GIRDA ROTTAMI
Mercoledì, 16 Marzo 2016 18:39

Vertenza Provincia, il segretario dell'ente: 'Dalle banche atteggiamento inaccettabile'

Scritto da Redazione
Letto 1542 volte

Riceviamo e pubblichiamo

La rigida posizione assunta e testardamente confermata dall’istituto bancario che gestisce il servizio di tesoreria della Provincia di Vibo Valentia è giuridicamente ineccepibile sia dal punto di vista strettamente legale che da quello contabile.

Nondimeno essa è, a parere di chi scrive, moralmente inaccettabile. Mai come in questo caso va infatti affermata la giustezza del broccardo latino "summum ius, summa iniuria", che definisce esattamente la situazione in cui  il rigido e formale rispetto delle norme, per come interpretate dal giudice, si risolve in un’evidente ingiustizia e  la situazione di fatto viene trattata in maniera ingiusta. Appare del tutto evidente e manifesta l’ingiustizia per la quale i dipendenti della Provincia e le loro famiglie sono private dei mezzi elementari per il sostentamento quotidiano (lo stipendio) pur avendo prestato la loro attività,  senza avere alcuna responsabilità diretta nello stato di dissesto finanziario e di carenza di liquidità che ne è la conseguenza immediata. Molto meno evidenti per il senso comune sono, viceversa, le ragioni che hanno impedito ai giudici, di 1° e 2° grado, di accogliere la tesi della Provincia che, sulla base del privilegio accordato dal codice civile ai debiti da lavoro (lo stipendio), sosteneva che il tesoriere non doveva accantonare somme utili al rimborso della rate dei mutui se non avesse prima soddisfatto i dipendenti dell’Ente. Questa idea è apparsa tanto rivoluzionaria da risultare contraria al nostro diritto positivo e quindi non accoglibile. La banca-tesoriere, quindi, sostiene di aver avuto e di continuare ad avere ragione  nel suo atteggiamento di rifiuto nel pagare gli stipendi. Anzi, pensa di dover ancora accantonare somme poiché ad oggi non ha pagato parte delle rate dei mutui già scadute e dovrà (a giugno)  pagare quelle in scadenza. Le prospettive quindi sono molto negative. Dato che i creditori delle rate sono banche (tale essendo ormai anche la Cassa dd.pp.) ed il soggetto pagatore è anch’esso una banca,  ci troviamo di fronte ad una classica situazione in cui cittadini inermi e deboli patiscono rispetto a novelli Moloch, non governate da uomini (ciascuno dei quali si dichiara “vicino” ai dipendenti della Provincia ma impossibilitato ad agire in modo diverso), ma da entità astratte che nulla possono in senso contrario. Né vale la considerazione che la Provincia non ha fondi sufficienti, perchè se avesse fondi sufficienti non si troverebbe in dissesto, pagherebbe gli stipendi regolarmente, pagherebbe le rate dei mutui, manutenderebbe in maniera almeno sufficiente le scuole e le strade, pagherebbe i canoni di affitto degli edifici scolastici, pagherebbe Enel, Telecom, gas, fatture varie. Se la Provincia si trova in enormi difficoltà perché nel passato è stata amministrata in maniera eufemisticamente disinvolta, perchè sono drasticamente diminuiti i trasferimenti dallo Stato centrale, perché il substrato economico del territorio è debole e quindi insufficienti sono le entrate tributarie, perché anche la Regione che ne ha riassunto molte funzioni si trova in difficoltà, perché in difficoltà sono anche i Comuni che della Provincia sono ormai per legge i “proprietari”, mantenere testardamente rigido un atteggiamento di netta chiusura giustificato dalle decisioni dei giudici è giuridicamente corretto ma eticamente inaccettabile.

Dovrebbero rendersene conto tutti i cittadini, tutte le donne e gli uomini che loro malgrado hanno a che fare con un sistema finanziario ingiusto e disumano - come le crisi che negli anni si sono succedute, a partire da quella del 1929, hanno dimostrato - reagendo, nel rispetto dell’ordinamento ma in maniera consapevole e decisa.

Cesare Pelaia

Segretario generale

Provincia di Vibo Valentia

Articoli correlati (da tag)

  • Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità» Provincia di Vibo, inizia l’era Solano: «Cominceremo a lavorare su manutenzione e viabilità»

    «Spero che questo percorso appena avviato possa dare quei contributi utili alla risoluzione delle tante problematiche che, purtroppo, attanagliano la nostra provincia».

    Lo ha detto il neo presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, a margine del primo Consiglio svoltosi stamattina, al termine del quale si è proceduto anche alla nomina del vicepresidente. Scelta, questa, ricaduta sul consigliere Giuseppe Policaro della lista “Rinascita vibonese”.

    «È necessario – ha aggiunto Solano – partire dai sindaci e dagli amministratori, i primi che si impegnano quotidianamente per cercare di risolvere questi disagi. Sono sicuro che, assieme, riusciremo ad arrivare a quella sinergia utile per raggiungere questo obiettivo. Intendo lavorare con tutti nell’interesse del territorio e, di conseguenza, sia con i consiglieri di maggioranza che con quelli di opposizione. Abbiamo già avviato una sinergia con gli uffici preposti affinché si possa ridare decoro a questo territorio. Quindi, inizieremo a lavorare su manutenzione e viabilità. Il dissesto? Nel giro di un anno e mezzo, anche prima, speriamo di venirne fuori».

  • Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti Provincia di Vibo, Solano convoca il primo Consiglio e incontra i dipendenti

    Si terrà domani, 15 novembre, alle ore 11, nella sala consiliare dell’ente, il primo Consiglio provinciale della nuova fase politica e amministrativa della Provincia di Vibo Valentia, guidata dal neo presidente, Salvatore Solano.

    Tra gli adempimenti preposti dagli organi istituzionali dell’ente intermedio vibonese, coordinati dal segretario generale, Mario Ientile, ci sono l’esame inerente le condizioni di candidabilità, eleggibilità e compatibilità alla carica di presidente e di consigliere provinciale, degli eletti alle recenti elezioni; la convalida; il giuramento e le comunicazioni del presidente. Assieme a Solano, eserciteranno la loro funzione istituzionale in seno al Consiglio provinciale i neo eletti: Giuseppe Policaro, Giuseppe Roberto Muratore, Domenico Anello e Maria Rosaria La Grotta (esponenti della lista “Rinascita Vibonese”); Antonio Zinnà (componente della lista “Forza Civica”), Antonio Carchedi, Maria Francesca Pascale, e Gregorio Profiti (espressione politica del Partito democratico); Maria Fiorillo e Carmine Mangiardi, membri della compagine “Civilmente Impegnati”.

    Stamattina, il neo presidente della Provincia di Vibo, ha voluto incontrare nella sala consiliare i lavoratori dell’ente. Ad affiancarlo il segretario generale Mario Ientile e il neo consigliere provinciale, Domenico Anello. Nel corso dell’iniziativa, Solano ha delineato quelli che saranno i suoi obiettivi cardine in termine di azione amministrativa. «Questa Provincia – ha evidenziato - ha in sé la forza per rialzarsi, sta a noi darle un impulso nuovo. Ho avuto modo di constatare che siete persone capaci e disponibili. Io sarò al vostro fianco, uno di voi. Dobbiamo, quindi, nonostante le note difficoltà economiche e finanziarie, agire insieme in maniera propositiva e guardare al futuro con ottimismo».

    Nei giorni scorsi, Solano - coadiuvato dal segretario Ientile - aveva incontrato anche i responsabili dei settori nevralgici dell’Ente. «Ci dovrà essere, da parte nostra, un impegno assoluto, al fine di dare risposte al territorio, soprattutto in settori importanti quali la Viabilità stradale, l’Ambiente e l’Edilizia scolastica, - ha asserito Solano, nel corso delle riunioni con i funzionari -. Molto dipenderà dai finanziamenti che il Governo nazionale ci metterà a disposizione, questo è risaputo da noi e dalla gente. Ma comunque, per quel che di nostra competenza - ha sottolineato il neo presidente - dovremo, con spirito di abnegazione e assicurando la massima trasparenza amministrativa, dare il meglio di noi stessi. Quest’ente possiede molte professionalità ed è, pertanto, mia intenzione farle emergere e valorizzarle nell’esclusivo interesse collettivo per potenziare, in termini di efficacia ed efficienza, i servizi da erogare ai cittadini del Vibonese».

  • Provincia di Vibo, Mangialavori scrive al governo: 'Necessari interventi per il rilancio dell'ente' Provincia di Vibo, Mangialavori scrive al governo: 'Necessari interventi per il rilancio dell'ente'

    Riceviamo e pubblichiamo

    Per focalizzare l’attenzione sulle gravi criticità dell’ente Provincia è stata inoltrata missiva al presidente del Consiglio Mattero Renzi, al ministro dell’Interno Angelino Alfano e al ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio.

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)