GIRDA ROTTAMI
Lunedì, 24 Settembre 2012 14:04

Otto milioni di euro per la riconversione dell’ex ospedale di Chiaravalle in Casa della Salute

Scritto da Salvatore Albanese
Letto 2002 volte

mini ospedale_chiaravalle_c.leIl decreto regionale n.162 del 13 settembre approva lo studio di fattibilità per la riconversione dell’ex P.O. di Chiaravalle C.le (CZ) in Casa della Salute. Continua quindi la riorganizzazione della rete di assistenza territoriale operata dal Presidente della Giunta Regionale, Scopelliti, in qualità di Commissario ad Acta. Oltre a quella di Chiaravalle, saranno 7 le Case della Salute istituite in tutto il territorio regionale di cui 4 nel cosentino (Praia a Mare, Trebisacce, San Marco Argentano e Cariati), una nel crotonese (Mesoraca), 2 nella provincia di Reggio (Scilla e Siderno) e nessuna in quella di Vibo.

Proprio riguardo alla nuova Casa della Salute di Chiaravalle, con delibera n. 2137 dell’8 agosto scorso, l’Asp di Catanzaro ha definito il quadro tecnico-economico del progetto, dal quale si evince che i costi previsti per la riconversione dell’ex-ospedale ammontano a ben 8.100.000 euro di spese (ripartite in 4.849.627 euro per opere civili ed impiantistiche, 145.488 euro in oneri per la messa in sicurezza e ulteriori 3.104.883 euro annoverati come somme a disposizione che comprenderebbero, fra le altre spese, anche l’acquisto di attrezzature).

Attualmente i contenuti delle nuove Case della Salute rimangono incerti e la loro definizione risulta, per tanto, una dicitura dai confini ancora abbastanza sfumati. Si tratta comunque di una struttura che andrà a rimpiazzare ‘il fu ospedale di Chiaravalle’ i cui servizi vennero sospesi all’inizio del 2011. Il vecchio presidio garantiva un’offerta medico-sanitaria ben articolata, costituita da un punto di primo intervento, una postazione d’emergenza, un laboratorio analisi, il servizio dialisi con 6 postazioni rene, il servizio di radiologia e gli ambulatori specialistici di diabetologia, fisioterapia respiratoria, chirurgia, cardiologia, neurologia, geriatria, oncologia, riabilitazione con attivazione di day service e 40 posti letto.

La nuova Casa della Salute assicurerà la continuità assistenziale e terapeutica nell’arco delle 24 ore, sette giorni su sette, ma non sarà dotata di posti letto per ricoveri, per cui gli utenti, per la lungodegenza, dovranno fare riferimento alle strutture private presenti nella stesso ambito territoriale, come il San Vito Hospital di S. Vito (60 posti letto) o il San Domenico di Palermiti (25 posti letto).

I comuni annoverati nel bacino di riferimento della Casa della Salute sono oltre a Chiaravalle stessa, Argusto, Cardinale, Cenadi, Centrache, Gagliato, Olivadi, Palerminiti, Petrizzi, San Vito sullo Jonio, Satriano e Torre di Ruggiero, per un bacino di utenza di 20.524 abitanti (di cui il 22% ultra sessantacinquenni).

Articoli correlati (da tag)

  • Chiaravalle, l’opposizione attacca sulla nomina degli scrutatori: “La nostra proposta era il sorteggio tra i meno abbienti” Chiaravalle, l’opposizione attacca sulla nomina degli scrutatori: “La nostra proposta era il sorteggio tra i meno abbienti”

    Riceviamo e pubblichiamo

    Se ci fossero tre premi da assegnare a chi riesce a farlo meglio allora il primo andrebbe sicuramente al Sindaco Donato e alla sua maggioranza; il secondo a parte della stampa asservita alle assurde posizioni dell’amministrazione; il terzo ai “politicanti della Domenica” che, senza vergogna, sono sempre pronti a salire sul carro del vincitore.

  • Chiaravalle si veste dei colori della pace per dire no a intimidazioni e violenza Chiaravalle si veste dei colori della pace per dire no a intimidazioni e violenza

    In barba al cattivo tempo che tende a uniformare luci e colori, la cittadina di Chiaravalle si è svegliata stamani in un paese decorato da palloncini e fiocchi grazie all’iniziativa di alcune giovani chiaravallesi, che hanno deciso di dire "no" agli atti intimidatori che da qualche giorno a questa parte hanno interessato il loro territorio comunale.

  • Chiaravalle, nasce l'associazione di donne 'Lascio un segno' Chiaravalle, nasce l'associazione di donne 'Lascio un segno'

    Nasce a Chiaravalle Centrale un'associazione di donne. Si chiama "Lascio un segno", costituita grazie alla voglia di un gruppo di amiche di intraprendere assieme un viaggio tutto al femminile. Attorno ad un aperitivo, in una sera qualunque, l’idea prende forma e diventa uno statuto che racchiude tutte quelle idee che saranno destinate a “lasciare un segno”. 

  • Sanità, Soriano (Pd): 'Il San Bruno si avvia verso la chiusura, Censore impegnato in tutt'altro' Sanità, Soriano (Pd): 'Il San Bruno si avvia verso la chiusura, Censore impegnato in tutt'altro'

    Riceviamo e pubblichiamo

    Dalle linee guida aziendali alla rete ospedaliera passando per il nodo del nuovo ospedale e le deficienze strutturali del vecchio, la provincia di Vibo Valentia sta per subire l’ultimo, forse letale colpo al suo, già debole, sistema sanitario.

  • Chiaravalle, Neri (Pd): 'Concrete prospettive di sviluppo per le aree interne' Chiaravalle, Neri (Pd): 'Concrete prospettive di sviluppo per le aree interne'

    Riceviamo e pubblichiamo

    Le aree interne all’ attenzione della massima carica regionale. Dopo decenni in cui i territori dell’ entroterra sono stati dimenticati oltre che depauperati di tutti i servizi essenziali, si apre una prospettiva concreta di sviluppo. Il presidente Mario Oliverio nell’ultima seduta di giunta ha proposto e approvato insieme all’ esecutivo regionale la "Strategia regionale per le Aree Interne". 

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)