezza. Non è più possibile, infatti, che i serresi inizino le loro giornate con il dilemma se l’acqua sia potabile o meno. Non è possibile che le persone anziane siano costrette a consumare acqua non potabile perché non hanno la possibilità di acquistare o semplicemente trasportare dal supermercato a casa acqua minerale. E’, soprattutto, indecoroso, che i cittadini non conoscano le cause e le conseguenze per la salute, degli agenti inquinanti che rendono, sistematicamente, l’acqua non potabile.  Anche alla luce dell’ultima ordinanza, viene da chiedersi, quindi, cosa ci sia di inconfessabile dietro il problema dell’acqua. E’ mai possibile che un territorio di montagna, come il nostro, debba misurarsi, ormai, da quattro anni con un problema che desta preoccupazione, ansia ed inquietudine? Una preoccupazione accentuata dalla reticenza e dalla scarsa trasparenza, che, nel caso specifico, caratterizzano soprattutto  l’amministrazione comunale, la quale non chiarisce quale sia la causa del problema. Una reticenza che sfiora l’arroganza quando, violando, peraltro, precise disposizioni normative e regolamentari, l’amministrazione omette di rispondere all’ interpellanza presentata, dal sottoscritto, lo scorso 6 agosto per conoscere:

  • se nel corso di questi mesi, dalla data del suo insediamento, l’attuale Amministrazione abbia effettuato una ricognizione conoscitiva, al fine di individuare le cause dei ripetuti episodi di non potabilità dell’acqua verificatasi negli ultimi anni e negli ultimi mesi;
  • quali siano gli agenti inquinanti presenti nell’acqua;
  • quali siano i rischi per la salute dei cittadini per l’aver utilizzato per lungo tempo acqua non potabile;
  • quali azioni, anche di carattere legale, codesta Amministrazione abbia intrapreso contro la società che gestisce l’invaso dell’ Alaco;
  • quali siano stati i provvedimenti intrapresi da codesta Amministrazione per risolvere in maniera definitiva l’increscioso problema;
  • quanti e quali pozzi comunali in disuso siano stati riattivati per alleggerire la dipendenza dalle forniture provenienti dall’invaso dell’Alaco;
  • a che punto sia l’intervento “da oltre un milione di euro” di cui Ella ha parlato in occasione della menzionata trasmissione televisiva.

Interrogativi che a distanza di due mesi, non hanno trovato alcuna risposta. Risposte che i cittadini hanno il diritto di ricevere, da un’amministrazione più che distratta, assente.  

Mirko Tassone (Consigliere comunale gruppo “Al lavoro per il Cambiamento”)

Articoli correlati (da tag)

  • Acqua potabile, disagi anche a Brognaturo Acqua potabile, disagi anche a Brognaturo

    BROGNATURO - Come di consueto, durante la stagione estiva, il problema della mancanza di acqua nelle abitazioni non si è fatto attendere nemmeno nel comune di Brognaturo.

  • Simbario, ordinanza del sindaco: l'acqua torna potabile Simbario, ordinanza del sindaco: l'acqua torna potabile

    Il primo cittadino di Simbario, Ovidio Romano, con una ordinanza emessa nella giornata odierna, ha disposto la revoca di un'altra ordinanza, del 21 luglio scorso, tramite la quale il sindaco del piccolo centro del Vibonese aveva deciso il divieto dell'uso dell'acqua ai fini del consumo umano. 

  • Acqua sporca a Santa Domenica di Ricadi, parte la petizione popolare Acqua sporca a Santa Domenica di Ricadi, parte la petizione popolare

    Riceviamo e pubblichiamo

    “Un diritto umano essenziale al pieno godimento della vita e di tutti i diritti umani”: era la data del 28 luglio 2010 quando, con queste testuali parole, l’Organizzazione delle Nazioni Unite riconosceva la potabilità dell’acqua come un imprescindibile diritto umano (risoluzione 64/92).

  • ‘Acqua sporca’, slitta ancora l'udienza sul caso Alaco. Nuovo rinvio a giugno ‘Acqua sporca’, slitta ancora l'udienza sul caso Alaco. Nuovo rinvio a giugno

    Nuovo rinvio per l’udienza preliminare nei confronti delle 16 persone coinvolte nell’indagine “Acqua sporca” per cui il sostituto procuratore Michele Sirgiovanni ha chiesto il processo. A stabilirlo il gup di Vibo Anna Rombolà, che ha deciso per il rinvio a causa di un difetto di notifica ad alcuni degli indagati, così come d’altronde era già accaduto il 21 ottobre scorso nella prima data stabilita per l’udienza.

  • Acqua, il Tar conferma: tariffe Sorical illegittime. Il "Bruno Arcuri": lo denunciamo dal 2010 Acqua, il Tar conferma: tariffe Sorical illegittime. Il "Bruno Arcuri": lo denunciamo dal 2010

    Il Tar Calabria si è finalmente espresso sulla questione sollevata dal Coordinamento Calabrese Acqua Pubblica “Bruno Arcuri” già dal 2010, in piena raccolta firme per i quesiti referendari sull’acqua, rispetto alle tariffe idriche modificate direttamente in Calabria da Sorical Spa (leggi la sentenza).

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)