Lunedì, 03 Dicembre 2012 14:04

Anticonsiglio comunale/12 - Era una mattina buia e tempestosa

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 2268 volte
 

mini consigliocomunale

Primo lunedì di dicembre. Si raccolgono i resti della seduta scorsa rinviata all’improvviso per “impegni improrogabili” della maggioranza. Circondato da nuvole e tuoni, palazzo Chimirri galleggia segregato in un conformismo da latte alle ginocchia. Ingoiato nella monotonia devastante di un Consiglio comunale lento ed anonimo. Scontato, prevedibile, loffio. Assorto in un copione sempre uguale: non vi è atto che non risulti inquinato dalla palese incapacità amministrativa della maggioranza, oggi per l’occasione al gran completo. La minoranza, invece, risulta dimezzata: sono presenti solo Tassone e Lo Iacono.
Ma nonostante l’inferiorità numerica il finale risulterà scontato tanto quanto la morte di Ettore che prova a sconfiggere Achille.
Si inizia con il riconoscimento di una sfilza di debiti fuori bilancio: 56mila euro per trasporto rifiuti solidi urbani; 21mila euro per interventi meccanici al compattatore dei rifiuti; 41mila euro per riparazioni del manto stradale; 300euro alla Polizia municipale di Locri per l’ausilio prestato in occasione della visita del Santo Padre; 2.500euro per le divise dei nostri vigili urbani; oltre 7mila euro imposti dal Giudice di Pace a favore di cittadini che hanno tritato semiassi, parafanghi e cofani per le vie del paese; ecc ecc.
Però c’è un però, ed i consiglieri di minoranza Lo Iacono e Tassone, con pronuncia lenta e cadenzata, lo dettano a verbale: “non vengono rispettate le norme fondamentali per il funzionamento del Consiglio. Oggi come il 30 novembre (quando la seduta fu sospesa e rinviata) non siamo in condizione di valutare gli atti straordinari (debiti fuori bilancio) all’ordine del giorno, perché i documenti di cui disponiamo sono carenti dei pareri obbligatori di tecnici e funzionari responsabili”. Quindi la documentazione fornita alla minoranza risulta carente del parere obbligatorio sia del responsabile del settore tecnico-manutentivo, che del Revisore dei Conti (tra l’altro dimissionario dal 22 novembre scorso) chiamati per legge a relazionare sulla legittimità o meno dei debiti da riconoscere. Da ciò scaturisce, oltre che l’impossibilità per la minoranza stessa di partecipare in maniera edotta alla discussione, anche e soprattutto l’illegittimità degli atti stessi. Fra l’altro fra i punti compare anche una rateizzazione di un debito in più annualità, procedura garantita dall’art. 194 del Tuel ma solo se concordata con il soggetto creditore. Cosa che pare non sia affatto avvenuta.
La minoranza esorta il resto del Consiglio a ritirare i punti e a predisporli al meglio per la prossima seduta, poi abbandona definitivamente l’aula. In tutta risposta la maggioranza, anzi Nazzareno Salerno, ignora l’invito ed rassicura i suoi: “E’ un atto di responsabilità: andiamo avanti!” Le parole del capogruppo-condottiero trasmettono speranza e sicurezza. Soprattutto i giovani gli danno fiducia incondizionata. Quegli stessi giovani a cui però Salerno ha omesso di raccontare che un apparente piccolo neo col tempo potrebbe andare in metastasi: gli oneri economici scaturiti da beni e servizi acquisiti in violazione degli obblighi di legge, ricadono direttamente sull’amministratore che ne ha consentito l’erogazione o la fornitura. Ed oggi, per inciso, sono stati riconosciuti debiti fuori bilancio con procedure quanto meno anomale, che nel totale ammontano a più di 200mila euro. Scelleratezze da blocco digestivo per un coraggio mirato all’autolesionismo.

Articoli correlati (da tag)

  • Serra verso le Comunali | Centrodestra, Rosi è già un ricordo lontano. Spunta l’ipotesi Tassone Serra verso le Comunali | Centrodestra, Rosi è già un ricordo lontano. Spunta l’ipotesi Tassone

    SERRA SAN BRUNO - In vista delle Comunali del prossimo giugno avrebbe un “asso nella manica”, già bello e pronto da giocare, il consigliere regionale Nazzareno Salerno, leader della locale coalizione di centrodestra, convinto ormai a dare definitivamente un “calcio al passato” e ad affrontare l’imminente campagna elettorale con una lista improntata al “rinnovamento”. 

  • L'anticonsiglio comunale/35 - Il nuovo record dell'amministrazione Rosi: 5 minuti e tutti a casa L'anticonsiglio comunale/35 - Il nuovo record dell'amministrazione Rosi: 5 minuti e tutti a casa

    SERRA SAN BRUNO - Se quella di stamane non è stata la seduta del consiglio comunale più corta in termini di durata dell'amministrazione Rosi, davvero poco ci manca. La riunione del civico consesso si è tenuta alle 9 presso i locali di palazzo Chimirri ed, in pochissimi minuti, si è proceduto all'approvazione dei punti all'ordine del giorno. 

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

  • Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera Fabrizia, arrestato latitante in Svizzera

    mini polizia_cantonaleLa Polizia cantonale ha arrestato nei giorni scorsi in Svizzera Antonio Montagnese, 35 anni di Fabrizia, ritenuto al vertice dell'omonimo clan Montagnese-Nesci, e già condannato in Cassazione ad una pena di 9 anni di reclusione con l'accusa di associazione mafiosa. Il 35enne era rimasto coinvolto nell'operazione “Domino”, scattata nel 2007. Montagnese è il genero di Bruno Nesci, anche lui al vertice della consorteria mafiosa. Subito dopo la sentenza della Cassazione, arrivata nel maggio di quest'anno che ha certificato l'esistenza di un locale di 'ndrangheta a Fabrizia, Montagnese si era dato latitante in Svizzera, ma la Polizia Cantonale dopo mesi di ricerche è riuscita a rintracciarlo. 

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Bruno Greco
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)