Sabato, 20 Aprile 2013 09:48

Bruno Rosi: 'Se ci sciolgono per mafia mi taglio un dito'

Scritto da Redazione
Letto 2569 volte

mini giunta_rosiSERRA SAN BRUNO - Lo ha detto davvero. Tra lo stupore dei presenti, ieri, nel corso della sua "protesta", il sindaco Bruno Rosi ha annunciato: "Se dovesse arrivare il decreto di scioglimento del Comune senza una motivazione plausibile, sono disposto anche ad arrivare a gesti estremi: convocherò una nuova conferenza stampa e mi taglierò un dito in diretta". Una dichiarazione senza precedenti, quella del primo cittadino, una sorta di minaccia, surreale e grottesca, causata evidentemente dall’ormai imminente commissariamento dell'ente. E' l'ultima trovata, la mossa della disperazione, il tentativo di fare gol da centrocampo quando ormai il tempo è scaduto: "In questi mesi abbiamo subito continui attacchi, anche a mezzo stampa. È evidente che ci siano pressioni anche dall’esterno per far sciogliere il nostro Comune". È un sindaco che sfida tutti, innanzitutto il senso del ridicolo.

Un sindaco che, pur di salvare la propria poltrona, è disposto anche a tagliarsi un dito. Peccato, però, che quando si è trattato di lottare contro la chiusura dell’ospedale o ancora contro la vergogna del "sistema Alaco", il primo cittadino non abbia mai, letteralmente, mosso un dito. Le priorità, oggi, sono altre. Almeno così sembra.

Durante la protesta - che, a quanto pare, si sarebbe concretizzata con lo sciopero della fame del primo cittadino, ma uno sciopero privato, casalingo... - lo stesso Rosi ha convocato una conferenza stampa presso la sala giunta del municipio serrese. "Leggendo i giornali abbiamo appurato che sarebbe imminente lo scioglimento del consiglio per presunte infiltrazioni della criminalità organizzata. Serra è un paese ricco di storia e cultura. È stato visitato da ben due Pontefici. Non può essere paragonata ad altre realtà che hanno avuto, poi, conseguenze analoghe. Non è possibile subire lo scioglimento del consiglio. Questo, noi, non lo consentiremo". Insomma chi dovrebbe rappresentare un'istituzione, si oppone al lavoro di altre istituzioni che rappresentano il governo centrale come, in questo caso, la Prefettura. L’invio della commissione d’accesso, disposta dal prefetto di Vibo Valentia, Michele Di Bari, si è concretizzato dopo il coinvolgimento dell’ ex assessore comunale, Bruno Zaffino nell’operazione ‘Saggezza’, condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria. Zaffino, in particolare, era stato tratto in arresto con l’accusa di violenza privata aggravata dal metodo mafioso, e poi è stato scarcerato il 26 febbraio scorso. Ma non c'è solo il caso Zaffino, a quanto pare, ad aver determinato la richiesta di scioglimento che la Prefettura ha inviato al Viminale, e che Rosi non riesce a digerire. Nonostante secondo il sindaco in questi due anni di attività amministrativa non ci sia stato alcun condizionamento mafioso, evidentemente la Commissione d'accesso nel suo lavoro d'indagine avrà riscontrato atti e condotte tali da determinare la richiesta di scioglimento. Tra l'altro è lo stesso sindaco, con la sua protesta grottesca, a confermare indirettamente che il Prefetto avrebbe già chiesto al ministro dell’ Interno, Anna Maria Cancellieri, il commissariamento del comune. Lo scioglimento, dunque, potrebbe essere ormai dietro l’angolo, e difficilmente la sceneggiata napoletana del sindaco riuscirà a distogliere gli organi preposti dello Stato dalle loro determinazioni.  Le conseguenze del commissariamento le subiranno ovviamente i cittadini, mentre la politica si autoassolve e non si assume le responsabilità delle proprie azioni, mobilitandosi solo per tentare di salvare se stessa. 

Articoli correlati (da tag)

  • Nicotera, l'appello: “I turisti non puniscano le popolazioni che alzano la testa” Nicotera, l'appello: “I turisti non puniscano le popolazioni che alzano la testa”

    Riceviamo e pubblichiamo

    Meno di un mese che ci siamo sollevati. Quasi un mese di agitazione, coraggio, speranza… lotta.

    Giorni di proteste, occupazioni, chiusura di esercizi commerciali, lidi, bar nel pieno della stagione e persino di domenica…

    Giorni senza più paura. Giorni di passione e dignità.

  • I dipendenti della Provincia di Vibo incontrano Delrio e Lotti I dipendenti della Provincia di Vibo incontrano Delrio e Lotti

    Avrebbero voluto incontrare di persona il premier, Matteo Renzi, i dipendenti in servizio presso la Provincia di Vibo Valentia che, da diversi mesi ormai, hanno avviato una serie di proteste per far sentire la propria voce contro il mancato pagamento delle spettanze arretrate e, soprattutto, per chiedere certezze sul futuro occupazionale.

  • I dipendenti della Provincia di Vibo si recano da Renzi ma la polizia li ferma in autostrada I dipendenti della Provincia di Vibo si recano da Renzi ma la polizia li ferma in autostrada

    È proprio il caso di dirlo: oltre al danno, adesso è arrivata anche la beffa.

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

  • Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva Ghost, arrestate tre persone: devono scontare una pena definitiva

    mini carabieniri_notteI carabinieri della Stazione di Soriano Calabro, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione, nella serata di ieri, all'ordine di carcerazione per l'espiazione di una pena detentiva, emessa dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di tre soggetti: si tratta di Giuseppe Capomolla, 34enne residente a Soriano, già noto alle forze dell'ordine, e Pietro Nardo, di 45 anni, residente a Sorianello ma domiciliato a Gerocarne, entrambi responsabili del reato di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Capomolla è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, mentre di 4 anni e 5 mesi è la pena inflitta a Nardo. L'altro arrestato è, invece, Bruno Sabatino, residente a Gerocarne, anche lui pregiudicato, che dovrà espiare una pena di 4 anni e 6 mesi di reclusione, in quanto responsabile dei reati di porto abusivo di armi e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le condanne si riferiscono alle indagini scaturite dall'operazione Ghost, conclusa nel 2009 dalla Polizia di Stato, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne. Capomolla e Nardo sono stati tradotti presso il carcere di Vibo, mentre Sabatino è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. 

     

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno