mini ccarabinieriRiceviamo e pubblichiamo: Ieri mattina, 12 febbraio 2012, intorno alle ore 11.00 circa, il celere intervento di un equipaggio dei Carabinieri di San Nicola da Crissa ha scongiurato la morte di un minore. Il bambino, I.F. classe 2001, stava giocando sulla neve con i suoi amici, quando ad un tratto, colto da un malore, è rovinato inspiegabilmente al suolo sotto gli occhi increduli e sconvolti del padre e dei compagni di gioco. I Carabinieri, impegnati in un servizio perlustrativo della zona, scorta la scena, hanno subito soccorso il minore; valutata la gravità della situazione, nonché il pericolo di vita del bambino che, privo di conoscenza aveva assunto un colorito cianotico, i carabinieri hanno celermente individuato un medico del posto e con lo stesso, facendo da “apri pista”, soprattutto in quei tratti di strada resa impraticabile e ridotta ad un unico senso di marcia dalla neve e dal gelo, hanno trasportato repentinamente il ragazzino presso l’ospedale di Serra San Bruno.

Pubblicato in ATTUALITÀ

mini maria-cacciolaI Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria e gli uomini del ROS hanno eseguito dei fermi, emessi dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, nei confronti di 11 appartenenti alla cosca Pesce di Rosarno, responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso. Contemporaneamente, i Carabinieri di Gioia Tauro e il locale Commissariato di P.S. stanno operando un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Palmi su richiesta dalla Procura della Repubblica, che dispone la custodia cautelare in carcere di 3 familiari della testimone di giustizia Maria Concetta Cacciola (foto). Si tratta dei genitori e del fratello della testimone di giustizia suicidatasi, nell'agosto scorso, ingerendo dell'acido, ritenuti responsabili di concorso in maltrattamenti in famiglia

Pubblicato in ATTUALITÀ

mini Carabinieri-sorianelloI carabinieri hanno denunciato 31 persone accusate di avere truffato l’Inps risultando falsamente come braccianti agricoli ed ottenendo contributi cui non avevano diritto. I controlli che hanno portato alle denunce sono stati svolti dai carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia ed hanno riguardato, in particolare, la zona di Maierato. Il danno provocato all’erario e’ di oltre 220 mila euro. Denunciato anche un imprenditore che sarebbe stato complice dei falsi braccianti: si tratterebbe di un ex amministratore di Maierato che faceva risultare che i falsi braccianti lavoravano in un terreno per suo conto, e in cambio avrebbe intascato parte dei contributi agricoli erogati dall'Inps.

Pubblicato in ATTUALITÀ
Lunedì, 06 Febbraio 2012 09:28

Pizzo, incendiata l'auto di una vigilessa

mini auto_in_fiammeUn attentato incendiario che ha provocato ingenti danni all'automobile di una vigilessa, S.M., di 40 anni. L'episodio e' avvenuto a Pizzo. La vettura (una Fiat Stilo), parcheggiata nei pressi dell'abitazione della vigilessa, e' stata cosparsa di liquido infiammabile e incendiata. Indagano i carabinieri, secondo i quali l'intimidazione potrebbe anche essere collegata ad una vendetta per l'attivita' lavorativa svolta da S.M..

Pubblicato in ATTUALITÀ

mini ccE' l'ennesima grave intimidazione ai danni dell'imprenditore Antonio Pata, presidente della "Cooper Poro edile" di Rombiolo. Tre colpi di fucile, sparati durante la notte contro la sua abitazione, hanno trapassato gli infissi e si sono conficcati nelle scale interne. "Il racket ha alzato il tiro", ha dichiarato l'imprenditore, che da anni subisce attentati e danneggiamenti ai cantieri in cui lavora con la "Cooper Poro", società fondata più di trent'anni fa da operai e muratori di Rombiolo. Sull'episodio di stanotte indagano i carabinieri.

Pubblicato in ATTUALITÀ
Venerdì, 20 Gennaio 2012 15:37

Brevi di cronaca da Vibo e provincia

mini ccarabinieri- C.D, 41enne di S. Costantino Calabro, e' stato arrestato dai carabinieri per avere manomesso il contatore dell'Enel della propria abitazione al fine di non pagare quanto dovuto per il consumo. Per sviare i sospetti della societa' elettrica non solo avrebbe murato il ponte elettrico che aveva realizzato, ma avrebbe anche fatto in modo che una parte della corrente elettrica dell'appartamento passasse comunque dal contatore.

- Intorno alle 20 di ieri sera una persona a volto coperto è entrata con in mano un coltello in un negozio di abbigliamento gestito da un 40enne cinese a Vibo Valentia. Il malvivente ha sottratto 200 euro che erano nascosti in un cassetto e si è dato alla fuga. Sul luogo sono quindi intervenuti i carabinieri che hanno avviato le indagini per individuare il rapinatore.

- Iei sera a Briatico una decina di colpi di arma da fuoco sono stati esplosi a Briatico contro la saracinesca di un officina di proprietà di un 50enne del luogo. I colpi, che hanno raggiunto anche un'auto che si trovava all'interno, pare provengano da una pistola di grosso calibro. Al lavoro i carabinieri della locale stazione che hanno avviato le indagini.

- Madre e figlio denunciati per impiego di minori nell'accattonaggio. I due, di nazionalità rumena, di 48 e 29 anni, residente a Lamezia Terme, sono stati sorpresi mentre raccoglievano l'elemosina a Vibo Marina utilizzando un altro figlio della donna, di appena 13 anni.

- L'Anas comunica che per la realizzazione di una rotatoria e di un sottopasso, a Vibo Valentia sarà chiusa la circolazione sulla statale 18 "Tirrenia Inferiore" nel tratto compreso tra i km 443,800 e 444,100. Il blocco del tratto in questione durerà da luned' 23 gennaio a lunedì 30 aprile e prevede la deviazione sulla sovrastante rotatoria. 

 

Pubblicato in ATTUALITÀ

mini nicotera_marina

Nel tardo pomeriggio di ieri è stato sorpreso mentre tentava di dare fuoco alla pineta di Nicotera Marina, ed è stato subito arrestato dai carabinieri, che lo hanno colto in flagranza, con l'accusa di reato boschivo. Luigi Serena, 64 anni, disoccupato di Rosarno con precedenti, era intento ad incendiare un'area di macchia mediterranea che si trova nella frazione marina del noto centro costiero, ma l'immediato intervento dei carabinieri ha permesso di spegnere le fiamme e salvaguardare la pineta. A Luigi Serena sono stati concessi gli arresti domiciliari.


Pubblicato in ATTUALITÀ

mini panda_rubataSERRA SAN BRUNO - Un episodio certamente strano, che però potrebbe essere solo il frutto di una bravata di qualcuno che ha pensato bene di crearsi così un'alternativa (illegale) alla noia paesana. Nella tarda serata di ieri, una Fiat Panda intestata ad una donna serrese, T.G., è stata rubata nei pressi del piazzale antistante al campo di calcetto situato su via Giacomo Matteotti. I proprietari dell'auto hanno subito denunciato il furto ai carabinieri della locale Stazione, non immaginando di certo che il "caso" si sarebbe risolto nel giro di poche ore. La Fiat Panda rubata, infatti, è stata ritrovata stamattina davanti all'entrata di un casolare di campagna a Spadola, in località Pendini, di proprietà del consigliere comunale Mirko Tassone. Ad avvertire i carabinieri è stato proprio il padre di Tassone, che stamattina recatosi sul posto si è subito accorto della presenza dell'auto.

Pubblicato in ATTUALITÀ

mini 62459623E’ successo a Dasà, in località Bracciara, dove i militari del Comando Compagnia Carabinieri di Serra San Bruno (VV), nel corso di un servizio perlustrativo, hanno «rinvenuto resti di ossa umane, frammenti di materiale ligneo e materiale marmoreo riportante iscrizioni parziali di nomi e cognomi di persone defunte» appartenenti ai coniugi Caprino Antonio nato a Dasa’ il 17.03.1899 e Misiti Maria Bambina nata a Dasa’ il 04.09.1902, ivi deceduti rispettivamente in data 31.12.1974 e 09.11.1988.

Pubblicato in ATTUALITÀ
mini I-gemelli-Nicola-e-Vito-GrattaE' stato rinviato al 24 gennaio il processo a tre persone accusate del duplice omicidio dei fratelli gemelli Vito e Nicola Grattà (foto), di 45 anni, avvenuto a Gagliato l'11 giugno 2010 nell'ambito, secondo l'accusa, dello scontro tra le cosche della zona ionica catanzarese e reggina e del vibonese. Il processo, in cui sono imputati Alberto Sia, Patrik Vitale, e Giovanni Catrambone, è stato rinviato alla luce delle dichiarazioni di un nuovo pentito di 'ndrangheta, Bruno Procopio. E' stato il pm della Dda di Catanzaro, Vincenzo Capomolla, a depositare, nel corso dell'udienza con rito abbreviato celebrata davanti al gup, i verbali resi da Procopio, che ha iniziato a collaborare dal 20 dicembre scorso, dopo essere stato arrestato nell'ambito dell'operazione "Showdown" condotta dai carabinieri contro le presunte cosche Sia-Procopio-Tripodi che operano nella zona di Soverato. Bruno Procopio, figlio di Fiorito Procopio che, secondo gli inquirenti, sarebbe uno dei principali esponenti del 'locale' di 'ndrangheta di Soverato, nelle dichiarazioni rese a Capomolla ha parlato anche del duplice omicidio dei due fratelli di Gagliato e per questo il pm ha deciso di chiederne l'audizione. Il collaboratore sara' sentito in videoconferenza. I tre  imputati sono stati arrestati dai carabinieri il 2 luglio 2010 su provvedimento emesso dalla Dda di Catanzaro. Una delle vittime della faida e' stato proprio il boss Vittorio Sia, padre di Alberto, ucciso in un agguato il 22 aprile del 2010. L'agguato mortale contro Vittorio Sia sarebbe all'origine, secondo l'accusa, del duplice omicidio dei fratelli Gratta'. Alberto Sia, insieme a Vitale e Catrambone, e' sospettato di avere rubato lo scooter utilizzato per l'agguato ai fratelli Gratta'.
Pubblicato in ATTUALITÀ

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Bruno Greco
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)