GIRDA ROTTAMI
Giovedì, 30 Agosto 2012 14:07

I migranti di Caulonia e i festival dell'ipocrisia

Scritto da Sergio Gambino
Letto 3013 volte

 

protesta migrantiUn gruppo di dieci migranti, ragazzi Somali ospitati in Caulonia, (che viene finanziata dallo Stato per ospitarli) proprio nel giorno della chiusura dell’oramai famosissimo Festival della Tarantella, sbarrano con i cassonetti dell’immondizia la statale 106. La loro rivendicazione? Cibo. Era da parecchi giorni che non mangiavano. Per attirare l’attenzione sul loro stato, si sono dovuti poi scontrare con le forze dell’ordine e beccarsi anche qualche bella denuncia.

Qualche giorno prima l’Amministrazione del paese della “Repubblica Rossa”, aveva stilato una delibera, poi prontamente ritirata che destinava una parte del fondo ricevuto per il sostentamento dei migranti al pagamento del cachet di Nour Eddine, per la sua performance Cauloniese,  il quale poi, pubblicamente si dissociava da questo atteggiamento dicendo, plausibilmente, di non saperne nulla. Certamente la cifra era minima, un paio di migliaia di euro…quanto basta. Un fiume di parole sul fatto che l’evento, al contrario del suo alter ego Badolatese (negli stessi giorni si svolge il Tarantella Power), invece viene finanziato dall’Assessorato regionale guidato da Mario Caligiuri. Perché gli eventi in Calabria si fanno così. Ad esempio. Il Kaulonia (la letterina K è d’obbligo quando si parla di eventi rivoluzionari) Tarantella Festival. Nel 2010 costava 150mila euro, nel 2011 110mila, quest’anno 75mila circa, sempre lo stesso evento. Com’è possibile?  Vorrei raccontare un episodio. Nelle prossimità del Festival, l’anno scorso, chiesi un appuntamento all’allora Sindaco di Caulonia, Professor Ilario Ammendolia, proponendo lo spettacolo dei “Giganti” per la manifestazione. Mi rispose amareggiato, che a qualche giorno dall’evento ancora non avevano avuto nessuna certezza di finanziamento e che il Festival stava per saltare. Decidemmo allora assieme di partecipare all’evento per “militanza”, senza cachet, con l’accordo che se eventualmente ci fosse stata la possibilità ci avrebbero rimborsato le spese o al limite, ci avrebbero chiamati l’anno successivo. Partecipammo. La banda era “capeggiata” da Sergio Di Giorgio (Re Niliu, ndr), il quale, per amore verso la nostra Associazione decise di venire a darci man forte. Anche lui senza cachet. Naturalmente non ricevemmo niente durante l’anno. Quest’anno, contattato Mimmo Cavallaro, chiesi se c’era l’intenzione di farci partecipare al Festival. Stessa situazione. “Non c’è una lira”. Stessa nostra risposta. “Veniamo senza soldi”. Com’è andata a finire? Neanche una telefonata. Tradizione calabrese? Maleducazione serpeggiante? Giudicate un po’ voi. Il Festival si è svolto, e l’unica sera che ci siamo andati, siamo tornati a casa increduli e disgustati. Rivoluzionari, tradizionalisti, innovatori, contaminatori. Chi si lamentava dei “Pirati” che non osservano il codice della strada e gettano i pacchetti di sigarette dal finestrino, chi interpretava la “Città del Sole” con i Ray Ban (Fratello Tommaso si sarà rivoltato nella tomba, e vi risparmio il commento di qualche “ex Re Niliu” autore della canzone). E quello “squalo” di Eugenio Bennato a fare da Patron incontrastato del Festival. (Vorrei sapere quali sono i suoi compensi di questi ultimi tre anni). Per non parlare poi degli intellettuali intervenuti. Grossi personaggi della Cultura calabrese. Ma di degrado sociale ed economico, di temi tipo la pervasività della ‘ndrangheta, o la vergogna dell’Alaco (scusate se la testa mi sbatte sempre là) nessuna traccia. Bla, bla,bla e bla. Il problema serio allora non penso sia nè la tradizione, nè il recupero della cultura musicale nè lo sviluppo di una terra. Si tratta solo di eventi fine a se stessi che solo ed esclusivamente servono a sperperare danari e a “coltivare” vari piccoli orticelli. Nessun messaggio. Per non parlare della stragrande maggioranza del pubblico. “Pedi luordi” li chiamiamo. Tutti a ballare ed a sollevare il pugno chiuso appena uno dei loro paladini accenna alla parola “lotta” o similari. Ma poi, quando si tratta di “menare le mani”, di prendere di petto il potere, la mafia…ci troviamo sempre i soliti, e in Calabria ci conosciamo tutti. Se solo la metà di tutti ‘sti “figli dei fiori” si presentasse per esempio quando si bloccano le strade per manifestare contro la chiusura degli ospedali, o per chiudere le discariche tipo Pianopoli, o quando si manifesta per l’acqua… Ma non ne vediamo traccia, nè di quelli che si riempiono la bocca dal palco, nè di quelli che si riempiono le orecchie da sotto il palco. Conclusione. Professoroni, Amministrazioni, Star e Tarantellari, tutti assieme nei Festival dell’ignoranza. Arrivati a questo punto….meno male che c’è la crisi, almeno vedremo scemare questi baracconi dell’ipocrisia.

(foto: gazzettadelsud.it)

Articoli correlati (da tag)

  • A Serra la tavola rotonda su 'Migranti, oltre l’accoglienza la sfida dell’integrazione' A Serra la tavola rotonda su 'Migranti, oltre l’accoglienza la sfida dell’integrazione'

    Riceviamo e pubblichiamo

    Con l’emergenza immigrati occorrerà fare i conti per almeno un decennio.

  • Sbarco di 424 migranti al porto di Vibo Marina, arrestato presunto scafista Sbarco di 424 migranti al porto di Vibo Marina, arrestato presunto scafista

    La Squadra mobile della Questura di Vibo Valentia, unitamente ai militari del gruppo aeronavale della Guardia di finanza, ha posto in stato di fermo un soggetto del Gambia individuato a conclusione delle indagini poste in essere a seguito dello sbarco di 424 migranti dalla nave Phoenix, come colui che ha condotto sino al limite delle acque territoriali un grosso barcone con circa 160 migranti a bordo, prima che gli occupanti dello stesso venissero tratti in salvo dalla Phoenix.

  • Nuovo sbarco al porto di Vibo Marina, arrivati 425 migranti Nuovo sbarco al porto di Vibo Marina, arrivati 425 migranti

    È approdata al porto di Vibo Marina la nave "Phoenix" con a bordo 425 migranti salvati al largo delle coste della Libia dopo 72 ore di navigazione.

  • Vibo, sbarcata una nave con oltre 600 migranti: a bordo anche 16 morti Vibo, sbarcata una nave con oltre 600 migranti: a bordo anche 16 morti

    È approdata stamane al porto di Vibo Marina la nave della Marina militare irlandese “James Joyce”, con a bordo 606 migranti provenienti da diversi Paesi dell’Africa subsahariana (Nigeria, Somalia, Eritrea, Bangladesh, Libia ed Egitto) e soccorsi nei giorni scorsi nel Canale di Sicilia.

  • Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena Ghost, un nuovo arresto per espiazione pena

    112Nella mattinata odierna, i carabinieri della stazione di Soriano, diretti dal maresciallo Barbaro Sciacca, e guidati dal capitano della Compagnia di Serra San Bruno, Stefano Esposito Vangone, hanno dato esecuzione ad un ordine di carcerazione per espiazione di pena detentiva, nei confronti di Francesco Ida’, 35enne, pregiudicato, nato a Gerocarne. L’uomo, arrestato per scontare una pena di 4 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato per il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

    Il provvedimento di arresto, emesso dalla procura generale di Catanzaro, è stato posto in essere in merito a quanto emerse a conclusione dell’operazione “Ghost” effettuata dalla Polizia di Stato all’inizio del 2009, con la quale è stata fatto luce su un giro di droga che avrebbe interessato nello specifico il territorio compreso tra i comuni di Pizzo, Soriano, Sorianello e Gerocarne.

    Ida’è stato accompagnato presso la casa circondariale di Vibo Valentia, dove venerdì scorso erano già stati condotti altri tre condannati - Giuseppe Capomolla, residente a Soriano; Pietro Nardo di Sorianello e Bruno Sabatino, residente invece a Gerocarne – interessati dalla stessa operazione antidroga.

Altro in questa categoria:

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)