Giovedì, 10 Novembre 2016 09:54

Chiaravalle, la minoranza sul referendum costituzionale: 'Per la nomina degli scrutatori priorità alle fasce più deboli'

Scritto da Redazione
Letto 1194 volte

Riceviamo e pubblichiamo

È di giorno 8 Novembre una nota stampa dalla quale sembrerebbe emergere che l’amministrazione comunale abbia preso decisioni in merito a funzioni che sono prettamente di competenza della commissione elettorale in vista del referendum Costituzionale del 4 Dicembre 2016.

Usiamo il condizionale in quanto speriamo che la nota in questione sia stata interpretata male dalla stampa, se così non fosse decreterebbe l’ennesimo scivolone antidemocratico di questa maggioranza, che non solo si arroga il diritto di snobbare la massima assise cittadina ossia il consiglio comunale non convocandolo per oltre 3 mesi e ignorando le richieste ufficiali della minoranza, ma in questo caso attribuisce a sé ruoli e funzioni che appartengono in via esclusiva alla commissione elettorale. Quest’ultima, organo rientrante a pieno tra quelli indispensabili ai fini istituzionali del comune e che non può in alcun caso essere privata delle proprie funzioni.

Oggi, attraverso una convocazione ufficiale, il rappresentante della minoranza in seno alla Commissione è stato convocato per il prossimo 11 Novembre 2016, convocazione priva di senso se consideriamo veritiera la nota stampa diramata dalla maggioranza dalla quale sembrerebbe tutto discusso e deciso.

Sempre dalla stessa nota emerge inoltre il distacco che questa maggioranza vorrebbe prendere dai metodi del passato. Peccato però che alcuni degli attuali amministratori, amministratori anche di ieri, sembrerebbero aver dimenticato che alla squallida girandola delle nomine dirette, così gli stessi la definiscono, hanno partecipato in prima persona, o facendo recapitare “pizzini”, cercando di imporre nomi ogni volta che si presentava l’occasione di una tornata elettorale.

Se tale metodo utilizzato in passato, in realtà già superato dai Commissari Prefettizi nelle recenti consultazioni amministrative, viene definito l’emblema di una gestione partitico-clientelare della cosa pubblica ci verrebbe da dire che, con casacche diverse da quelle indossate oggi, alcuni componenti di questa maggioranza ne sono stati gli attori principali.

Dopo queste doverose precisazioni ci sembra opportuno rilevare che la minoranza rappresenta una parte importante della popolazione e attraverso gli strumenti democratici ha pertanto diritto a discutere e proporre nelle sedi opportune, e attraverso i metodi democratici, le proprie idee.

Infatti la minoranza, attraverso il proprio rappresentante in seno alla commissione, Dott.ssa Emanuela Neri, intende sottoporre alla valutazione della commissione la proposta di effettuare il sorteggio degli scrutatori prediligendo, tra tutti, le fasce più deboli: disoccupati, giovani e donne in difficoltà, tutti coloro, insomma, che potrebbero, attraverso la nomina di scrutatore, ottenere un piccolo aiuto, evitando quindi il rischio che vengano sorteggiate persone, che avendo già un impiego, potrebbero non avere bisogno di questo compenso. Questa è la linea sulla quale la minoranza chiede il confronto e auspica la convergenza, nella speranza che davvero quanto appreso dalla stampa in queste ore non sia nulla di ufficiale e che il sindaco e la sua maggioranza non abbiamo dimostrato nuovamente la loro arroganza pensando di poter affossare ancora una volta i luoghi della democrazia.

I consiglieri di minoranza

Giuseppe Maida

Francesco Maltese

Emanuela Neri

Gregorio Tino  

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Bruno Greco
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)