Domenica, 02 Dicembre 2012 11:56

'Ndrangheta, il comune di Arena si costituisce parte civile nel processo 'Luce nei boschi'

Scritto da Redazione
Letto 3069 volte

arenaARENA - E' un segnale molto concreto e niente affatto simbolico quello mandato dalla giunta comunale arenese guidata da Antonino Schinella. Il giovane sindaco ha voluto farsi promotore di un atto che finora non ha molti precedenti nei piccoli comuni delle Serre. L'amministrazione comunale si costituirà parte civile nel processo "Luce nei boschi", scaturito dall'operazione, condotta dalla Dda di Catanzaro, che ha fatto luce su anni di traffici illeciti, di faide e di delitti riconducibili alla cosca di 'ndrangheta che aveva la sua roccaforte ad Ariola, frazione di Gerocarne, ed era attiva nel territorio dell'Alto Mesima e delle Preserre.

Dall'inchiesta sono emersi particolari inquietanti su gravi episodi criminosi avvenuti anche nel comune di Arena, tra cui l'intimidazione all'ex sindaco Giosuele Schinella.

Di seguito il testo integrale della delibera:

Premesso che in seguito all’operazione giudiziaria denominata “Luce nei boschi” è scaturito il procedimento penale 4892/09 R.G.N.R Mod.21 - N.4186/09 R.G. Gip n.494/11R.M.C. nei confronti di Antonio Altamura + altri 42 per il delitto di cui all’art. 416 bis c.p. e altri reati;

Rilevato che la suddetta inchiesta antimafia ha permesso agli inquirenti di ricostruire la storia del “locale di Ariola”, che avrebbe deciso gli assetti ‘ndranghetistici anche sul comune di Arena;

Ritenuta segnale forte e doveroso la costituzione di parte civile del Comune di Arena, dove si sono consumati gravissimi attentati che hanno minato il vivere civile di un'intera comunità che ha sempre manifestato un grande desiderio di affrancarsi dalla prepotenza criminale;

Atteso che è dovere delle istituzioni fare quadrato per isolare le dinamiche del terrore e per emarginare chi, mediante il ricatto e le vili intimidazioni, intende minare le pratiche degne di una società civile;

Richiamati, tra gli altri, l’attentato esplosivo del gennaio 2009 ai danni dell’allora sindaco di Arena Giosuele Schinella e le intimidazioni perpetrate nei confronti degli imprenditori locali Francesco Gerace e Francesco Martino e rievocati nella predetta operazione anti ‘ndrangheta;

Considerato che la costituzione di parte civile è un atto doveroso per affermare la cultura della legalità nel nostro territorio e per stringersi attorno a chi, amministratori e imprenditori, sono finiti con una puntualità allarmante nel mirino della criminalità organizzata;

Ritenuto di costituirsi parte civile nel procedimento penale “Luce nei boschi”;

Visti il Tuel e lo Statuto dell’Ente;

Acquisiti i pareri di regolarità tecnica dei responsabili dei servizi interessati e regolarità contabile del responsabile del servizio finanziario ai sensi dell’art. 49 comma 1 del Tuel;

Udito il segretario in ordine alla conformità del presente atto alle Leggi e allo Statuto dell’Ente;

DELIBERA

per le ragioni in premessa descritte, da intendersi qui integralmente riportate e trascritte

- di ritenere opportuna la partecipazione dell’Ente nel citato giudizio onde evidenziare la volontà dello stesso ente di ottenere il risarcimento dei danni materiali e morali derivanti al comune di Arena dai reati di cui al procedimento de quo;

- di autorizzare il legale rappresentante pro tempore dell’Ente a procedere alla costituzione di parte civile nel procedimento penale, designando all’uopo l’avv. ----------------------------- del Foro di Vibo Valentia;

- di trasmettere copia della presente deliberazione al Responsabile dell’Area Amministrativa per i necessari adempimenti di competenza e, per conoscenza, a S.E. il Prefetto di Vibo Valentia; 

- di dichiarare la presente, a voti unanimi espressi per appello nominale, di immediata eseguibilità ai sensi dell’art.134, comma 4, del TUEL approvato con D.Lgs n.267/2000

Articoli correlati (da tag)

  • Allarme sicurezza, domani consiglio comunale aperto ad Arena Allarme sicurezza, domani consiglio comunale aperto ad Arena

    ARENA - Resta elevato l'allarme sicurezza nel territorio comunale di Arena, soprattutto dopo quanto accaduto il 25 febbraio scorso quando, nei pressi di una fabbrica di divani situata nella zona Pip, ad andare in fiamme è stato il furgone di proprietà del consigliere comunale di maggioranza Alessandro Pagano.

  • ‘Centrale dell’illegalità’ in un terreno di Cessaniti. A Dasà una lupara nascosta in cantina ‘Centrale dell’illegalità’ in un terreno di Cessaniti. A Dasà una lupara nascosta in cantina

    Stavano effettuando una perquisizione nel centro abitato di Dasà, i carabinieri della Stazione di Arena, quando, nel vano cantina di una casa popolare, hanno rinvenuto una lupara e quattro cartucce dello stesso calibro.

  • Ancora furti nel Vibonese. L’auto degli ‘incappucciati’ di Fabrizia avvistata anche a Vazzano Ancora furti nel Vibonese. L’auto degli ‘incappucciati’ di Fabrizia avvistata anche a Vazzano

    Il 2015, ormai giunto agli sgoccioli, non sarà di certo ricordato come uno dei migliori anni per quel che concerne la questione sicurezza, legata in particolar modo alla lista lunghissima di furti e rapine registratesi sia all’indirizzo di abitazioni private che di diverse attività commerciali e istituti di servizi. 

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)