Sabato, 02 Febbraio 2013 21:06

La (non) potabilità dell'acqua ed il balletto delle ordinanze

Scritto da Alessandro De Padova
Letto 2329 volte

 

mini schiuma

Ci risiamo. A Serra è andato in scena nuovamente il balletto delle ordinanze. Ieri sera, prima il sindaco Rosi informa la cittadinanza che, a seguito delle  analisi eseguite dall' Asp di Catanzaro in uscita dal potabilizzatore ''Alaco'', è stata riscontrata una non conformità al D.Lgs. n. 31/2001 dovuta alla presenza di Benzene. Giusto 24 ore e l'allarme rientra. Si è trattato di un ''malaugurato errore di trascrizione nella comunicazione del rapporto di prova'', fanno sapere dalla Prefettura. L' acqua, dunque, è potabile.

Almeno questo è quanto emerge dal summit tenutosi nella mattinata odierna presso l' Ufficio territoriale del Governo, convocato dal capo dell' Utg, Michele Di Bari, e al quale hanno preso parte i responsabili della Sorical, quelli dell' Arpacal e quelli dell' Asp. Presenti anche le forze dell'ordine. Ieri si parlava di benzene. Oggi, invece, dalle analisi dei nuovi campionamenti, di “composti aromatici da benzene espressi come benzene”. Certo, i dubbi e le perplessita rimangono. E non potrebbe essere altrimenti. Anche perchè tutti, a partire dai nostri amministratori, hanno allarmato un'intera comunità sulla presenza nell'acqua dell' Alaco, di una sostanza altamente cancerogena. A qualcuno magari verrebbe da dire che ''tutto si è risolto per il verso giusto''. Ma si!. Il passato è passato. Ormai bisogna guardare avanti. Intanto, però, chissà cosa diranno i nostri amministratori ai cittadini, per giustificare un simile atteggiamento? Magari si giustificheranno con un banale: ''Beh, non è stata colpa nostra''.

Per l'occasione, dunque, è andato in scena in solito balletto delle ordinanze. La Sorical continuerà a sperperare sulle nostre tasche ed a pagare saranno sempre gli stessi. Cose poco rilevanti, insomma. O meglio: cose che passeranno tutte sottobanco. Nell' indifferenza di tutti. “Un episodio del genere - ha affermato il prefetto Di Bari - insegna due cose: la comunicazione istituzionale dev’essere affinata e i campionamenti effettuati devono essere immediati e trasparenti''.  Un dubbio, però, sorge spontaneo: i campionamenti sarebbero stati effettuati il sei dicembre scorso, quindi per due mesi si è verificato un errore di lettura o scrittura? E soprattutto: come mai tutto questo tempo per rendere noti i risultati? Interrogativi che rimarranno tali. Intanto, però, i calabresi continuano ad essere avvelenati, nell'indifferenza più totale...

 


Articoli correlati (da tag)

  • Acqua potabile, disagi anche a Brognaturo Acqua potabile, disagi anche a Brognaturo

    BROGNATURO - Come di consueto, durante la stagione estiva, il problema della mancanza di acqua nelle abitazioni non si è fatto attendere nemmeno nel comune di Brognaturo.

  • Simbario, ordinanza del sindaco: l'acqua torna potabile Simbario, ordinanza del sindaco: l'acqua torna potabile

    Il primo cittadino di Simbario, Ovidio Romano, con una ordinanza emessa nella giornata odierna, ha disposto la revoca di un'altra ordinanza, del 21 luglio scorso, tramite la quale il sindaco del piccolo centro del Vibonese aveva deciso il divieto dell'uso dell'acqua ai fini del consumo umano. 

  • Caso Alaco, udienza preliminare rinviata al 2 novembre Caso Alaco, udienza preliminare rinviata al 2 novembre

    Ennesimo rinvio - il quarto di fila dopo quelli di ottobre, marzo e giugno - per l'udienza preliminare relativa all'inchiesta “Acqua sporca”, coordinata dall'allora procuratore capo della Repubblica di Vibo, Mario Spagnuolo, e dal sostituto Michele Sirgiovanni e condotta dai militari del Nas di Catanzaro, del Reparto Operativo di Vibo e del Corpo forestale dello Stato.

  • Inchiesta 'Acqua sporca', terzo rinvio dell'udienza preliminare Inchiesta 'Acqua sporca', terzo rinvio dell'udienza preliminare

    Terzo rinvio – dopo quelli già avvenuti ad ottobre e a marzo – dell'udienza preliminare nei confronti delle sedici persone rimaste coinvolte nell'inchiesta “Acqua sporca”, per le quali il sostituto procuratore della Repubblica di Vibo, Michele Sirgiovanni, ha chiesto il processo.

  • Ferrara e Pedicini (M5S): 'Anche la Commissione europea si interesserà del caso Alaco' Ferrara e Pedicini (M5S): 'Anche la Commissione europea si interesserà del caso Alaco'

    «Adesso anche l'Europa si interesserà del caso Alaco. È quanto risulta dalla risposta data dalla Commissione europea all'interrogazione presentata dagli europarlamentari del Movimento 5 stelle Laura Ferrara e Piernicola Pedicini».

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Sergio Pelaia.
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova, Bruno Greco.

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)