mini menchov caduta romaIl Giro è una giostra felice imbottita di sudore e passione. Una guerra di strategia contro l’asfalto ed il tempo. E’ un circo. Una città nomade fatta di giornalisti, biciclette e starlet che accarezzano in lungo ed in largo il Bel Paese. E noi lì - tutti in rosa - ad aspettarlo col cuore oltre le transenne e gli occhi incollati su un traguardo che poi, alla fine, ci racconterà che è stato il giorno di Enrico Battaglin. Ventitreenne di Marostica che dopo 6 ore ed un quarto di falsopiani e tornanti, con una volata veloce 50 chilometri orari, sbanca Serra San Bruno: la quarta città di tappa del 96° Giro d’Italia.

Pubblicato in LO STORTO

 

mini battaglinSERRA SAN BRUNO - Il veneto Enrico Battaglin, della Bardiani-Csf, si aggiudica la quarta tappa del Giro d’ Italia, tra le più lunghe della carovana rosa con i suoi 246 chilometri, partita da Policastro Bussentino, nel Salernitano, con arrivo a Serra San Bruno. Il 24enne ha battuto in volata altri due italiani, Fabio Felline e Giovanni Visconti, giunti rispettivamente secondo e terzo. Duecentosei sono stati i corridori presenti ai nastri di partenza. Una tappa, quella di oggi, caratterizzata dal maltempo, che ha interessato in particolar modo il tratto che collega Sorianello a Serra. Non è stata sicuramente una tappa facile, contrassegnata tra l’altro dal ritiro di Sandy Casar (FDJ), mentre al chilometro 180 sono finiti a terra Capecchi, Brambilla e Steegmans. A soli 10 km dal termine, Danilo Di Luca cerca l’allungo, ma è stato ripreso solo a 300 metri dalla linea del traguardo.

Pubblicato in SPORT
Lunedì, 06 Maggio 2013 12:14

Terza categoria, è un Serra REALe!

 

mini realserraSERRA SAN BRUNO - Va al Real Serra la semifinale dei playoff di Terza categoria. La squadra del presidente Bruno Masciari ha superato facilmente il Jacurso e accede così alla finale. Un incontro, quello andato in scena ieri allo stadio ‘La Quercia’, dominato dai giallorossi, che si sono resi pericolosi in più di qualche occasione. Già nella prima frazione, il Real Serra meritava ampiamente il vantaggio. Al 15‘ Carchidi si inventa un tiro da fuori area all’incrocio, ma l’intervento prodigioso di Persico ha salvato il risultato. Il primo tempo è un monologo della squadra di casa. Nella ripresa, la musica non cambia e dopo varie occasioni i locali passano in vantaggio, grazie ad un tiro dagli undici metri realizzato da De Caria, per una trattenuta evidente su Zaffino S. Passano quindici minuti ed i ragazzi di mister Pisani chiudono i conti con lo stesso Zaffino S. che, dunque, batte per la seconda volta Persico. Tanto entusiasmo sugli spalti, dove erano presenti anche una cinquantina di tifosi provenienti da Jacurso. Prima del fischio d’inizio, c’è stata la consegna di una targa da parte degli ospiti al patron Bruno Masciari, segno dello stretto legame che c’è tra le due società che, a breve, molto probabilmente - come del resto dichiarato nei giorni scorsi dal numero del Real Serra - si concretizzerà in un vero e proprio gemellaggio.

REAL SERRA: Franzè, Barreca, Politi, Capone S., Vallelunga, De Caria, Tripodi (35‘ st Stingi), Capone G., Carchidi, Zaffino M. (45‘ st Pisani V.), Zaffino S.. In panchina: Costa, Pisani, Andreacchi. All.: Pisani
JACURSO: Persico, Trovato, Giudice, Sodaro, Graceffa (29‘ st Elia), Fruci, Molinaro (38‘ st Esposito), Bongiovanni, Rondinelli (1‘ st Gallo V), Del Giudice, Perri (41‘ st Gallo E.). In panchina: Marasco Buccafurni, All.: Maiolo
ARBITRO: Scaramozzino di Locri
MARCATORI: 15‘ st De Caria (rig.), 30‘ st Zaffino S.
NOTE: Giornata nuvolosa. Terreno in buon condizioni. Spettatori 200 circa. Ammoniti: Capone G., Zaffino M. (RS). Angoli: 5 - 1 Real Serra. Recupero: 3‘ pt e 4‘ st
(articolo pubblicato su Il Quotidiano della Calabria)

Pubblicato in SPORT

mini libro_mirkoSERRA SAN BRUNO – Si terrà questa sera alle 18 a Palazzo Chimirri la presentazione del libro del giornalista Mirko Tassone “Dieci misteri certosini” ed. Falco. Aprirà la serata il presidente dell’associazione culturale Civitas Bruniana Bruno Tozzo, a seguire gli interventi del sindaco di Serra San Bruno Bruno Rosi, di Michele Falco della edizioni Falco. Relazioneranno intorno al libro il saggista Ulderico Nistico e l’autore di “Dieci misteri certosini” Mirko Tassone. Durante la manifestazione è prevista una personale di pittura dell’artista Celestina Fortuna. Interverranno anche la poetessa Bruna Filippone e la pittrice Antonella Di Renzo. Previsti anche intervalli musicali a cura del pianista Vittorio Vono e della cantante Valentina Viola. L’ultimo libro di Mirko Tassone ripercorre le tappe degli episodi più misteriosi e avvincenti legati alla Certosa di Serra San Bruno. L’antico monastero, fondato, da Bruno di Colonia alla fine dell'XI secolo, su un territorio donato dal conte Ruggero il Normanno, sorge nel cuore della Calabria, in provincia di Vibo Valentia. La sua fondazione ha avuto notevoli implicazioni politiche, poiché rappresentò un importante caposaldo per condurre a compimento l’opera di rilatinizzazione della Calabria centro meridionale, all’epoca influenzata dalla presenza greco-bizantina. Il volume si apre con una cronologia dei fatti salienti legati alla Certosa e ripercorre le tante vicende ricostruendone la genesi storica. Mirko Tassone, nato a Milano nel 1974, vive Tra Serra San Bruno e Roma. Collabora con diverse testate giornalistiche ed è corrispondente de Il Quotidiano della Calabria. Nel 2008 ha pubblicato il saggio Neofascismo e R.S.I. Il mito della Repubblica Sociale Italiana nella memorialistica e nella pubblicistica (Edizioni Settimo Sigillo), Nel 2011 si è classificato al secondo posto del concorso letterario  “Avventurosi sogni fantastici” (Roma) con un racconto  dal titolo Trent’anni dopo. 

(articolo publicato su Il Quotidiano della Calabria)

Pubblicato in CULTURA

 

mini giro2013SERRA SAN BRUNO - Il giro d’ Italia è alle porte e Serra si prepara ad accogliere nel migliore dei modi questo importantissimo evento. Martedì prossimo, dunque, la carovana farà tappa proprio nel paese della Certosa. I corridori arriveranno dalla Trasversale delle Serre, lato Soriano, usciranno allo svincolo Serra San Bruno e, una volta giunti in località ‘San Rocco’, percorreranno a senso unico via Alcide De Gasperi, per poi imboccare Corso Umberto I all’ altezza del Municipio. L’ arrivo, invece, è previsto intorno alle 15 in località ‘Calvario’. Ad essere coinvolti, però, non sono soltanto i ciclisti. Previste, infatti, anche delle iniziative rivolte anche alle scuole ed agli esercizi commerciali. Gli istituti primari hanno partecipato al concorso ‘Biciscuola’, che mira principalmente a far vivere da protagonisti ed a far conoscere ai bambini il 96° Giro d’ Italia. I piccoli saranno impegnati nella realizzazione di un elaborato o di un disegno, riguardante la manifestazione ciclistica, il cui vincitore sarà premiato il giorno stesso della premiazione del vincitore della tappa. L’ amministrazione comunale, però, ha ideato e promosso anche un concorso rivolto agli operatori economici dal titolo ‘Premia la vetrina’. I commercianti che allestiranno appositamente le proprie vetrine in occasione della tappa, concorreranno alla premiazione della migliore esposizione che verrà individuata da un’ apposita commissione. È prevista, infine, anche la realizzazione della ‘Notte rosa’, che si terrà sabato prossimo. I negozi rimarranno aperti per tutta la notte e, su corso Umberto, si esibiranno diversi gruppi musicali

 


Pubblicato in SPORT

mini Carabinieri-sorianelloFABRIZIA - Un piccione impiccato, appeso al cornicione della loro casa. E’ il macabro messaggio intimidatorio indirizzato ai testimoni di giustizia Giuseppe Mariano Iennarella, di Serra San Bruno, e alla moglie Laura Mamone, titolare della farmacia di Fabrizia. A fare la scoperta, ieri mattina, gli stessi coniugi che vivono in un’altra località e che, recandosi nella loro abitazione nel centro storico di Fabrizia, si sono trovati davanti la surreale scena del volatile che penzolava dal loro cornicione, sul lato della strada principale affinché tutti lo vedessero. L’episodio è stato segnalato ai carabinieri della locale stazione e della Compagnia di Serra, che hanno dato il via alle indagini

Pubblicato in ATTUALITÀ

mini Salerno-Nazzareno_2SERRA SAN BRUNO - Nazzareno Salerno, come cantava Mina, non gioca più e se ne va. Il Consigliere di maggioranza e Capogruppo del Pdl serrese – neo Assessore regionale – sta prendendo in ipotesi la possibilità di abbandonare nei prossimi giorni l’assise cittadina: “l’incarico assunto di recente potrebbe portarmi alle dimissioni. Sto valutando la possibilità di uscire dal Consiglio comunale”. Un dietrofront che ha tanto il sapore della ritirata strategica e che in realtà sarebbe, per Salerno, soltanto un maldestro tentativo per chiamarsi fuori dal ciclone che da qui a poco potrebbe abbattersi sull’amministrazione comunale, facendo leva sull’alibi del nuovo impegno di Assessore regionale.

Pubblicato in POLITICA
Giovedì, 25 Aprile 2013 13:31

Andreacchi, petizione nel vuoto

 

mini pasquale_2SERRA SAN BRUNO - Erano da poco passate le 19 dell’ 11 ottobre di tre anni fa. Pasquale Andreacchi, dopo essersi ritirato dal maneggio in compagnia del padre Salvatore, esce per comprare le sigarette ad un distributore poco distante dalla propria abitazione. Purtroppo, però, non fa più ritorno. La mattina seguente, la madre Maria Rosa non vedendo Pasquale a letto, si preoccupa e così inizia il tam-tam di telefonate a parenti e amici per capire se qualcuno lo avesse visto. Non avendo notizie, i familiari del gigante buono, amante dei cavalli, si recano presso il commissariato di Polizia per sporgere denuncia. Dopo una serie di attività investigative, è emerso che Pasquale avrebbe avuto dei problemi con un pregiudicato della zona per la compravendita di un cavallo non pagato.

Pubblicato in ATTUALITÀ

mini municipio_protesta_pdlSERRA SAN BRUNO - C’è un filo di rabbia negli occhi e nel cuore di ogni serrese che passa avvilito ai piedi di quel Municipio sempre più cupo e sempre più nero, di fronte al quale - come un’accozzaglia di turisti per caso - il Sindaco e company, fingono di stare accampati, in attesa di cosa, non è dato sapersi. Il Pdl locale protesta. Forse contro il Prefetto di Vibo Valentia, evidentemente colpevole di aver girato al Viminale la relazione della Commissione d’Accesso insediatasi al Comune di Serra San Bruno dopo l’arresto dell’ex Assessore Zaffino (attualmente in libertà). Allora il Sindaco s’indigna. Raduna la maggioranza, i giornalisti e qualche fedele sostenitore e in una conferenza stampa shock, al crepuscolo di una calda giornata d’aprile, si dice pronto all’automutilazione

Pubblicato in LO STORTO
mini municipio_serraEra il novembre 1983 quando Francesco Mancuso, storico "capobastone" dell'omonima famiglia morto nel 1997, risultava essere, direttamente dal covo dorato della sua latitanza in quel paese roccaforte di una delle famiglie ‘ndranghetiste più organizzate e sanguinarie di sempre, il primo degli eletti in quella famosa tornata elettorale. Negli anni ’80 non esisteva ancora la legge sullo scioglimento dei Comuni per infiltrazioni mafiose. Limbadi fece scuola con la firma “storica” di Sandro Pertini che ne decretò lo scioglimento, dando il via alla costruzione di una legge ad hoc varata poi 8 anni più tardi, a seguito della strage di Taurianova quando, nel bel mezzo di una faida, quattro persone affiliate alla ‘ndrangheta vennero ammazzate in pieno centro con a seguito il macabro gesto del tiro al piattello con la testa di uno dei quattro.
Pubblicato in ATTUALITÀ

Il Vizzarro.it - quotidiano online
Direttore responsabile: Bruno Greco
Redazione: Salvatore Albanese, Alessandro De Padova

Reg. n. 4/2012 Tribunale VV

redazione@ilvizzarro.it

Seguici sui social

Associazione "Il Vizzarro”

via chiesa addolorata, n° 8

89822 - Serra San Bruno

© 2017 Il Vizzarro. All Rights Reserved.Design & Development Bruno Greco (Harry)